[FUMETTI] Lo spiacevole ritorno di Zio Tibia, la recensione


Miei orrorifici Clockers, è disponibile da un po' di tempo in libreria questo bel volumone (oltre 300 pagine, 25€) che raccoglie il meglio di due storiche riviste di fumetti horror americane: Creepy e Eerie. Mai viste tante e tutte insieme.
Ce lo porta la Mondadori con la collana Oscar Ink, e mettendo insieme una selezione di trenta storie, propone Lo spiacevole ritorno di Zio Tibia, che peraltro vi avevo citato proprio nel post precedente.
C'è qualcuno che non conosce Zio Tibia?
No problem: seguitemi. Fino all'inferno. Quasi, dai.


Zio Tibia, in originale "Uncle" Creepy, era la mascotte dell'omonima rivista della Warren Publishing.
A questo personaggio, dalla cinica battuta sempre pronta, era lasciato l'onore di aprire e chiudere le storie a fumetti pubblicate sulla rivista. Storie di 6-8 pagine, a volte una decina, che spesso raccontavano coi disegni le famose opere della letteratura orrorifica.
Era il 1964, e due anni dopo la Warren Publishing bissa con Eerie, altra rivista antologica dove però è il cugino Astragalo (Eerie in originale) a fare gli onori di casa.
Lasciate aperta la bara che torno dopo su questi personaggi.



La Mondadori riprende questi superclassici dell'orrore a fumetti e ce li consegna in un tomo nero, diviso in due parti (Creepy e Eerie, appunto), con un ottimo apparato redazionale finale, che ripercorre la storia di questi magazine anche per come arrivarono in Italia (negli anni '70).


I fumetti proposti sono belle storie d'autore.
Spesso coi testi di Archie Goodwin, si fregiano del lavoro artistico di Morrow, Sparling, Torres, Crandall, Kaufman, Sutton e tanti altri.
L'ultima storia del volume si chiude, invece, con le parole di Poe.


Ma avevamo lasciato una bara aperta: beh, dovete sapere che Zio Tibia è stato un "pupazzo" famoso anche da noi, in un prototipo del programma Notte Horror, prima che divenisse tale.
Nel 1989 Zio Tibia Picture Show e nel 1990 Venerdì con Zio Tibia, prodotto in Italia, serviva da siparietto introduttivo e finale per il film trasmesso, a cui seguiva anche un episodio di serie antologiche sempre a tema horror.
Nella seconda stagione, c'era anche Astragalo. Cosa chiedere di più?
Eccovi una clip dell'epoca:



Per concludere, riguardo Lo spiacevole rtorno di Zio Tibia: un volume che gli amanti del fumetto vintage e dell'orrore non devono farsi scappare; poi, considerato che ci sono tantissime storie tratte dalla narrativa horror classica (Stocker, Poe...) è una garanzia di qualità.
Avevamo parlato già de La Maschera della Morte Rossa e vi avevo mostrato una tavola originale di quell'opera (QUI il post). Eccola com'è in edizione italiana:



Per concludere, volume prestigioso, qua e là qualche piccolo refuso (roba di pochissimo conto), ma traduzioni molto buone e grande attenzione generale.

Se ti è piaciuto, leggi anche

54 commenti:

  1. Caspita. 25 euro per 300 pagine: mi stuzzica anche perché, essendoci tanti riferimenti alla cultura horror, sarebbe la buona opportunità per il sottoscritto di fare un bel ripassino :D.
    Quasi quasi lo integro alla wish-list per il mio compleanno, tanto tra due mesetti ci siamo :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente ora lo troverai anche a meno... vedrai!
      Sì, non male per niente, come volume.

      Moz-

      Elimina
  2. Avevo inteso che "spiacevole" fosse un tuo commento al libro sin dal titolo dell'articolo. 😂
    Invece sembra un libro allettante per gli amanti del genere.

    Il personaggio lo conosco di fama, una sua versione non so quanto ufficiale introduce anche alcuni racconti della rivista di horror a fumetti "Tales of the Crypt" di cui ho la prima raccolta in edizione da libreria.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stessa cosa anch'io come Gas. Pensavo ad una roba malfatta. Mannaggia ai titoli😂😂😂

      Elimina
    2. In realtà quello di Tales of the Crypt è proprio tutt'altro personaggio, il Guardiano della Tomba (nei cartoon, Pelleossa), ossia il Cryptkeeper.
      Ovviamente la somiglianza, anche di forma, esiste: entrambi introducono storie dell'orrore^^
      Comunque... il libro è spiacevole di nome ma NON di fatto^^

      Moz-

      Elimina
  3. Oltre a questo volume, ne ho letti anche altri con lo zio Tibia, tutti apprezzatissimi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quelli anni '70 della Mondadori, mi pare...
      Si trovano in qualche bancarella, bellissimi^^

      Moz-

      Elimina
  4. Di Zio Tibia ho una vecchissima raccolta della Mondadori, adoro questi racconti brevi orrorifici a fumetti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, la Mondadori (che ovviamente è la casa di questo tomo)... belli, quei volumetti tascabili^^

      Moz-

      Elimina
  5. Ah anch'io ricordo lo Zio Tibia!!! Vero, pure io pensavo ad una tua recensione negativa ed invece...

