[AFFETTI PERSONALI] la mia diamonica (delle scuole medie)

 
Croce e delizia delle scuole medie, l'ora di musica non fu più solo qualche canto o l'accenno di robette teoriche: si doveva imparare a suonare uno strumento.
So che a molti è capitato il flauto, e magari si sono trovati agevolati anche in certi ambiti della vita, ma per la mia classe (e mi sembra scelta anche a votazione iniziale tra i due strumenti a fiato) venne selezionata la famosa diamonica.


Praticamente un minipianoforte da soffiarci dentro, che sennò non suonava.
E c'erano due modi: uno era in stile piffero, appunto, applicando il bocchino nero e suonando con la mano destra mentre la sinistra reggeva il manico in pelle.
Questo era ovviamente il metodo tradizionale, da "saggio" di fine anno.
Poi c'era quello con il tubo bianco, che permetteva di avere la diamonica poggiata come fosse una vera e propria tastiera.




Vi ho già raccontato cosa hanno rappresentato per me le scuole medie (QUI), eppure ricordo che non presi subitissimo confidenza con questa nuova materia.
Chi, della classe, suonava già il pianoforte, era avvantaggiatissimo divenendo anche il preferito del professore.




Tutti gli altri storpiavamo a gogo vari brani: per fortuna non solo classici, perché ricordo che imparammo anche musica pop come Hymne di Vangelis, Yellow Submarine dei Beatles, o persino la sigla della fiction Amico Mio (QUI).
Momento schifo: c'era un pulsantino centrale alla fine della tastiera; premendolo e soffiando, veniva fuori tutta la condensa della saliva, e fare questo occorreva per "ripulire" la diamonica.

Voi avete mai imparato a suonare uno strumento a scuola?
Se sì, vi è tornato utile nella vita?

Gli altri miei Affetti Personali

61 commenti:

  1. Oh, questo strumento è stato oramai dimenticato...Nella mia classe invece eravamo divisi in due gruppi: flauto e..chitarra! Io scelsi la chitarra. Strimpellavo, poi ho smesso. Contemporaneamente seguivo le lezioni di musica private per il pianoforte.

    (ahha, la battuta sul flauto :D)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, non so se si usi ancora, la diamonica! 🤩💪
      Bella la chitarra, ma immagino che costasse già molto di più...!

      Moz-

      Elimina
  2. Sto coso ce l'aveva mio fratello, ahahahah! Ogni tanto ci giocavo e ci soffiavo dentro, ma mi faceva schifo, mi dava un senso di sporco. XD

    Alle medie la mia classe ha fatto "flauto di plastica" (perché quel coso non puoi chiamarlo "strumento musicale", è un'offesa agli strumenti veri XD): il primo anno è stata una barzelletta, perché l'insegnante non ci faceva suonare mai, pretendeva che in ogni pagina del quaderno ci fosse un disegno a tema, e la nostra bravura in musica dipendeva dalla bellezza dei disegni. Era una succursale dell'ora di arte, in pratica. ^^"
    Questa tizia addirittura ci toglieva un voto se sotto le note musicali non scrivevamo il nome, quindi pensa te quanto abbiamo imparato.

    Al secondo anno abbiamo avuto un professore di musica vero: alla prima lezione si presenta e fa "Bene, mettete fa diesis e do diesis in chiave, vi insegno a suonare Dolce Sentire".
    Sguardi ammutoliti tra i presenti.
    "Avanti, mettete fa e do diesis in chiave, cosa state aspettando?"
    "Ehm... scusi prof... noi non sappiamo cosa siano".
    Giurin giurella, quello del professore è stato il primo facepalm della storia, documentato da 27 studenti! Ahahahahahah! 😂😂😂

    Non era un professore perfetto perché anche lui non è che ci avesse spiegato solfeggio o dividere il tempo (avrà capito che eravamo un branco di capre che dopo un anno non sapeva leggere due pentagrammi e non avrà voluto infierire), però dopo i suoi insegnamenti ho iniziato a studiare clarinetto, e l'insegnante di clarinetto si è complimentato perché ho avuto un bravo professore.

