[GIOCATTOLI] Amico Giò - Catalogo di Natale 1996


Grazie a Riky ecco per voi un nuovo catalogo giocattoloso tutto natalizio: Amico Giò - Catalogo di Natale 1996 col grande concorso Il sabato della fortuna.
Ho volutamente saltato la scansione delle primissime pagine, giochi in esclusiva per quella catena di negozi che però o sembravano sottomarche da bancarella, o erano cose abbastanza sciape per la prima infanzia.
Il resto è tutto qui, tra Lego, Game Boy, giochi di società, Barbie, bambolotti, action figures e tanto altro.
Buon divertimento!

Una pagina iniziale però non l'ho saltata, perché contiene un gioco che meritava una menzione: la pista telecomandata La corsa del vulcano.
Con quella scritta alla Indiana Jones (o alla DuckTales) e con la lava di mezzo, cosa vi ricorda?


Truccosella fammi bella e Sbrodolina speciale.


Gattolesto l'acchiappatopi, con due bambini inquietanti (ci devo fare un post, sui bambini inquietanti dei cataloghi di giocattoli).


I Taccastacca.


Play-Doh e la variante Modì di Sapientino.


La fabbrica dei mostri e La fabbrica delle bambole: due cultissimi anni '90.


Colori e disegni più macchine da scrivere per bambini. Sarà che era una richiesta da coloro che, se fossero bambini oggi, vorrebbero un tablet. O diventare scrittori di e-book.


Angolo Clementoni, che faceva rassicurare i genitori.



Costruzioni: Gamma (che fanno tanto scuola materna scrausa) e Lego.



Il Piccolo Chimico più varie dalla Mattel (tra Street Sharks e giochi di società).


Fisher-Price e Polistil.


Biliardini e flipper.


Componibili di Grazioli Giochi più action figures e veicoli di Guerre Stellari.


Micro Machines e la letterina a Babbo Natale!


Spot Skittles e angolo giochi.


Ancora giochi e Micro Machines.


Pistole e fucili, per i fissati.


Tiri al bersaglio più Gig Nikko.


I treni Lima (mitici) e i modellini Maisto (distribuiti da Gig).


Il mitico Action Man, ossia il Big Jim moderno!


Jonny Quest (e se ricordavate Johnny Quest, siete vittime di un effetto mandela!).


Biker Mice da Marte più The Mask (con pagina purtroppo tagliata).


Giochi elettronici vari.


Super Nintendo, che stavolta era appannaggio della Gig.


Game Boy Fantasy e Pocket.


Strumenti musicali. Ma chi chiedeva giocattoli così? Forse i figli frustrati di quei genitori fanatici che costringevano la loro progenie a diventare star del pianoforte o a eccellere in qualche sport.


Barbie, con logo moderno e vintage.


Ancora Barbie più i Cabbage Patch Kids (cult degli anni '80).


Bambolotti dal Classico Disney del momento: Il Gobbo di Notre Dame.
E ancora bambole, perlopiù dimenticate.


Cicciomio (sarà la versione Gig di Cicciobello?) e la famosa Bebi Mia.


Le bambole della Fiba.


Giochi di bimba, per imparare subito a stirare o badare ai figli.


Cult di Grazioli Giochi, tra cui Nouvelle Cuisine, Cesira Lavastira, Valentina Moda-In.


Cuccioli finti.


Orsetti Tascabili e I Piccini Picciò (ma questi perché dovrebbero essere da bimba?).


Le Ballerine Volanti, i trucchi e i pelouches.


I morbidissimi Trudy.


Giochi di società e puzzle by Clementoni.


La grande sfida che infuocò gli anni '80 e '90: Ravensburger o MB?


Palloni e gochi all'aperto.


Pattini, roller e via correndo.


Veicoli Biemme.


Veicoli Toys Toys e Fisher-Price.


Quelli della Peg Perego.



Il Concorsone Il sabato della fortuna.


Regolamento del concorso.


Quarta di copertina.


Ami i cataloghi di giocattoli e non solo? Leggi anche

55 commenti:

  1. Non mi fa impazzire la versione stretta e lunga. Oddio, le edizioni precedenti, di quando ero piccolo, le avrei apprezzate anche a rombo 😝
    L'Isola del Vulcano ha anche lo stesso font de L'Isola di Fuoco 😍
    Volevo prendere qualche Clementoni per i regali di Natale ma i prezzi sono troppo alti!
    Mitici i treni Lima! Un regalo che mi ha sempre promesso il mio vecchio ma che non mi ha mai preso 😅

    Giovedì invece io tratto il GiG è Bel del '92. Dovevo farlo lo scorso ma il sito da dove prendo le immagini è andato offline. Ora è tornato online ma per sicurezza ho salvato tutto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che invece io i trenini Lima ce li ho? Fissazione di mio padre, che a sua volta li aveva da piccolo.
      Giovedì allora sono tutto tuo: ma non si incazza il sito da cui li prendi? :o

      Moz-

      Elimina
    2. Chi ha il pane... Ora ci starebbe bene la gif di Dowson che piange.
      Eh, non hanno una sezione per i commenti e per contattarli è una rottura. Comunque non metto l'intero catalogo e rimando al loro sito per vederlo tutto. Più corretto di così...