    RispondiElimina
  6. Ma gli eroi della Tv e dei fumetti non dovrebbero essere tutti belli, buoni, dolci e gentili? A quanto sembra di capire Zio Tibia non ha nemmeno la più misera delle qualità ... 👺😃

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, se ti indicassi i miei fumetti preferiti... tutto sono tranne che così: Berserk, Batman, Diabolik, Punisher... XD

      Moz-

      Elimina
    2. C'è anche quella carogna di Lobo nell'universo DC.

      Elimina
    3. Ciao Gas, ma Lobo non è una carogna, anzi lui in quanto cacciatore di taglie le carogne le elimina.

      Miki, almeno son tutti bellocci che in qualche modo fanno breccia nel cuore delle donne.

      Elimina
    4. Insomma, l'essere belli conta :D

      Moz-

      Elimina
    5. Sì, Gennaro, però non lo definirei bello, buono, gentile... :D

      Elimina
    6. Bello sicuramente no...

      Moz-

      Elimina
  7. Ciao! Interessante ma un po' inquietante… mi sa che resto sui miei classici, Topolino e Tex Willer :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma guarda, in realtà sono storie divertenti... non fanno davvero paura^^

      Moz-

      Elimina
  8. L’ho visto in libreria, quando ci si poteva ancora andare. Tra l’altro dell’opera originale ne parla Stephen King nel saggio Danse Macabre (un encicolpedia dell’horror di una volta) e qualcosa sono riuscito a leggerla in digitale ma in inglese. Mi incuriosisce la traduzione: da Uncle Creepy a Zio Tibia, da Eerie a Astragalo. Ma si sono fumati l’imbottitura della bara? ( piccolo appunto polemico: questi adattamenti dei nomi ad cazzum mi fanno imbestialire perchè trasformano nomi evocativi in nomignoli da storielle. Come a dire questa non è letteratura quindi gli appioppiamo dei nomi cretini tanto chi vuoi che se ne accorga.)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che in Italia li abbiamo tradotti prendendo il lato comico del personaggio... che sì, si tratta di personaggi orrorifici ma comunque comici... col loro cinismo divertente... :)

      Moz-

      Elimina
  9. Ricordo bene lo Zio Tibia, magari dopo questa quarantena, può essere un buon acquisto.
    Sereno giorno.

    RispondiElimina
  10. Conosco quello televisivo, manco sapevo fosse pure cartaceo, comunque interessante ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh, o meglio... è pure televisivo oltre che cartaceo^^

      Moz-

      Elimina
  11. Non ho mai amato il genere HORROR, però il telefilm
    dello ZIO TIBIA me lo ricordo, e devo dirti che più
    che HORROR, io l'ho trovavo DEMENZIALE...senza offesa
    per gli amanti della serie, s'intende.

    A me invece il genere che mi ha sempre inquietato, è la
    FANTASCIENZA, io la trovo molto più spaventosa, ad esempio,
    per citarne qualcuno, "FRINGE", oppure "X FILES", o se vogliamo
    tornare ancora più indietro, mi viene in mente "AI CONFINI DELLA
    REALTA'"...ecco, questi si che secondo me sono HORROR.

    VABBE'! Comunque, per merito tuo, caro MikiMoz, mi è tornato
    alla mente un altro telefilm dimenticato...e quindi, GRAZIE!

    CIAO! CIAO!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dunque... Zio Tibia certo che è demenziale!
      È una caricatura vera e propria, che con ironia e cinismo introduce storie :)
      La fantascienza mai amata, almeno quella tout-court, ma sicuramente X-Files e Ai confini della realtà sono serie fantastiche... ma perché non propriamente di fantascienza :D

      Moz-

      Elimina
    2. Ma infatti io mi riferivo proprio alle storie,
      e non al pupazzo, che più che demenziale, era
      a dir poco ridicolo. :D

      Comunque concordo su X FILES e AI CONFINI DELLA REALTA',
      effettivamente non trattavano sempre temi FANTASCIENTIFICI,
      soprattutto il secondo, anzi, AI CONFINI, praticamente mai...
      però non hai citato FRINGE, il che mi fa supporre che ti
      faccia CACARE...o mi sbaglio?! XD

      CIAO! CIAO!