    Facessimo musica oggi altro che le note scritte sotto, sarei la prima della classe. 😎

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellissimi ricordi!
      Certo, un buon professore è qualcosa in cui sperare sempre.
      Perché un pessimo professore ti rovina senza pietà... cioè, fare disegni nell'ora di musica... mah.
      Meno male che hai potuto recuperare...
      Clarinetto? Come Dylan Dog!

      Moz-

      Elimina
    2. Quella professoressa l'avranno trovata in un sacchetto di patatine: che razza di insegnante di musica pretende una legatura di frase per tutti i pentagrammi, sennò lo spartito è sbagliato e ti toglie un voto? La legatura di frase la usi se serve, per indicare che quella frase musicale si suona con un'unica emissione di fiato, mica è una cornicetta da mettere per sport! Se la usi per tutto il brano musicale, mi ci vuole un polmone artificiale per suonare! 😅

      Quella tizia ha davvero rovinato una classe, perché a parte me e un paio di compagni, gli altri non riuscivano manco a soffiare sullo strumento e contemporaneamente alzare le dita. Negati proprio.

      Elimina
    3. Che brutta cosa, mamma mia.
      Ma gente così, io dico, che CAZZO insegna a fare??

      Moz-

      Elimina
    4. Eh, purtroppo quando finisci nei giri giusti, leggi STATALE, non ti cacciano manco quando sei manifestamente incompetente. Ci aveva insegnato a scrivere le note in un pentagramma? Bona, per quello che conta la musica nell'istruzione italiana aveva fatto pure troppo. ^^"

      Io avevo il professore di matematica di liceo che si VANTAVA di non saper leggere uno spartito, e trovava che chi sapesse farlo fosse solo un babbeo perdigiorno che sprecava tempo in stupidaggini.

      Ecco, questa è l'importanza della musica nel sistema scolastico italiano.

      Elimina
    5. Insomma, Ransie... hai avuto dei docenti assurdamente strani.
      Pensa che la musica, di suo, è molto matematica... che diritto aveva quel tizio (manco lo chiamo insegnante) di dire una cosa simile?

      Moz-

      Elimina
    6. Questo professore era il vicepreside di una scuola nota per essere un ambiente estremamente reazionario, di quelli che fosse per i professori che ci insegnavano l'anno prossimo saremmo nel 1815. Trattandosi del vicepreside, e avendo sopra di lui un preside fantoccio e come colleghi un branco di pagliac... ehm, devoti schierani, questo tizio si credeva l'Unto del Signore, e se ne approfittava per dettare legge e fare il lavaggio del cervello ai suoi studenti.

      Quella sulla musica era anche una sparata innocua a confronto, tra le sue notevoli alzate d'ingegno ricordo:
      -le donne non sono biologicamente portate per la matematica perché gli ormoni femminili le rendono molto più ansiose e propense all'agitazione rispetto agli uomini;
      -il calcio e il basket femminile sono degli orrori, lo sport per le donne è la pallavolo;
      -le donne dovrebbero andare in giro con le gonne lunghe, e non con i pantaloni, così nasconderebbero tutti i difetti tipo cellulite, coscioni... (che caxxo di difetti dovrebbe nascondere una ragazzina, emerito idiota?)
      -se fai una tesina di maturità sui gay sei gay anche tu (ed essere gay è male, lo dice la Bibbia);
      -la massima aspirazione per una ragazza dovrebbe essere sposarsi col fidanzatino del liceo e essere mantenuta dal marito.

      Pensa che questo tizio ha persino firmato una petizione al Papa "contro l'aborto e l'educazione all'antinatalismo degli adolescenti e preadolescenti". Ahahahahahahahahah!XD

      È stato fortunato ad andare in pensione prima dell'era social, con tutte queste perle il Signor Distruggere ci avrebbe scritto una saga letteraria degna di Harry Potter!

