[CARTOONS] Street Fighter The Animated Series, la retrospettiva


E ora una chicca su Street Fighter, dopo il film animato, il film live action e la serie II Victory.

Questa la conoscono davvero in pochi, specie perché in Italia non è mai arrivata.
Street Fighter The Animated Series: vediamo nel dettaglio di cosa si tratta!


LA GENESI

Tutto inizia con il film Street Fighter - Sfida Finale, uscito nel 1994 con Van Damme nel ruolo di Guile, divenuto assoluto protagonista al posto di Ryu.
Con la stessa trama di base (Guile guida un collettivo di eroi di varie nazionalità, contro i terroristi della Shadowlaw), la Invision Entertainment produce due stagioni (13 episodi nel 1995 e altri 13 nel 1997) coi protagonisti del videogame Street Fighter.

UNA SERIE AMERICANA

Street Fighter The Animated Series è, come detto, basata sugli avvenimenti del film -che non aveva molto a che vedere con la reale trama dei videogames- ma prende personaggi ed elementi anche dai videogiochi della serie Zero (Alpha, in occidente) e da Final Fight (picchiaduro a scorrimento, che si svolge nello stesso universo narrativo di Street Fighter).
È una serie totalmente americana, e negli intenti somiglia tantissimo a un mix tra G.I. Joe e quei cartoons tratti da film come Rambo e simili.
Guile è il sergente a capo della Justice League, un commando che si batte contro Bison e i suoi uomini, in missioni attorno al mondo.
Ecco l'opening:

ANALISI

Pur vantando una trama leggermente "in progress", che mixa sentimenti e azione (Cammy viene rapita da Bison e diventa membro della Shadowlaw, e solo nell'ultimo episodio ci sarà la risoluzione del caso), ogni puntata è praticamente una storia a sé che presenta uno schema similare: Guile e la Justice League cercano di sventare i piani di Bison.
Ci sono delle occasioni particolari, come l'apparizione di Akuma, che stravolgono un po' le carte in tavola, ma alla fine il canovaccio resta pressoché il medesimo.
La storia non è una continuazione vera e propria del film con Van Damme, ma vi si ispira.
I personaggi della saga, coinvolti in questa serie, sono molti: alcuni appaiono anche solo per un episodio.
Animazioni e disegni, in linea con le produzioni americane similari, non si fanno certo ricordare, anzi risultano risibili in più di una occasione.
Un prodotto comunque nella norma, che può essere davvero apprezzato solo dai fan della serie, per mera completezza.

LA JUSTICE LEAGUE

Guidata da Guile, diviso tra la sua ex Lucinda e la collega Cammy, è un gruppo di eroi che comprende Chun Li, Ryu, Ken, Blanka, T. Hawk, Honda, Fei Long, Dhalsim.
Occasionalmente questi protagonisti vengono aiutati o supportati da altri personaggi.

LA SHADOWLAW

Organizzazione criminale con a capo il malefico Bison, mira al dominio mondiale commettendo crimini in giro per il pianeta.
Tra gli uomini di fiducia della Shadowlaw ci sono Vega, Sagat, Zangief e Balrog.


NOTE FINALI

  • rispetto al film da cui deriva, questa serie presenta numerosi altri personaggi della fortunata saga di Street Fighter, che magari compaiono solo in uno o due episodi: tra questi, Adon, Sakura, Akuma, Birdie e la sensitiva Rose.
  • Gouken, il maestro di Ryu e Ken fratello di Akuma, appare qui con un look diverso da quello canonizzato in seguito.

  • Personaggi inediti del film, come il colonnello Sawada, sono parte integrante di questa serie animata.
  • Zangief, che nel videogame è nelle schiere dei buoni, è qui dalla parte di Bison (come nel film con Van Damme). Curiosamente, era tra i nemici anche nella serie giapponese Street Fighter II Victory.
  • Il pugile Balrog, che nel film era un hacker amico di Chun Li, passa qui (apparendo in un solo episodio) dall'altra parte della barricata, tornando quindi a essere tra i cattivi come nel videogioco.
  • Blanka è un personaggio che, come nel film, fonde due storie: quella del mostro verde Jimmy Blanka e quella di Charlie Nash, amico di Guile. In un episodio, il mostro torna umano e assume sembianze che ricordano vagamente quelle videoludiche di Nash.
  • Nella puntata intitolata "Final Fight", le strade dei protagonisti incrociano quelle dei personaggi dell'omonimo videogame: qui appaiono, ad esempio, Guy, Cody e la Mad Gear.
Sodom e Birdie
  • Deejay, che nel film del 1994 era un hacker arrivista al servizio di Bison, appare tra i buoni in questa serie animata.
  • Nonostante la derivazione cinematografica dell'opera, i personaggi riacquistano le sembianze che hanno nel videogame.
questo post partecipa all'iniziativa Ispirazioni & Co. che nel mese di giugno 2018 è dedicata ai cartoni animati! Clicca sull'immagine per saperne di più!

