[PUBBLICAZIONI] Missione Salute, gli opuscoli del Governo (2003)

 



Venti anni fa veniva rilasciato dal Ministero della Salute del Governo Berlusconi II il contenitore Missione Salute: un raccoglitore azzurro con dentro sei diversi opuscoli, destinato ai giovanissimi, e per questo realizzato in modo che fosse molto d'acchiappo.
Anche grazie alla giappomania dell'epoca (vedi QUI) e alla moda dei fumetti che era esplosa inesorabilmente...



Distribuito nelle scuole, questo contenitore era accompagnato da una lettera degli allora ministri della Salute (Girolamo Sirchia) e dell'Istruzione (Letizia Moratti).
Progettato per essere distribuito nelle scuole superiori, Missione Salute conteneva appunto sei opuscoli illustrati, ognuno col proprio stile, e nacque dalla collaborazione tra i due Ministeri.
Io ero già all'università ma evidentemente qualche mio amico più giovane me lo regalò dopo averlo ricevuto a scuola; ho scoperto che i testi sono di Vincenzo Perrone, che è il mio capo redattore nella rivista Anime Cult!
I sei opuscoli sono

  • Aiuto, sono a casa: incidenti domestici ed elementi di primo soccorso;
  • L’amore con amore: relazioni interpersonali, educazione alle emozioni e alla sessualità;
  • La trappola chimica: droghe, alcool, tabacco, doping e anabolizzanti;
  • Virus: A.I.D.S. e malattie sessualmente trasmesse;
  • Mangi? Non mangi?: alimentazione e disturbi collegati;
  • Chris e Leda: trapianti e donazione di sangue e organi.





Come ogni prodotto del governo che riguarda temi così particolari (ricordate gli spot ministeriali su AIDS e droga? Cliccate QUI per rivederli!), anche Missione Salute venne bersagliato dall'opposizione dell'epoca.
Effettivamente, venendo da un governo di centrodestra, certi argomenti passarono in un determinato modo, diciamo da "catechismo".
Tuttavia, ricorda Perrone, la bozza di lavoro (con dentro un'infinità di informazioni fondamentali e corrette) prese vita col governo precedente, di centrosinistra, e solo in parte modificata al passaggio di testimone.
Però nella revisione definitiva del nuovo Governo passarono certamente messaggi di tipo più bigotto e conservatore: poco sesso, niente preservativi o interruzioni di gravidanze, e droghe tutte uguali senza distinzione tra leggere e pesanti. Anche l'omosessualità o qualsiasi altra sfumatura sessuale erano tenute all'angolo.
Ciò bastò per scatenare le polemiche: pare che molti dirigenti scolastici nemmeno abbiano mai distribuito gli opuscoli, rimasti così negli scatoloni.
Un progetto, peraltro molto bello e importante, rovinato dalle solite visioni oscurantiste di certi politici e dalle polemiche che ne seguirono.
Ma torniamo al lato pop della questione: sicuramente il libricino più "manga-style" è quello illustrato da Daniela Durisotto, L'amore con amore, che ci regalava anche omaggi particolari:





Mangi? Non mangi? vedeva ai disegni Eva Villa, in un pulito stile euro-manga moderno che all'epoca stava prendendo piede:




Aiuto, sono a casa proponeva invece uno stile diverso, quello più italiano e caricaturale, fumettistico, affidato a Fabiana Iacolucci con colori di Francesco Odorisio:




La trappola chimica è il più particolare, grazie allo stile e ai colori di Paolo "Piru" Maddaleni:





Virus, dalla copertina, richiama un po' lo stile alla Luca Enoch o alla Legs Weaver, che mischia influenze giapponesi col fumetto italiano. I disegni erano di Federica Manfredi.






David Messina venne invece chiamato a illustrare Chris e Leda, che, anche per via delle tematiche, si fregiava di atmosfere quasi futuristiche.





Ad accompagnare questi sei opuscoli, che appunto sembrano sei albi a fumetti, c'era -come detto- la lettera dei ministri Moratti e Sirchia.





Era dai tempi dell'americano Cartoni animati contro la droga (vedi QUI) che non si vedeva un uso così particolare della cultura pop; peccato che sia stato rovinato dalle solite storie all'italiana...
E voi? Ricordavate il progetto Missione Salute?