      Elimina
    7. Ma dove cazzo sei andata a scuola? 😅😂
      Fuori al cancello c'era scritto IL LAVORO RENDE LIBERI, per caso? 😂

      Sinceramente, noi la prendiamo a ridere ma una persona che dice cose simili dovrebbe essere internata... È una versione distorta e malata di un cattolico.
      Spero stia bruciando all'inferno 🧡

      Moz-

      Elimina
  3. La musica è la colonna sonora della mia vita ma nella prima fanciullezza la odiavo.Dai sei agli otto anni mi ha tormentato per due pomeriggi alla settimana lezione di piano. Dopo ho capito, quando ho inominciato a suonare qualche melodia compiuta leggendo il pentagramma è nato un amore intenso. Male e poco, suono ancora. Nel mio periodo alle "Medie" la lezione di musica non era materia di studio.
    Ciao Moz.
    fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh, quando ci sono queste imposizioni è dura...
      Purtroppo è così: i bambini vogliono giustamente giocare, e certe cose sono una palla assurda...

      Moz-

      Elimina
  4. Mi piacerebbe saper suonare uno strumento, ma niente. Alle medie la nostra insegnante avevo non so quale problema di salute per cui non ci insegnarono nemmeno il flauto, che a quei tempi imparavano tutti. Le sue lezioni consistevano in un po' di solfeggio (rimosso del tutto) e nel farci sentire dei brani di musica classica dopo aver illustrato la vita del compositore di turno. Credo sia un miracolo che non mi sia mai addormentata, e comunque tre anni di queste "lezioni" non mi hanno lasciato nulla.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Peccato, davvero.
      Allora, ricordo anche io che qualcosa si ascoltava, ma era alle elementari... con Bach e la sua Fuga, per dirti... Alle medie sicuramente anche, però per fortuna (!?) c'era anche la pratica!

      Moz-

      Elimina
  5. Che schifo il pulsantino per la pulizia!!! Renderla smontabile sarebbe stato meglio secondo me.

    Io alle scuole medie ho avuto il flauto come strumento da imparare, ma con tutto che mio padre era appassionato di musica avendo tastiera elettrica, chitarra, fisarmonica, varie armoniche, e costruendo lui stesso flauti di canna, a me la musica è sempre piaciuta esclusivamente come ascoltatore. 😄
    Quindi imparare il flauto a scuola fu molto arduo, in pratica per quei due o tre componimenti che dovetti per forza riuscire a fare, imparai la sequenza dei movimenti delle dita a memoria, ma non sono mai riuscito a collegare le note sullo spartito (che comunque imparai presto a leggere, anche con diverse chiavi) a come realizzarle con uno strumento musicale.
    In prima media in realtà non ci fu impartito alcuno strumento musicale, il professore preferiva farci imparare canzoni a memoria, passando da "La pulce d'acqua" di Branduardi a "La donna riccia" di Modugno...
    Il flauto entrò quindi in scena in seconda media, con una nuova professoressa che tolse le canzoni e introdusse appunto flauto e soporifere lezioni di storia della musica.
    In terza media, infine, nuovo cambio di docente, con un giovane che vantava a ogni occasione di essere stato a Chicago (mai capito perché!) e che oltre a proseguire le lezioni di storia delle musica ci fece costruire uno strumento musicale a piacere, da soli o in coppia con un compagno. Fu così che, assieme al mio migliore amico dell'epoca, costruimmo il Prismofono, in pratica una chitarra di compensato con cassa a forma di parallelepipedo e corde di nylon da pesca...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chicago nel passato fino agli anni 60 era tra le maggiori città americane fucine e fulcri della musica a 360° particolarmente di alta classe come il jazz e il blues dove i maggiori artisti americani si erano formati e dove collezionarono i successi che li portarono alla fama internazionale.
      Quindi il tuo prof voleva passarsi a un incredibile artista istruito dai migliori e noti artisti musicali moderni ahaha.