https://squittydentrolarmadio.blogspot.com/2018/06/ispirazioni-co-42-cartoni-animati.html

26 commenti:

  1. Osservo che di solito dai fumetti si fanno i film in questo caso se ho inteso bene si è avuto il processo inverso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo è un processo ancora più particolare: da un videogame hanno tratto un film e da quel film una serie animata :)

      Moz-

      Elimina
    2. Idee originali, dove siete? :D

      Elimina
    3. Eh, sarebbe stato una sorta di G.I. Joe, se non avessero usato i personaggi di Street Fighter XD

      Moz-

      Elimina
  2. A Guile l'hanno fatto più belloccio! Io amavo questo tipo di cartoni. Quelli in cui i buoni sono tanti :D e formano questi gruppi semi-invincibili.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho mai capito perché non è mai arrivato in Italia, dove comunque Street Fighter ha sempre avuto un certo peso :)

      Moz-

      Elimina
  3. Non sapevo più della metà delle cose che hai svelato qui, grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, questa è una serie davvero sconosciuta, in Italia!
      Un prodotto molto particolare😁

      Moz-

      Elimina
  4. Ahhhh Moz!! In effetti mi cogli impreparata! Infatti non lo conoscevo!! Vabbè almeno ci sei tu che ci dai delle dritte! Dunque si tratta di un processo inverso game/film/anime... La descrizione fatta da te è come sempre ottima ed esaustiva ma forse l'anime, grazie alla tecnologia avanzata negli effetti speciali sarà una figata!!! 😂✌️ Lo attendere o con ansia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, per ora tra le opere vintage su SF io consiglio solo il film animato del 1994. Fedele alla trama.
      Poi ci sono altre opere, alcune validissime e altre no, le vedremo nei prossimi mesi 💪

      Moz-

      Elimina
  5. Mamma che brutta ma allo stesso tempo la voglio vedere! Nonostante abbia uno stile molto americano, sembra uscita dal videogioco molto più questa che qualsiasi altra serie. Peccato solo per Guile ancora protagonista.
    Ammetto di non averla mai neanche sentita nominare, nonostante molti anni fa facevo ancora delle ricerche... evidentemente non ci mettevo impegno.
    Non sapevo neanche che Final Fight facesse parte dello stesso universo...
    Non so perché ma da piccolo Zangief l'ho sempre messo tra i cattivi... e lì è rimasto tutt'oggi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Zangief tra i cattivi secondo me è colpa del film con Van Damme, ma ad esempio pure la Disney lo mette tra i cattivi (Ralph Spaccatutto) e non capisco il perché... poveraccio!! XD
      Vero, come stile meglio questa -assieme al film animato del 1994- rispetto al resto.
      I personaggi di Final Fight hanno fatto più volte capolino nei titoli di Street Fighter, ma di questo parleremo presto, baby! :)

      Moz-

      Elimina
  6. Mi piaci quando inizi il post rassicurandomi che se anche non ne saprò un tubazzo va bene così,non fa niente, non è colpa mia!
    Grazie Moz,
    Ti voglio bene Moz!
    :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, perché questo davvero è sconosciuto^^

      Moz-

      Elimina
  7. Ne avevi accennato presentando questo ciclo di rubriche, per il resto ne ignoravo l'esistenza. Lo stile dei disegni e soprattutto la tavolozza dei colori usati mi ricordano le produzioni Filmation: GI-Joe l'ho seguito pochissimo per fare confronti.
    Non credo comunque di essermi perso qualcosa di importante, se ha riscritto molte cose del videogioco, come già fece il film con attori.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, ha riscritto del tutto la trama, che al di là dello scontro buoni vs Shadaloo, non ha nulla di ufficiale (anche le relazioni sono inventate).
      Lo stile è tipico Usa.

      Moz-

      Elimina
  8. La solita "americanata". Non appena odorano la possibilità di successo con eventuale guadagno, ci fanno il cartoon! :-)

    RispondiElimina
  9. So che ogni volta che passo di qua imparo qualcosa che non so!
    Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per passare sempre, dunque^^

      Moz-

      Elimina
  10. Mamma mia che roba. Questo lo conoscevo ma il mio amore per il trash adesso mi impone il recuperone!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Unico peccato è che non ne esiste una versione italiana... :)

      Moz-

      Elimina
  11. Post molto interessante, sicuramente da quello che scrivi molto meglio di altri cartoni americani mostruosi come quello tratto Darkstalker. Io lo conosco questo cartone solo per un meme che girava anni fa per la rete.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio, non conosco il cartoon di Darkstalkers, ma solo la serie giapponese in oav.

      Moz-

      Elimina
  12. Ma io però adesso vorrei tanto sapere, dove vai a trovare questo genere di cose, sconosciute ai più ed estremamente particolari.
    A parte questo direi che non è esattamente il mio genere ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nel caso specifico, è che semplicemente sono fan di Street Fighter e ne sto portando avanti da mesi una retrospettiva sulle opere animate o live-action :)

      Moz-

      Elimina

grazie per il tuo intervento!