      Elimina
    3. Yes, così mi pare perfetto :)

      Moz-

      Elimina
  2. Adoravo questi cataloghi, peccato che con questo avevo già 15 e venivo considerata un po' grandina già per i giocattoli ç_ç

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh ti capisco. Io per fortuna ho fratelli minori che hanno contribuito a far entrare in casa vari giocattoli, nonostante la mia età.
      C'è però da dire che a un certo punto, Lego a parte, non mi interessai più molto alla cosa, perché non trovavo niente di bello^^

      Moz-

      Elimina
  3. Bellissimo catalogo. Ricordo che La fabbrica dei mostri fu la grande delusione dei bambini degli anni '90, come ha disegnato Zerocalcare :D Quanto fighe erano quelle Gig Nikko quasi bat-mobili?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio, delusione ma in linea con i giochi di allora, che promettevano chissà cosa (o ci immaginavamo noi chissà cosa XD)
      Le Gig Nikko secondo me qui hanno fatto il loro ultimo sparo^^

      Moz-

      Elimina
  4. Ricordo vari articoli ma il catalogo mi è nuovo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È che ne avranno fatti diecimila, di cataloghi così^^

      Moz-

      Elimina
  5. Quei cataloghi, e molti altri di negozi specializzati in giocattoli, andavano a ruba, ne conservo ancora alcuni. Andavo nei negozi, li chiedevo per la scuola e i bambini si perdevano fra quelle immagini. Attorno al tavolone guardavano, discorrevano, sognavano... e Santa Lucia li avrebbe poi portati in quella notte magica.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha ma povero Babbo Natale, co' sta cazz di Santa Lucia che gli ruba il mestiere! XD
      Comunque, immagino i sogni e i pensieri di quei bambini!!**

      Moz-

      Elimina
  6. Le piste della polistil come dimenticarle!!!! Ora scrivo a Babbo Natale, vediamo se sono ancora in tempo per averne una :-)))

    RispondiElimina
  7. Sulle pistole e fucili mi sono quasi commosso.
    Sui giocattoli di Guerre Stellari, quelli lì di fine anni 90 sono fra i peggiori in assoluto, almeno per quanto riguarda i personaggi: sproporzionati ed invece che essere in pose generiche, li facevano in pose specifiche che rendevano inutili gli snodi alle gambe ed li rendevano incompatibili con molti veicoli. La cosa più agghiacciante erano i personaggi inclusi nei veicoli: erano modellati in posa per stare sul veicolo e anche se si muovevano, non potevano stare piedi ed essere usati da soli: praticamente erano gravemente disabili.
    Ho avuto modo di toccarli con mano all'epoca (i piloti della speeder bike e del camminatore AT-ST, tra gli altri): una di quelle situazioni dove esclami "Ma che cazzo è potuto venire loro in mente?!"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Insomma, una grande sola!
      Comunque fa strano vedere quanto attirasse ancora il franchise Star Wars, che all'epoca era proprio in stallo (la nuova trologia I-II-III sarebbe arrivata solo dopo qualche anno).

      Moz-

      Elimina
    2. Grandissima sola XD I veicoli però non erano malaccio.
      Mi pare fosse perchè era uscita al cinema la Special Edition in quel periodo (brutta idea pure quella, tra l'altro)

      Elimina
    3. Ah ecco. Sarà per quello che era rimasto sulla cresta dell'onda!

      Moz-

      Elimina
  8. Avevo sia la pistoletta “Susanna” che la “Jaguarmatic”, erano l’estensione di tutti i film western e d’azione che vedevo da bambino. Amarcord gigante! ;-) Cheers

    RispondiElimina
  9. Ero enormemente fuori target, ma il calcetto era una mia fissa e un desiderio anche allora.

    RispondiElimina
  10. Credo che avendo una sorella del 84 sicuramente in casa mia son passati Bebi mia , Sbrodolina e i peluche della Trudy.
    Peró il catalogo non lo ricordo.
    Ma arrivava per posta o dovevi andare in negozio a ritirarlo?
    Io sono ancora dei tempi di postalmarket 😀

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nei negozi si trovavano (anzi si trovano).
      In quello del mio paese c'erano Giochi Preziosi e Lego.
      Amico Giò e Giocheria li prendevo in negozi dei comuni limitrofi :)
      Gig c'era nell'altro negozio di giocattoli che poi ha chiuso, ma lo trovavo anche altrove.

