[PASSATO] il "periodo mancante" nella cultura pop

 

La cultura pop che tanto amiamo affonda le sue radici negli anni '60, gli anni del primo boom economico, della nascita di tanti marchi famosi e soprattutto della diffusione del mezzo televisivo.
Col tempo, sono stati riscoperti anche i ruggenti anni '70, e adesso siamo in pieno (e probabilmente eterno) revival anni '80 e '90, che comprende un po' tutto (guardando un pochetto al decennio precedente e successivo), in un delizioso unicum retronostalgico.
Ma esiste un periodo preciso, nella riscoperta della cultura pop, che manca all'appello.
Un momento di passaggio, quasi fantasma. Un buco vero e proprio.
E se forse l'industria odierna già inizia a volgere lo sguardo indietro fino agli anni 2000, è proprio qui che c'è bisogno di colmare questo buco...

Paradossalmente, e lo sto riscontrando sempre più proprio scrivendo determinati articoli, c'è un "buco" di informazioni e materiale proprio nel periodo che va dagli ultimissimi anni '90 (1998, ma soprattutto 1999) fino ai primissimi anni 2000 (diciamo 2003 circa).
Un quinquennio che ha lasciato sì dei ricordi, ma non ha lasciato quasi tracce di questi.
Sembra essersi perso tanto.
Se degli anni '80 e '90 abbiamo recuperato ormai un po' tutto (grazie a tanti tipi di supporto), e sono poche le cose che risultano ancora oscure, una grande concentrazione di queste sembra invece provenire proprio dal "periodo mancante".
Ma perché?




Come esempi potrei prendere i programmi che vi mostrai parlando di Fox Kids QUI, o il risultato della ricerca riguardante un programma di Italia 1 QUI.
Partiamo proprio da quest'ultimo: l'unica traccia nota, oltre due righe su Adnkronos, è un trafiletto di giornale, sgranato.
Si tratta di uno show dell'anno 2000, e di conseguenza di un giornale dell'anno 2000:




Le risorse, per quel periodo, sono poche. Pochissime.
E la qualità non è nemmeno così eccelsa.
È un paradosso perché in rete si trovano immagini e scansioni in ottima definizione di cose anni '80.
Mentre, per questo momento 1998-2003, c'è poco e niente.
Un periodo troppo giovane per interessare i retromaniaci della prima ora; un periodo di passaggio per chi lo viveva all'epoca.




E la risposta alla questione potrebbe proprio essere qui: era una situazione in evoluzione, dove il passato stava incontrando il futuro.
Erano i primi tempi dove i videoregistratori lasciavano spazio i lettori DVD, e quindi si registrava sempre meno roba; erano i primi tempi delle piattaforme satellitari con canali tematici dove vedere e rivedere le stesse cose.
Ma erano anche e soprattutto i primi tempi di internet: i primi siti, i primi blog, i primi caricamenti di materiale.




E infatti, il presente di allora... lì c'era; se ne discuteva su forum e spazi web.
Però era un internet diverso, antico: ed è stato cancellato.
Siti, forum, blog, portali... via tutto, compresi i contenuti.
Che, essendo spesso nati già "digitali", non hanno mai avuto una fisicità replicabile.
Quante foto avete perso?
Quanti vostri articoli, pensieri, scansioni, ritagli, screenshot?
Pensateci.
E colmerete, purtroppo solo idealmente, quel buco del "periodo mancante" nella cultura pop.

LEGGI ANCHE

133 commenti:

  1. Tutta colpa del Millennium Bug che ha cancellato i computer di tutto il mondo😂😂😂

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, eppure le cose dal 2000 in giù le abbiamo recuperate tutte^^

      Moz-

      Elimina
  2. Io in quel periodo ero in piena turbolenza affettiva. Stavo smontando il matrimonio, costruendo una nuova vita, abbandonando gli amici, ripartendo da capo, incasinandomi le certezze e i programmi. Vivevo di emozione e adrenalina pura. E anche un ricordo vivido di cinema di allora. Il sesto senso. Meriterebbe un capitolo a parte in AltroFilm.
    Credo che si, ne valga la pena. Come tutti gli altri sensi sconvolti proprio in quel periodo. Però non li ho persi i fotogrammi e gli screeshot di quel frangente esistenziale.
    Diciamo che ognuno è nerd a suo modo. E di solito, non sceglie lui il periodo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Potresti trattarlo tranquillamente, Il Sesto Senso!
      Vero quel che dici sul periodo, poi però ci sono anche cose oggettive... tipo questo quinquennio che vale per tutti.