      Firma

      Elimina
    2. Sì, penso anche io che la questione di Chicago sia come dice Firma.
      Comunque, che canzoni pallose, per dei ragazzini, quelle due di Modugno e Branduari...!! XD
      Bellissimo il prismofono... avete avuto una bella idea tu e il tuo compagno!!

      Moz-

      Elimina
    3. Direi che l'ultimo professore è stato il migliore. Dalla descrizione, questo prismofono mi sa di qualcosa che avrei visto bene in mano ad Huck e Jim :)

      Elimina
    4. Ahaha pure io ho pensato a una cosa simile^^

      Moz-

      Elimina
    5. "Mentre cotone spunterà, mortali lotte i galli fanno già..." 😃

      Elimina
    6. Oggi censurerebbero questa frase^^

      Moz-

      Elimina
    7. Una delle mie canzoni preferite dei cartoni animati.

      Elimina
    8. Per me un po' vintage, ma sì, molto bella^^

      Moz-

      Elimina
  6. Alle scuole medie, anch'io usavo la diamonica.
    Serena notte.

    RispondiElimina
  7. Ce l'ho. Seminuova, ma ce l'ho ancora. Una delle poche cose che non ho buttato nel trasloco.
    Credevo di averne già parlato da te e non vorrei ripetermi.
    Comunque l'ho usata solo in prima media, perché poi chiesi il permesso alla prof. di utilizzare la mia tastierina Bontempi a pile (che possiedo tuttora) e lei accettò. Dopo due o tre mesi tutti ne comprarono una uguale alla mia e ventisette diamoniche furono abbandonate in autostrada. Ahahah
    Insomma, pensavo che avrebbe acquisito valore col tempo, visto che già all'epoca sembrava uno strumento arcaico, ma così non è stato.
    Quasi quasi la butto. 😅

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah, ma si saranno incazzati i genitori, ad aver acquistato una diamonica mai usata... no??

      Moz-

      Elimina
  8. Mai avuto talento musicale, ma quella pianola a fiato me la ricordo molto bene e la trovavo molto particolare come concetto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, ma alla fine penso sia molto meglio questa che il piffero :D

      Moz-

      Elimina
    2. Per particolare intendevo affascinante, essendo una combo fra due cose diverse (un pò come quella chitarra con i tasti al posto delle corde).
      Per piffero intendi il flauto dolce? Nel caso si,decisamente molto meglio e più divertente.

      Elimina
    3. Io adoro quello strumento che hai citato... una trashata anni '80 coi fiocchi^^

      Moz-

      Elimina
  9. Il flauto dolce, naturalmente.
    Se mi è servito saperlo suonare? Mah!
    Forse un paio di volte che ho salvato il mondo...
    ma forse no.
    Però dai, suonare qualsiasi qualcosina è sempre buono.
    Sempre bello

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse quando ti sei sostituito al pifferaio di Hamelin e hai tolto i topi dal regno!**
      Vero, aper suonare qualcosina è bello!

      Moz-

      Elimina
  10. Ma sai che ce l’ho ancora, quella del figlio dell’ 83. L’altro usava il flauto. È uno strumento versatile, ma io preferisco la chitarra, che è da un po’ che non la suono. Dovrò riprendere.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bello saper suonare un po' la chitarra... perché fa subito aggregazione!^^

      Moz-

      Elimina
  11. Non mi è mai capitato questo strumento,a me è toccato il flauro.Però ai tempi delle elementari i miei mi fecero studiare pianoforte,quindi poi l'ora di musica a scuola era una barzelletta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avvantaggiatissima, infatti.
      Come un paio di ragazzini che venivano in classe con me: erano già pratici^^

      Moz-

      Elimina
  12. flauto per me! i miei ebbero la brillante idea di comprarmene uno in legno che secondo me era più difficile da suonare rispetto a quello in plastica. Non ho più suonato nulla dopo le medie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse hanno addirittura speso molto più del richiesto, con quello in legno... :o

      Moz-

      Elimina
    2. mah, non si navigava certo nell'oro in quel periodo, magari si erano fatti abbindolare dal negoziante D