50 commenti:

  1. In quel periodo preparavo gli ultimi esami universitari, e comunque non mi è parso di vedere in circolazione questi opuscoli, nemmeno di striscio in casa di qualcuno con figli in età scolastica, o gettati per strada. Ricordo vagamente qualche pubblicità su essi, ma seguivo pochissimo la televisione poiché volevo chiudere i conti con l'università e mi concedevo ben poca tv.
    Ce ne furono altri di opuscoli, in materia soprattutto ambientale, quando facevo le elementari, e ricevemmo anche un diario (che conservo tutt'ora), sull'ecologia, con consigli e "buone creanze" accompagnati da divertenti vignette. Peccato che arrivò nelle nostre classi ad anno scolastico già ben iniziato quando un diario ce l'avevamo già tutti (anche se qualcuno lo usò al posto di quello che aveva comprato).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh già, purtroppo alcune cose, belle, arrivavano fuori tempo massimo!
      Io di opuscoli fatti bene ne ricordi alcuni Legambiente e WWF, bellissimi anche nell'arte utilizzata.
      Dovrebbero tornare a realizzarli, specie adesso!! ♥️🤓🤩

      Moz-

      Elimina
  2. Il metodo di comunicazione si adatta a chi deve recepire il messaggio. Mi sembra una scelta giusta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, infatti dovrebbero riproporre cose del genere anche oggi, col ritorno della moda dei fumetti e cartoon... 😎💙

      Moz-

      Elimina
  3. "niente preservativi"

    Non bastava specificare che i rapporti promiscui sono a prescindere pericolosi?

    "e droghe tutte uguali senza distinzione tra leggere e pesanti."

    Scemenza della sinistra le droghe sono nocive a prescindere!

    Questi opuscoli sono inutili a prescindere perché tanto le cose non cambiano dopo un calo durato anni il consumo di tabacco tra i giovani sta di nuovo aumentando ☹️ vedo tanti ragazzi fumare marijuana in uno dei parchi del mio Comune ☹️ spinti dalla sinistra che questo vuole avvelenare le nuove generazioni.
    Bella cosa la sinistra...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh in realtà la sinistra vuole differenziare (vero che la droga è droga, sempre) mentre la destra ha sempre usato le droghe da ricchi, come la coca, generalmente usata proprio da una frangia destrorsa e figli di papà... Insomma la differenza poi è sul campo.
      La sinistra non va più di moda da tempo, se i ragazzi fumano cannabis non è colpa o merito della politica... Abbiamo avuto ultimamente governi di destra, comunque 😅
      Sui preservativi: bisogna fare giusto dialogo, sia per i rapporti promiscui sia per quelli di coppie stabili. Il preservativo lo si usa anche in relazioni ufficiali, magari quando la ragazza non può prendere la pillola... 💪
      Insomma, la destra sempre indietro anni luce, popolo delle libertà... negate agli altri, ma solo per i pochi (divorziati, viziosi ecc...) Ma almeno sono da barzelletta 🤣

      Moz-

      Elimina
    2. "La sinistra non va più di moda da tempo, se i ragazzi fumano cannabis non è colpa o merito della politica... Abbiamo avuto ultimamente governi di destra, comunque"

      ?

      Quello della Meloni è il primo governo di destra dal 2011 negli ultimi 12 anni 10 anni di PD, 14 mesi di antisistema Giallo-Verde, due governi tecnici. La sinistra ha dominato quest'ultima epoca colpa loro se è aumentato il consumo di tabacco.

      La cannabis e simili fanno male molto male ANTISCIENTIFICO far passare per normale drogarsi con la cannabis e simili.

      Preservativi ognuno fa come vuole certo che i rapporti promiscui che esistono da sempre sono pericolosi a prescindere.

      Elimina
    3. Io non vedo un governo di sinistra da tempo immemore; qualche sciapo centrosinistra che comunque non promuoveva di certo tabacco e cannabis (ma quando mai? 😅)
      La Meloni manco la considero, è come se non esistesse nemmeno... per fortuna sembra che nemmeno passi il messaggio che sia la prima premier donna, "grazie" al maschilismo ancora imperante (e al fatto che questo sia la riproposizione di un passato governo Berlusconi, berlucentrico).. Infatti la aspettiamo ancora, una prima premier donna italiana... 😎
      La cannabis fa male in quanto droga, fa bene se a uso terapeutico, non sto a sindacare su questo ( io non faccio uso di droghe) ma si parla semplicemente di fare chiarezza sulla questione. Magari parlare del giro miliardario che c'è nello spaccio, gestito dalle mafie; o delle droghe anche in passato immesse nei tessuti sociali grazie ai servizi segreti (e quindi ai governi...). Insomma, non bisogna fare solo il discorso di facciata... 💪

      Moz-

      Elimina
    4. @gravo informati,la cannabis ha molti effetti terapeutici,solo gli ottusi pensano che le droghe siano tutte uguali. Vincenzo

      Elimina
    5. Ciao Vincenzo!