      Moz-

      Elimina
  3. Sicuramente è un caso, ma per me quel periodo coincide con quando ho iniziato a lavorare e poi mi sono sposato, quindi ho davvero un "buco" di memoria pop per quegli anni, ma solo perché tra lavoro (piuttosto stressante peraltro, era una ditta pessima) e preparativi per il matrimonio (e poi matrimonio stesso e primi anni di convivenza) non è che riuscissi a guardare granché la tv, anche al cinema ci andavo meno...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh anche nel caso, è coinciso con un periodo davvero strano, dove c'è poco... per tanti motivi^^

      Moz-

      Elimina
  4. Forse il buco è dovuto al fatto che quel breve periodo (5 anni) non è stato poi così interessante?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alcune cose erano effettivamente molto "meh", ma forse interessanti anche per questo!

      Moz-

      Elimina
  5. In effetti...non ci avevo mai pensato!
    11 settembre, passaggio di millennio, passaggio da "Fine della Storia" clintoniana a ritorno delle destre e dei conservatori, Apice del berlusconismo, franchising nascenti come Harry Potter o Twilight, ritorno prepotente di Jobs e della Apple sul mercato, diffusione degli ipod, etc etc etc difficile non ci fosse niente di interessante o curioso o meritevole di studio.
    Ma appunto i supporti stavano cambiando: in effetti io ho spento il videoregistratore nel 2002 per non riaccenderlo più.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Errata Corrige: elimino Twilight che in effetti è più tardo (2005), ma rilancio e lo sostituisco con Dawson Creek e Seventh Heaven e Babylon 5 (che è arrivato in quel periodo). Pace
      Giù

      Elimina
    2. Di sicuro il periodo 2001-2006 è stato il più solido del berlusconismo molto di più del 2008-2011.

      Elimina
    3. Vero: tanto stava cambiando, nuovi brand stavano nascendo e... alcune cose sono ovviamente finite nel dimenticatoio.
      Perché? Perché ovviamente si tratta di un'epoca giovane, troppo, per esser riscoperta.
      Qualcuno sta già iniziando, ma il materiale è quel che è^^

      Moz-

      Elimina
    4. Fu anche il periodo in cui iniziò la decadenza della Disney e l'ascesa della Dreamworks che avrebbe portato alla morte dell'animazione tradizionale in occidente.

      Elimina
    5. Verissimo... la Disney si è ripresa solo da qualche tempo, e non certo con una nuova Sirenetta.

      Moz-

      Elimina
    6. In effetti i Disney Animation Studios speravano che la loro Sirenetta sarebbe stato La Principessa e il Ranocchio (che a me è anche piaciuto) ma quel posto spettò invece a Frozen. Che però avrà salvato la Disney economicamente ma l'ha messo su un sentiero che artisticamente e personalmente non apprezzo...

      Elimina
    7. Già, la CGI del tutto uguale... Un vero peccato.
      Spero sempre che si possa tornare non dico al dueddí, ma a una diversificazione di design! 😎👍

      Moz-

      Elimina
    8. La speranza è l'ultima a morire. Comunque al 2D sono tornati per il sequel di Mary Poppins. Unica parte piacevole di quel film X4

      Elimina
    9. Eh, non so nemmeno se ha avuto successo... chissà... Però sì, possono ancora farlo^^