      Elimina
    3. Ahaha ma noooo sono storie tratte dai racconti di Poe e Stoker... come puoi dire questo XD
      Di Fringe vidi i primi episodi e sì, mi fa cagare il tema diciamo... ma apprezzai l'omaggio a Twin Peaks^^

      Moz-

      Elimina
    4. Forse hai perso un passaggio di quello che ho scritto,
      quindi ripeto: IO NON AMO IL GENERE HORROR, anzi, mi fa
      proprio CAGARE, e quindi a prescindere da POE oppure STOKER,
      per quello che mi riguarda, più che HORROR, io questo genere
      lo trovo davvero DEMENZIALE. Però devo anche dire che non conosco
      le opere degli autori che hai citato, ho forse ne conosco
      qualcuna, ma non ho mai saputo che gli autori fossero loro...
      chi lo sa!...AH NO! Aspetta! Me venuto in mente che STOKER ha
      scritto quella MERDATA che corrisponde al nome di DRACULA...
      se non mi sbaglio!
      VABBE' DAI! Ognuno ha i suoi gusti...però se ti può consolare,
      i messaggi che scrivo io, fanno di GRAN LUNGA PIU' CAGARE
      rispetto all'HORROR. XD

      CIAO! CIAO!

      Elimina
    5. Ahahahaha, sei un MITO^^

      Moz-

      Elimina
  12. Ma non doveva tornare anche in TV? Era in programma una serie, se non ricordo male, ma ormai sono passati troppi anni dall'annuncio. Se non sai o non ricordi bene manco tu, vado a fare una ricerca ma ci avevo fatto giusto un tweet, roba del 2014 o 2015.
    Comunque un volume imperdibile (di tanto in tanto, ho trattato queste storie brevi, anche se non erano con lo zio Tibia, però si ispiravano a lui). L'unica cosa che mi blocca è la corposità, ci metterei dei mesi a leggerlo e preferisco più le cose immediate, mezz'ora/un'ora di lettura e post.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma no, figurati: storielle a sé di 6-8 pagine, in due giorni lo hai finito :D
      Non sapevo niente del ritorno in televisione di Zio Tibia, lo scopro ora da te... sarebbe bellissimo, magari per introdurre classici dell'horror^^

      Moz-

      Elimina
    2. Ecco, dato che non ne sapevi nulla, come promesso ho fatto una ricerca veloce!
      Doveva essere una serie diretta nientepopodimeno che da Mnight Shyamalan!
      Tales from the crypt di Shyamalan, ecco a cosa si ispirerà il regista
      Articolo di oltre 3 anni fa... dato che non se ne è più sentito parlare, penso sia ormai tutto sfumato!

      Elimina
    3. E MENO MALE, visto le zozzerie che fa questo regista! È riuscito a fare il film più brutto della storia del cinema, ossia Split XD

      Moz-

      Elimina
    4. Ahahah pensa che a me è piaciuto molto Split, a deludermi parecchio è stato il terzo, Glass. Una porcata e un insulto a chi stava aspettando la conclusione della trilogia da 3 anni.

      Elimina
    5. Figurati a me quanto farebbe cagare Glass, allora^^

      Moz-

      Elimina
  13. No no no, questo non posso dire che mi sia mai piaciuto - ha ha ha ! Tanto meno ora. Ciao

    RispondiElimina
  14. ma quindi il guardiano della cripta della EC Comics (che ho recuperato grazie all'eccezionale lavoro della 001 edizioni) e lo zio tibia sono personaggi rivali???

    ho sempre creduto fossero lo stesso pg a cui cambiava il nome in base alle traduzioni :/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esattamente, sono rivali!! E siccome gli albi della Cripta sono degli anni '50, il Guardiano (che io chiamerò per sempre Pelleossa) sarà anche nato prima di Uncle Creep / Zio Tibia^^

      Moz-

      Elimina
  15. Prediligo l'ironia, non potrei non amare zio Tibia e i racconti. Anche una buona dose di cinismo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, era questo il bello... la battuta sempre pronta su ogni storia horror^^

      Moz-

      Elimina
  16. È un fumetto che mi interessa molto, grazie per la dritta, lo metto nella mia lista dei desideri.

    RispondiElimina
  17. Di interessante è interessante, ma il prezzo è altino.
    Io comunque me lo segno nella speranza che prima o poi appaia in qualche bancarella di fumetti ( molti li ho recuperati così).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse per la bancarella ci vorrà un po' di tempo, però penso che il prezzo sia sceso, magari su Amazon^^

      Moz-

      Elimina
  18. Un piccolo mito dell'adolescenza, quando presentava film horror alcuni dei quali parecchio improbabili :)

    RispondiElimina
  19. Che bei ricordi Zion Tibia!Però non avevo idea che fossero così vecchie le sue origini.A proposito di riviste e fumetti horror che mi dici fi Fangoria e Gorezone????

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fangoria mito! Peccato che in italiano non si trovi... anche se non oso pensare di quali film horror parli adesso.
      Però noi abbiamo Nocturno che dedica moltissimo spazio all'horror^^

      Moz-

      Elimina

grazie per il tuo commento :)