      Elimina
    2. Sì, li facevano trovare nei negozi da ottobre, anche perché erano spot per i futuri regali :)

      Moz-

      Elimina
  11. Bello il "Teschio Nero" Lego, praticamente l'ultimo grande set prima dell'interruzione della serie.
    E non c'erano più i gendarmi come "nemici", ma tipo soldati conquistadores :D
    L'Autopalace Micromachines è stato l'ultimo giocattolo ricevuto (infatti era il Natale '95 su '96). Oggi ci gioca mio nipote quando viene quassù da me. E' ancora integro, si è rotta sola la capsula di plastica sopra la torretta blu.
    Ecco, ho ritagliato il videogioco di Mortal Kombat 3 XD, non ricordo l'altro ritaglio.
    I giocattoli dei Biker Mice erano fighissimi. Ho ancora il mini catalogo arancione, forse fu regalato su Topolino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, poi la linea Pirati si ingrandì: sia in conquistadores sia le tribù indigene. Peccato non abbiano continuato ancora.
      I Biker Mice non mi piacevano molto :O

      Moz-

      Elimina
  12. Ma che bello questo catalogo!Ma dove si trovavano?Io non ho mai visto uno!Comunque di tutti giochi che ci sono avevo solo la pista Pilistil.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nei negozi di giocattoli: li distribuiscono ancora (e altri magari li allegano a delle riviste) :)

      Moz-

      Elimina
  13. C'è veramente di stratutto!
    "Pistole e fucili per i fissati" XD io cmq ho da sempre una passione proibita per il piccolo chimico. Non ci ho mai giocato e mi è sempre rimasto il desiderio di produrre strane reazioni stile Paperino!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che io l'ho avuto? Ricordo chiaramente TUTTO, tanto che è pure previsto un post su questa storia :D

      Moz-

      Elimina
    2. Sì, sì, non vedo l'ora!

      Elimina
  14. La pista Polistil forse è ancora in garage... xD

    RispondiElimina
  15. E no, caro.
    La mia prima tastiera Bontempi l'ho richiesta a gran voce intorno ai sei anni, perché già avevo la musica nel sangue.
    Mia madre, da ragazza, suonava la chitarra, mio padre al massimo ascoltava il rock. Quindi era un desiderio "mio e basta", e son felice che i miei genitori lo abbiano esaudito.
    Per il resto, ricordo quasi tutti questi giochi, ma possedevo quelli di concorrenza da bancarella (che ti piacciono altro).
    A quei tempi non navigavamo nell'oro, ed io per fortuna ero felice con poco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dei giochi da bancarella odio quando voglio contraffarre le cose. Potrebbero benissimo fare linee tutte loro (e infatti ora ci sono) senza grandi marchi dietro :)
      Quindi sei un esempio di bambina no-toys senza forzature da parte dei tuoi!^^

      Moz-

      Elimina
  16. *occhi a cuore*
    Confesso che laa Fabbrica delle bambole ce l'avevo anche se ero già grandicella, ihih :D
    Comunque hai notato che è riapparsa Giocheria? Se ricomparisse anche Amico Giò sarebbe bello, anche se probabilmente i bambini di adesso il catalogo lo guarderebbero online :)
    Comunque voto per il post sui bambini inquietanti dei cataloghi ahahah :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha allora lo faccio, il post! :)
      Forse c'è un ritorno ai negozi di giocattoli?
      Magari potrebbero avere il reparto videoludico ma che coesista anche col resto. Per me mettere comunque gadget e cose simili garantirebbe la loro sopravvivenza :)

      Moz-

      Elimina
  17. Uao, mi hai fatto fare una scoperta: e cioè che due pupazzetti di peluche che ho qui con me sulla scrivania provengono proprio dalla "Sweet Collection" Trudy di questo catalogo! ^_^ Sono precisamente lo squaletto azzurro e il gufetto (in effetti portano tanto di targhetta Trudy ma non ci avevo fatto più caso XD)
    Se non sbaglio, questi furono i primi peluche in miniatura così piccoli mai arrivati in italia (se escludiamo quelli con le famose manine a molletta che si "pinzavano" ovunque si volesse... come si chiamavano?)
    Comunque i Trudy di oggi sono decisamente migliorati, un po' come tutti i peluche in generale: molto meglio rifiniti che in passato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Erano sempre Trudy?
      Io ho un leoncino con zampe a molletta da pinzare! XD
      Vero, sempre stati il top di gamma ma oggi sono migliori :)

      Moz-

      Elimina
    2. Comunque ci siamo sbagliati entrambi: si scrive Trudi con la i ! XD
      Non credo che quelli pinzabili fossero sempre o solo della Trudi; ne ricordo alcuni simili agli Orsetti del Cuore, o roba del genere... Forse su Nijirain ne sanno qualcosa. : /

      Elimina
    3. Bisognerebbe domandare ad Alex!
      Ti faccio sapere :)

      Moz-

      Elimina
    4. Purtroppo Niji non riesce a venirci in soccorso...

      Moz-

      Elimina
  18. Questo l'ho sfogliato ed ho partecipato al concorso, ma non ho avuto niente e non ho vinto niente :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh ma io devo ancora ricordare qualcuno che abbia vinto a questi concorsi^^

      Moz-

      Elimina
  19. Io lo adoravo e lo imparavo a memoria. Peccato aver ricevuto pochissimo in regalo da quel catalogo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io avrei fatto carte false per avere la roba dei cataloghi 1986-1994!^^

      Moz-

      Elimina

grazie per il tuo commento :)