      Moz-

      Elimina
  6. Nell'analisi dei periodi attraverso i loro simboli il periodo che esamini è quello che per primo ha vissuto la compressione della velocità. Come scrivi tu, era il periodo in cui il VHS cedeva il posto al DVD che comunque era già quasi obsoleto visto che erano anche gli anni in cui venivano fuori gli standard mp3 e mpeg. Forse la velocità con cui si è evoluta la tecnologia ci ha contagiato a tal punto che non abbiamo percepito interi periodi o se lo abbiamo fatto alcuni rimangono più impressi nella memoria collettiva, come gli anni '80 e '90, mentre altri come il periodo 2000 anche meno. Oppure la simbologia e le icone degli anni '80 e '90 sono troppo più incisive di quelle successive.
    Considera anche che tra gli anni '80 e i '90 l'era televisiva targata Berlusconi ha avuto un impatto potentissimo sulla cultura di massa italiana mentre il decennio dopo il 2000 il berlusconismo cedeva già il passo e veniva attaccato da tutti i lati.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I primi anni duemila sono il periodo della transizione da vita analogica a digitale. Ha un buco perchè a nessuno interessa ricordare la spazzatura nata in quel periodo, da ogni lato lo si guardi rappresenta il declino della società. Personalmente è un momento che ricordo solo a livello scolastico e vita quotidiana ma nulla che mi faccia scendere la lacrimuccia così come invece avviene per i '90. E' il periodo in cui i cortili si svuotavano ed i bambini (nati a fine decade novanta/primi duemila) iniziava a non uscire più al pomeriggio ma a stare in casa chiusi con la Play Station ed i pc. Tutto quello ci ha portato ai tempi di oggi, vuoti, scialbi, privi di ideali, senza nulla che sia di qualità e con i bambini schiavi dei tablet già in età prescolare.

      Elimina
    2. Sai che i videogiochi di massa esistono dagli anni '70? Conosci l'Atari 2600 che vendette in quel periodo 25.000.000 di pezzi nel mondo?

      Cosa c'entrano i nati tra fine anni '90 e inizio 2000? Non sono l'oggetto di questo post.
      Io sono nato nel 1990 durante la mia infanzia e preadolescenza i cortili erano pienissimi... I cambiamenti avvenuti sono stati lunghi nel corso del tempo non è come immagini tu che dal primo gennaio 2000 tutti attaccati al PC...

      Spazzatura? Su questo hai ragione ma programmi degli anni '80 come Drive-In, mode come i Paninari, *Ilona Staller e Gerry Scotti deputati non sono state pagine di cui essere orgogliosi...

      *La Staller si piange persino il vitalizio tagliato.

      Elimina
    3. Chris Masters non mi interessa quello che pensi tu io sono qui per dire quello che penso io e come ho percepito e percepisco tutt'ora quel periodo. Non ho bisogno di professorini, Miki sa chi sono io e le mie conoscenze quindi saluti.

      Elimina
    4. Certamente sei libero di pensarla come vuoi : )
      Io faccio un'analisi più equilibrata e autentica.
      Che ci vuole a dire: "che schifo gli ultimi 20 anni" "W gli anni '80-'90!!!"

      Sono un grande amante degli anime e manga anni '80 e '90 così come so riconoscere la qualità dei prodotti più moderni.

      Elimina
    5. Professorino lo avevo dedotto, bye bye ;)

      Elimina
    6. Raga, diamoci una calmata tutti.
      Allora, vero che ognuno percepisce le cose come le ha vissute, ma è altresì vero che ci sono cose oggettive.
      Buttiamo tutto di questo quinquennio? No.
      Di certo non c'è tanto di POTENTE da salvare... ma proprio perché eravamo in una fase transitoria.
      Ma non si tratta solo di immondizia (quella c'era pure negli anni '80 e '90).
      Vero come dice Mick che la simbologia '80-'90 è più incisiva: assolutamente.
      Ma anche perché è stata idolatrata e riscoperta. Il mondo attorno al 2000 non era già pi "avvolgente" e sebbene i ragazzini continuassero a uscire (non smettono MAI di farlo, anche oggi), è vero in parte che le nuove tecnologie hanno cambiato molto.

      Moz-

      Elimina
    7. Beh, mettere nel calderone dei programmi discutibili "Drive in" che ha fatto scuola a "Zelig", ha reso celebri tanti comici e artisti completi (Greggio, Faletti, Zuzzurro e Gaspare, Trettré, Braschi, Sylos Labini, Pistarino), mitizzato un cane e un quadro, portato alla ribalta Benny Hill...
      Ilona Staller deputata è stato comunque meglio di un Calderoli o uno Scilipoti, giusto per fare due nomi in par condicio.

      Elimina
    8. Io la vedo leggermente diversamente.
      C'era più qualità ma è vero che Drive-in e via dicendo erano espressioni del proto-berlusconismo.
      Hanno avuto una importanza incidente per tanti motivi.
      Paninari? Forse c'era leggermente più dei truzzi anni 2000... ma siamo lì. Il senso è che il passato poi ha dimostrato di avere comunque un'anima, anche nel trash o nei programmi più "basic".