      Sono contrario al fumo al 100% comprese sigarette elettroniche e simili una battaglia che porto avanti sin da bambino!
      Forse un bicchiere di vino rosso fa bene non una canna.

      P. S. Sugli effetti terapeutici nulla da dire ma per godimento personale sono e rimarrò per sempre contrarissimo ma anche per il semplice tabacco.

      Elimina
    6. Io penso che per alcune cose non ci sia niente di male.
      Se ad esempio mi capita buono, un buon sigaro lo fumo: me lo gusto, mi piace; amici miei fumano la pipa. È una cosa meditativa.
      Non sono schiavo della cosa (non tocco tabacco da un anno, direi) non cado nel vizio.
      Idem amo bere, adoro buone birre (in passato ho contribuito anche a crearle!), adoro whisky, amari, liquori... e anche cocktail, di cui per alcuni sono proprio un amante (Ramos Gin Fizz, Manhattan, Americano, Negroni, Gin Tonic, un buon Cuba Libre fatto bene... Ieri ho assaggiato un cocktail molto buono, per dire...) Sono alcolizzato? O dipendente? Assolutamente no... Mi piacciono certi sapori, è come il cibo, anche troppo cibo è un guaio, ma mangiare non è un problema (anche cose che fanno male... sempre!) 😅
      La cannabis se non manomessa dalla criminalità, è semplicemente un'erba fumata... Ha degli effetti, come li hanno anche altre erbe, che però non fanno business e non sono illegali... Nessuno le fuma perché non c'è nemmeno mercato dietro: è questo il problema 🤣💪

      Moz-

      Elimina
    7. Io sono del tutto contrario senza nessunissima mediazione!
      Spero in una legge simile anche in Italia

      https://www.quotidianosanita.it/m/cronache/articolo.php?articolo_id=109706

      Elimina
    8. @gravo non servono leggi proibizioniste,se vuoi ti droghi,se non vuoi no,si chiama libero arbitrio,d 'altra parte l alcool è legale..Vincenzo

      Elimina
    9. Rischiando di uccidere gli altri?
      La Nuova Zelanda per me va presa come esempio.
      Ne conosco di persone rovinate dalla droga alcuni finiti al cimitero :(

      Elimina
    10. Proibire significherebbe dare ancora più potere alla criminalità.
      Educare è l'unica chiave. Se uno si ubriaca e uccide qualcuno, significa che io per colpa sua non devo più godermi uno scotch whisky in santa pace? No, significa che quello lo crepi talmente tanto tra multa e privazioni che la gente la smette di fare la scem.
      Che tanto, ripeto, se proibisci queste cose comunque le persone si ubriacheranno... illegalmente.

      Moz-

      Elimina
    11. Non ho mai menzionato l'alcool che secondo la scienza in piccola quantità fa anche bene (il classico bicchiere di vino rosso a tavola) mentre sempre seconda la scienza il fumo fa male a prescindere...

      "Proibire significherebbe dare ancora più potere alla criminalità."

      Il dubbio amletico rimane regolare il tabacco ed eventualmente le droghe "leggere" pur portando sulla coscienza tante vite umane oppure contrastando facendo diventare più forte la criminalità organizzata? Io propendo per la seconda.

      Elimina
    12. Rifletti: la criminalità diventa più forte, fa ancora più male alla gente; inoltre proibisci cose che la gente ha comunque, rovinandosi lo stesso... Doppio danno! 🤣 È proprio una cosa logica, purtroppo...

      Moz-

      Elimina
    13. La Nuova Zelanda non si porterà più sulla coscienza tante vittime. Sono stupidi in Nuova Zelanda?
      Gli interessi sono troppo grandi per fare come la Nuova Zelanda ne guadagna anche la sanità privata.

      Elimina
    14. Forse non hanno malavita e mafia...