      Elimina
    3. Ahaha, se uno sa vendere, risolve sempre la giornata^^

      Moz-

      Elimina
  13. Ma solo io non ho mai suonato un piffero a scuola?! (antinomia voluta..). Che poi mi sarebbe piaciuto.. infatti suonare il piano è tra i cinque desideri espressi da Mariella.. ahah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh Frank... io penso che non sia mai troppo tardi! Prendi lezioni, almeno per strimpellare un poco!!
      🤓💪

      Moz-

      Elimina
  14. La dannata diamonica... ahahahahah! Tanto amata e odiata nello stesso tempo! Ahahaha! Che ricordi terribili, soprattutto di bava nel tubo da pulire ogni volta.. ahahahahaha!
    La tua è carinissima! io avevo quella classica beige nella custodia marrone.. chissà se è ancora in garage da qualche parte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, devo dire che la mia, celestina, era... PRO, diversa da quella classica beige.
      Forse ci costò pure di più... XD

      Moz-

      Elimina
  15. Quanto la odiavo e che suono orrendo che faceva. Sempre odiato questo oggetto infernale e non ho mai capito perché nell'ora di musica non si potesse studiare la chitarra o il pianoforte o qualsiasi altro strumento vero! Poi crescendo ho capito che quegli strumenti costavano ben più che una pianola di plastica che funziona a sputo. Chi l'ha inventata ha fatto un affare. Chissà chi è stato...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah effettivamente PIANOLA CHE FUNZIONAVA A SPUTO si adatta bene alla natura di questo strumento XD

      Moz-

      Elimina
  16. Purtroppo il classico flauto a me, però la diamonica avevo lo stesso, e non ti dico lo schifo ogni volta :D

    RispondiElimina
  17. Mio dio quanto la odiavo. Ma solo per un motivo, che tu hai ovviamente sottolineato: la saliva! Noi comunque la chiamavamo "clavietta", e mai diamonica. E la mia era quella della Bontempi: https://img.likesx.com/upload/4/90/4905295990c0ed64621758b58ee61684_thumb.jpg
    Sapevo suonare soltanto la canzone della Barilla, un po' dell'Inno alla Gioia, e poi sicuramente qualcos'altro che provarono a insegnarci, ma con scarsissimi risultati :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa Bontempi era la super-classica usatissima da tutti!
      Clavietta mai sentito... Oo
      Inno alla Gioia... anche noi! Ahahaha XD

      Moz-

      Elimina
  18. Noi la chiamavamo "clavietta". Uno degli strumenti più irritanti mai creati. E poi era veramente zozzo.
    A proposito: il suo nome più corretto è "melodica".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sapevo che diamonica era il nome tecnico, mentre melodica era quello "popolare"... ma quindi mi sa che è l'esatto contrario^^

      Moz-

      Elimina
    2. Penso proprio di sì. Comunque sono tutti sinonimi.

      Elimina
  19. Una clavietta la vinsi a una pesca parrocchiale, ma essendo sorda ci spernacchiavo e basta... Alle medie facevamo flauto, mai imparato un tubo di lettura spartiti, memorizzavo la posizione delle dita e non distinguevo una nota dall'altra. Tanto in 3 anni avremo imparato 3 brani, ricordo ancora l'incipit di Musette: reeee do si la sol, reeee do si la sol, si do re do, boh. Mio figlio avrà imparato ancora meno di me. Brutto mestiere il prof di musica...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahaha!! XD
      Effettivamente è una materia un po' particolare... sono cose per cui devi essere portato, non puoi nemmeno sperare che i ragazzi vogliano imparare per forza o siano interessati...

      Moz-

      Elimina
  20. ciao, io suonavo solo il flauto. Ma io non ero per niente portata. Mio fratello aveva questo mini pianoforte, deve averlo ancora da qualche parte. Ricordo che gli era arrivato per Santa Lucia. Dopo di questo ha voluto la chitarra.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, e quella gliel'ha portata Babbo Natale?? 🤓👍
      Fico però!!

      Moz-

      Elimina