      Moz-

      Elimina
    9. Molti prodotti catalogati trash all'epoca (anche negli '80) sono stati poi rivalutati, vedi le commedie sexy all'italiana e i poliziotteschi con Merli o Milian. Non conquistano gli allori da capolavori ma costituiscono uno spaccato della società di quegli anni.

      Elimina
    10. Gas75 credo che il ragazzo Chris masters si sia infastidito solo perchè lui ha vissuto appieno quel periodo, è stata colpita la sua bolla. Per quanto riguarda i programmi il decadimento parte degli anni 80 con le reti Fininvest e sempre loro hanno traghettato la spazzatura verso gli anni 200 con amici, grande fratello ecc ecc. Ilona Staller era meglio di quelli di adesso purtroppo ma non dimentichiamo anche Moana Pozzi nel partito dell'amore!

      Elimina
    11. Gas, sicuramente: e te lo dice uno che ha scritto una tesi di laurea sul poliziottesco.
      Ma lo stesso potremmo dire di reality e via dicendo: costituiscono uno spaccato della società di quegli anni, la raccontano, anche televisivamente.

      Anonimo, vero: il trash attuale proviene da quello antico, che però avendo un'anima ed essendo inquadrato anche storicamente sotto TANTI profili, non ci appariva tale, o meglio non solo!

      Moz-

      Elimina
    12. Anonimo: Anche io ho vissuto appieno quel periodo, soprattutto televisivo. L'assolutismo delle opinioni non è particolarmente simpatico.

      Elimina
  7. Di quel periodo, anzi dal 1996 ai primi anni 2000 in rete non si trova nessuna guida tv, il fornito Radiocorriere purtroppo si ferma al 1995 e di Sorrisi e Canzoni nessuna traccia su nessun sito (ed io ne avevo una montagna ma tutti buttati), nessuno si interessa, perchè? La risposta te la sei data da solo, era un periodo di transizione per tanti, per me il passaggio dall'infanzia all'adolescenza dove iniziai ad abbandonare i cartoni animati sia per impegni scolastici più forti e sia perchè l'interesse era virato su tutto ciò che era femminile e reale. E' comunque un periodo che andrebbe diviso in altre due parti e cioè dal 96 al 2001, ed un altro che parte dalle torri gemelle dove inzia decisamente un'altra storia, da li la società è iniziata a cambiare. E' il periodo in cui sono nati i talent (vedi Saranno Famosi con Bossari...) ed i reality show, chiudevano le trasmissioni contenitrici di cartoni (Bim Bum Bam, Solletico ecc), e da li (2000/01) il declino totale della televisione italiana. Chi vuoi che si interessi di ricordare quelle cose? Parlando di internet, io il primo computer l'ho avuto tra il 2002 ed il 2003 e la prima connessione 56k, la prima cosa che cercai fu un qualsiasi sito che parlasse dei robot anni 80, poi conobbi il Regno delle Anime (per chi non lo conoscesse uno dei primi siti/forum a tema cartoni anni 70/80 con possiiblità di scaricare le videosigle fino a quel momento disponibili solo in vhs per chi li aveva registrati), poi viene la mia forte partecipazione al forum Impero dei Cartoni che ancora esiste. Parallelemente il forum sui Power Rangers, (che come tu stesso sottolinei spesso in quel periodo nessuno ne parlava più in nessun posto su internet) li ci siamo conosciuti e di quel periodo, di quella rete (dove accedevano SOLO gli interessati a qualcosa di SERIO) porto ancora con me tante amicizie, te compreso. Tanti di quei siti purtroppo non esistono più (Droni sito su Lupin III, Koji e Cutei ecc ecc), sopravvive solo Encirobot da quel che so, dico purtroppo perchè erano siti con contenuti realmente interessanti, messi da appassionati VERI e non cose tanto per chiacchierare, tutt'ora chi si occupa di animazione giapponese ripropone spesso immagini, video e contenuti apparsi su quei siti a fine anni 90 e primi 2000. Chi era già ventenne o trentenne in quel periodo si occupava di ritrovare gli anni 70 ed 80, chi come me era in pre-adolescenza pensava appunto ad altro, ebbene il problema è che se non ce ne occupiamo noi adesso nessuno se ne occuperà più anche perchè la generazione dopo, quella dei nati tra il 98/99 e 00/01, per motivi anagrafici non ha vissuto nulla di quelle cose e quindi rimarrà sempre un periodo sepolto. P.S. a livello di animazione giapponese quello è il periodo peggiore, Porkemon, Yu Gi ho, trottoline ecc ed è il periodo del declino dell'animazione giapponese.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @IlGirellaro

      Un nickname un programma : )

      Dissento completamente da quello che dici.