      Moz-

      Elimina
  4. Avevo 11 anni in quell'anno mai visti sembrano più di metà e fine anni 90 che dei 2000, carini ma inutili i ragazzini di quegli anni sapevano benissimo tutte quelle questioni e come prevenirle vennero scartarti dal principio molti solo perché erano disegnati come quelli dei bambini li avrebbero gettati subito all'immondizia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come sempre non hai capito niente. E non me ne stupisco 😅
      Non erano destinati a te che avevi 11 anni ma agli studenti dei primi anni di superiori; all'epoca non si sapeva tutto e anche oggi i ragazzi sanno poco; lo stile fu scelto proprio per fare presa, visto che c'era un moda di fumetti e cartoons proprio in quella fascia d'età.
      Non rispondere fino a quando non ti registri o non spieghi in modo logico e serio perché non ti registri, altrimenti cancello ogni tuo altro commento 💪

      Moz-

      Elimina
  5. No, purtroppo a quei tempi ero già vecchio, altro che scuola :-D
    Comunque credo che le "buone raccomandazioni", in quanto tali, fanno sempre l'effetto inverso sui giovani, non importa quanto si riesca a rendere accattivante il messaggio, a quell'età non si ha voglia di ascoltare "saggi consigli".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'importante è informare... Trovando, certo, il modo giusto... non solo come forma.
      Comunque, se i giovani fanno sempre il contrario, io sarei opuscoli dove si incentiva uso di droghe ecc! 🤣💪

      Moz-

      Elimina
    2. Forse quello funzionerebbe :-D
      "Il sistema vuole fotterti, tu fotti il sistema: niente droghe, niente controllo della mente!"

      Elimina
    3. La gente ama essere controllata, però... XD

      Moz-

      Elimina
  6. no non li ho mai visti, ma sarebbero utili al giorno d'oggi nelle scuole, sopra tutto a fare arrivare certi messaggi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti io li riproporrei, non così oscurantisti, ma aggiornandoli. E non farei solo questi argomenti, pensando anche all'ecologia e cose simili^^

      Moz-

      Elimina
  7. sinceramente ho 0 ricordi di sta roba, manco so se l'ho mai visti, poi magari, ironicamente, scopro pure che ce l'ho a casa (ma non penso).

    Caio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se avevi a che fare con la scuola, prime classi delle superiori, nel 2003... Unico modo per averli visti! 😎💪🤩

      Moz-

      Elimina
    2. io no, ma cmq parenti che frequentavano superiori ai tempi ce l'avevo sicuramente, e non era gente che vedevo una volta ogni tanto. E cose come queste almeno inizialmente una curiosità me la mettono, quindi se la vedevo un'occhiata gliela davo.

      Caio

      Elimina
  8. mai visti, eppure dal 2002 al 2006 ho fatto il liceo, quindi perfettamente in target... ma a casa mia non arrivò mai nemmeno la calcolatrice convertitrice lira-euro, quindi boh...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Strano in effetti, se poi eri al sud, all'epoca feudo berlusconiano per antonomasia (specie la Sicilia) stranissimo che non li abbiano distribuiti... 🤔

      Moz-

      Elimina
    2. vabbè, la scuola sappiamo come è "orientata" politicamente...
      La calcolatrice in effetti la ricevette tutta la città praticamente, tranne io. Se non sbaglio fu perché presero gli indirizzi dall'elenco telefonico e noi l'abbiamo fatto togliere da sempre praticamente (per evitare telefonate moleste)...

      Elimina
    3. Eh era l'epoca dell'amatissima Moratti 🤣
      Capisco, probabilmente è come dici, per l'elenco!

      Moz-

      Elimina
  9. Ero già all'università in quel periodo, quindi fuori target.
    Comunque da un punto di vista grafico a me sembra qualcosa di quantomeno interessante se penso a come avrebbe potuto essere l'alternativa (penso alle illustrazioni dei miei libri di inglese, immagini dal taglio molto vecchio, tipo fotoromanzo quelle reali, e stilizzate quelle disegnate). Penso comunque che il target più adatto fosse il biennio, non tanto il triennio. E oggi, forse, più probabilmente sarebbero le scuole medie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, infatti!
      Ma anche solo aver chiamato Perrone ai testi e una serie di giovani promesse ai disegni, fu una scelta interessante che dovrebbe essere riproposta anche oggi!! 🤓💪

      Moz-

      Elimina
    2. Ho idea che oggi chiamerebbero tipo Zero Calcare, che non so se sarebbe adatto.
      Una scelta secondo me interessante sarebbe invece Leo Ortolani, che potrebbe coniugare il messaggio serio a un umorismo leggero, creando un bel connubio che alleggerirebbe il tema rendendolo accattivante.
      D'altra parte, Ortolani o meno, temo la reazione perbenista che si scatenerebbe sui social. Temo che oggi sia improponibile fare qualsiasi cosa, in qualsiasi ambito, a meno di tirar su un vespaio.