      Pokémon e Beyblade sono due anime discreti, per quanto riguarda invece Yu-Gi-Oh la versione al di fuori del Giappone è stata uccisa dalla 4Kids.

      Se a voi girellari non piace l'animazione giapponesi dagli anni 2000 in poi non significa che sia scadente.
      Il mondo non è finito nel 1989 o nel 1999 neppure nel 2001...

      Come te ricordi con affetto il 1993 (anno a caso), io ricordo con affetto il 2003, come voi vi esaltavate con Jeeg noi ci esaltavamo con One Piece.

      Digimon Tamers (2001) e Mushiking (2005) sono due capolavori...

      Elimina
    2. Un programma sei tu che sei un tipico provocatore di internet. Non mi interessa quello che dici e che pensi tu, come già scritto in risposta sopra io sono qui (in via eccezionale in quanto ODIO queste piattaforme) per rispondere a Miki che conosco da una vita ormai e non sono qui per rispondere ai provocatori tipo te. Ognuno di noi ha la sua visione delle cose ed in quasi 20 anni di internet ormai so come comportarmi quindi tu resti della tua ed io della mia opinione. Saluti.

      Elimina
    3. RAGA fate i bravi!!!

      Moz-

      Elimina
    4. Scusa voglio aggiungere una cosa, non resisto. Perchè se non sei d'accordo con quanto ho scritto (ed è giusto) hai iniziato a rispondermi partendo dal fatto che essere girellaro è tutto un programma? Se ad una persona non piace una cosa passa oltre non è obbligata a rispondere provocando come hai fatto tu. Dei pokemon, dei digimon e di tutta l'animazione post 2000 non me ne FREGA UN CAZZO e se a te piace non c'era bisogno di scrivermelo visto che avresti dovuto dedurre che siamo su due pianeti diversi.

      Elimina
    5. Mikimoz ho fatto bene o no ieri ha cancellare l'account Google, Gmail, Facebook e Messenger?

      Elimina
    6. Chris Masters se anche tu sei contro i social ecc qui la pensiamo uguale e mi sa che è il nostro punto di incontro.

      Elimina
    7. Ragazzi, conoscendovi un poco entrambi mi permetto di dirvi una cosa: voi dovete calmarvi e vivere un po' meglio la rete e i confronti.
      Ognuno ha la propria idea, ma non è UNA GUERRA contro altri.
      Ognuno la esprime, che sia giusta o sbagliata ecc (qui si parla anche di percezioni, oltre che di cose ovviamente oggettive es. l'inizio del messaggio di IlGirellaro).
      Ma si può discutere in santa pace, anche restando sulle proprie posizioni...
      Penso che il confronto debba esserci, specie su un blog che nasce per il dialogo. E confronto anche con idee diverse.
      Dal momento in cui si scrive pubblicamente, è chiaro che si può ricevere risposta (sia qui, sia altrove sulla rete).

      Di contro, si deve essere anche obiettivi nelle cose; io penso che ci sia modo di dialogare al di là del nostro pensiero basato sul nostro vissuto.
      Per me ad esempio è vero che l'animazione gapponese era in declino come idee, anche se i brand erano famosi e remunerativi.
      Oggi peggio di ogni altra cosa, per dire.
      È vero che c'è una linea di distacco NETTA tra la generazione nostra e la successiva: non hanno vissuto il passato e proprio NON sanno manco cosa sia, come fanno a cercarlo?
      Dobbiamo farlo noi, e ci tocca farlo anche dei primissimi anni 2000.
      Io e il Moz O'Clock siamo qua per questo: oltre i Pokémon (che hanno comunque tutto il mio rispetto, pure se non mi piaccion) c'è di più.

      Moz-

      Elimina
    8. Intervengo un attimo e poi mi defilo, vorrei dire che IlGirellaro (per chi è della vecchia guardia sa questo appellativo da dove deriva) ha espresso una sua precisa opinione soggettiva, la sua visione della realtà di quel periodo. Il secondo utente Chris Masters è evidente che ha vissuto in modo più entusiasmante quegli anni e che gli sono rimasti più appiccicati i cartoni di quel periodo. Perchè allora controbattere ad una persona che la pensa in modo diverso? Non perdete tempo e fatevi le vostre idee nella vostra mente anzichè andare a stuzzicare chi non conoscete pur di aprire una discussione degenerativa.

      Elimina
    9. Ciao e benvenuto/a bordo!
      Direi che comunque ci può anche stare un dialogo.
      Io non la penso né come IlGirellaro né come Chris, per dire... sono in un'epoca di mezzo.
      Però appunto, il confronto può e deve esserci, se costruttivo.
      Ma solo in quest'ultimo caso, ovviamente: solo se costruttivo! :)

      Moz-

      Elimina
    10. Perdonami MikiMoz ma ho una certa età ed esperienza di vita. Non vedo alcuna cosa costruttiva tra due persone opposte come due poli se non un modo per stuzzicare e provocare. Il girellaro ha tutta la mia stima, altra epoca, altri prodotti, altre sigle, altra società ed altra educazione

      Elimina
    11. Per carità, infatti ho premesso che il confronto è costruttivo se fatto in determinato modo.
      Ma poi, per dire (e lo dico proprio io che amo quelle cose) sicuro che era tutto davvero più bello prima?
      Altre sigle... vorrei dire "libri di cibernetica e insalate di matematica" è un verso deficiente, per come la vedo io XD
      E tante sigle dell'epoca hanno pecche simili (esattamente come ne hanno quelle dopo)... vale per prodotti, anche, ovviamente.
      Però, che fosse un'altra società non ci piove!^^

      Moz-

      Elimina
    12. Io penso sia una questione prettamente anagrafica a dettare legge su questi argomenti. Il gusto se non è lavorato bene nell'infanzia poi si allinea al quotidiano, ti fa crescere in un certo modo. Chi ascolta classica odia il pop, per portare un esempio banale di discussioni tipiche. I videogiochi c'erano anche nella mia epoca ma non erano invasivi come quelli moderni con maxi schermi ed altro. Commodore, Atari, primo Nintendo, prime Sega ci si dedicava qualche oretta e non più, non dimentichiamo che noi avevamo le sale giochi con anneso odore acre di sigarette ma era un modo per socializzare giocare in compagnia cosa che i giovani di adesso non sanno, rincoglioni per strada dallo smartphone rischiano spesso di prendere pali in faccia.

      Elimina
    13. Sicuramente: quello l'ho sempre pensato.
      La Playstation 1 ha distrutto tutto: giochi masterizzati a 5 mila lire... e la gente si è affossata in casa.
      Oggi invece paradossalmente si cerca il luogo dove fare tornei con amici, o anche online, ma si cerca un rapporto...

      Moz-

      Elimina
    14. Ultima commento che rilascerò per sempre sui blog poi esco di scena perché ho raggiunto il limite del malessere.

      Di quel periodo si trovano quasi tutti gli anime doppiati e molti anche non arrivati in Italia ma fortunatamente sottotitolati dai fansub dell'epoca.

      Sono rari PDF di riviste e articoli di giornale (eccetto l'archivio de La Stampa) non è un periodo che ha avuto il successo degli anni '80 e '90 su internet viene spesso criticato o ignorato.
      Spezzoni di programmi tv o politica anche su YouTube sono rari.

      Quel periodo è stato mediocre? Può essere.
      Ma al tempo stesso esistono tante persone che lo ricordano con affetto.

      Anime e manga di quel periodo non sono affatto male se per voi erano prodotti scadenti pazienza.

      Detective Conan, Naruto, Pokémon Advanced, Digimon Tamers, Mushiking, Eyeshield 21, D-Gray Man ecc, per me sono ottimi prodotti.

      In ogni caso la società, la vita, il mondo non può essere sempre il top.

      Era ancora l'epoca del "non si sapeva ma si immaginava" (citazione dell'amico Nino Baldan), ero felice e ingenuo tanto mi basta.