      Elimina
    3. Esatto. Secondo me stanno alla larga da queste cose, anche se su altre "neutre" potrebbero agire (penso a ecologia, ambiente, natura...) E sì, anche io chiamerei artisti così!
      Però oggi vanno di moda i manga, è bene tenere a mente anche questo 🤔😎

      Moz-

      Elimina
    4. Più che i manga credo vadano di moda gli anime che ne sono tratti.
      Comunque i temi da te citati non sono assolutamente neutri (o meglio, in teoria lo sarebbero, in pratica invece no).
      Prendi la questione ambiente: metti nel mazzo Greta Thunberg, e vedi cosa succede sui social.
      Per questo dicevo che temo non si possa fare niente di niente. Qualsiasi opposizione tirerebbe su un casino, magari contraddicendo quanto detto quando non era opposizione.

      Elimina
    5. Oddio, in realtà i manga sono attualmente l'articolo più venduto in libreria, non fumetteria ma proprio libreria... 🤓
      Vero, oggi niente è neutro ma sai, le cose alla "giovani marmotte" le puoi sempre dire, tipo non sprecare acqua, non lasciare accese cose, non buttare a terra le lattine... 🤣💪

      Moz-

      Elimina
    6. No, aspetta. Ma hai dei dati di questa cosa?
      Cioè, se io entro nella libreria X, le vendite di manga (immagino volumi cartonati o proprio formato giornaletto?) hanno superato quelle dei libri? Cioè, stai dicendo che Dragon Ball, Detective Conan e One Piece in LIBRERIA vendono più che libri di letteratura, narrativa (gialli, horror...) e saggi?
      Mi fai vedere delle statistiche? Perché altrimenti avrei qualche dubbio in merito.

      Elimina
    7. Basta vedere le classifiche di vendita: da qualche mese hanno dovuto farle separate tra fumetti e il resto, altrimenti le prime dieci posizioni erano tutti fumetti (e 8 su 10 erano manga).
      Cartonati e edizioni da libreria, sì, ma vendono anche albi normali, ormai spariti dalle edicole...

      Moz-

      Elimina
    8. Dati vendita librerie per l'anno 2021.
      Fumetti: 11 milioni
      Narrativa straniera: 9,2 milioni
      Narrativa italiana: 5,4 milioni
      Il fumetto registra un incremento del 134% rispetto all'anno precedente, ma facendo la somma: fumetto 11 milioni, narrativa 14,6 milioni. E non ho compreso la saggistica.
      Nel 2022: fumetti incremento del +9%, narrativa straniera +7%, narrativa italiana +5%, quindi trend invariato, anzi a favore della narrativa.

      Poi può essere che nelle classifiche degli ultimi mesi i titoli più venduti siano dei manga, assolutamente, ma mi sembra quantomeno fuorviante affermare che in libreria siano i manga gli articoli più venduti.

      Elimina
    9. Boh, io così avevo letto guarda do anche delle classifiche mensili, che poi sono stati costretti a cambiare perché i libri non comparivano quasi mai...

      Moz-

      Elimina
    10. https://fumettologica.it/2021/09/one-piece-libro-piu-venduto-manga/
      Qui qualcosa si evince, se trovo anche quello dove hanno cambiato le classifiche ti dico!

      Moz-

      Elimina
    11. Il grosso dei manga si vende negli store online come Amazon.

      Elimina
    12. Quindi figuriamoci quanti se ne vendono, se già spopolano in libreria °O°
      Il bonus 18+ tutto dirottato lì.

      Moz-

      Elimina
  10. Era il mio ultimo anno, quindi mai saputo niente....comunque bella l'idea, soprattutto per il design.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Yes, infatti secondo me ci videro giusto. Peccato per i soliti contenuti limitati voluti dalla limitata destra 🤣

      Moz-

      Elimina