      Poi se gli anni '80 e '90 sono stati bellissimi, fantastici e irripetibili... Bene per chi li ha vissuti...

      Ti ringrazierò sempre MikiMoz per avermi dato un alternativa.
      Grazie di tutto.

      P. S. Non condivido le opinioni sulla PlayStation.



      Elimina
    15. Ne possiamo parlare, non penso si possa raggiungere malessere per delle opinioni contrastanti.
      Noto che tu parli di qualcosa "per te", ottimi prodotti.
      Ci sta, una visione soggettiva. Ma se ci confrontassimo e vedessimo un po' meglio le cose?

      Moz-

      Elimina
  8. Un'altra mazzata è stata la chiusura un decennio fa di megaupload: un sacco di materiale "minore" venne buttato giù e mai più ricaricato (perché era in streaming e quindi quando ti serviva lo trovavi, nessuno aveva interesse a ricaricarlo altrove o salvarlo in locale!), per cui ancora oggi se cerchi quelle cose trovi solamente link scaduti da taaanto tempo. :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda che il materiale presente su megaupload proveniva per il 90% dal Mulo e li ancora si trova eccome, soprattutto sulla rete Kad ;)

      Elimina
    2. Io non me ne intendo, mai scaricato niente: ma si trova ancora tutto-tutto di quel periodo?
      Sentivo lamentele anche di traffichini esperti, e dicevano che alcune cose sono proprio andate perdute forevah! :o

      Moz-

      Elimina
    3. Ma proprio tutto?
      Non ricordo nello specifico cosa mi fu detto, ma qualcuno proprio non trovava cose precise... che prima c'erano!

      Moz-

      Elimina
    4. Su Internet c'è qualcosa fintato che qualcuno ce la mette e non la toglie, è sempre il solito discorso: nulla si crea da sé.

      Elimina
    5. Il problema è quando VIENE tolta, e non da chi l'ha caricata...

      Moz-

      Elimina
  9. Come sai MikiMoz quel periodo per me sono stati gli anni d'oro... (anche se la mia golden age non coincide del tutto essendo iniziata nel mio caso nel 1999 e finita nel 2005, ovviamente in quel periodo da te preso in esame in questo post 1998-2003 mi ci ritrovo del tutto).

    Hai ragione in quello che dici io stesso per farmi un quadro generale degli anime trasmessi in quegli anni ho dovuto fare ricerche lunghe anni...
    Pensa che ho iniziato le ricerche nel 2014 per concluderle nel 2020... Ho setacciato archivi di giornali, forum dell'epoca, siti del web 1.0... Adesso credo di avere un quadro generale di quello che fu trasmesso su Italia 1 e non solo in quegli anni.

    Secondo me in quel periodo calò anche drasticamente l'abitudine di fare foto nelle famiglie italiane.
    La foto più vecchia che ho risale alla primavera 2002 dopodiché la mia famiglia non fece più foto... Non so com'ero nel 2003, 2004, 2005, mentre del periodo 1996-2001 mio padre comprava continuamente rullini : )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, questo sicuramente perché c fu un passaggio di tecnologie...
      E come avete detto sopra, è anche il momento dove forse non si percepiva più la figaggine retro-vintage che ti faceva conservare giornali e magazine, ma -proiettati al futuro- c'era l'idea dell'usa e getta velocissimo...

      Moz-

      Elimina
    2. Chris Masters sei l'ex A.J.?

      Elimina
  10. Nel ormai lontano 2012 ho assistito a un convegno di fan maniaci sfegatati di Pokemon: karaoke delle canzoni cantate da adolescenti con finte code animali, sfide di memoria sui dati dei Pokemon, interviste a campioncini di Pokemon, gente tra i 13 e 19 anni. Per noi anziani i Pokemon non sono granché e Go nagai è il profeta, ma per loro Pikachu è l'unico mantra.
    Il punto non è questo, non è la qualità del prodotto che tanto sempre cultura popolare è.
    Il punto è perché chi era bambino in quegli anni non posta e non raccoglie e non discute su reperti e ricordi di quegli anni come facciamo noi %@&enni.
    Un mio insegnante diceva: l'infanzia ha i colori del mito. Chi era fanciullo nel 2000 - diciamo per semplicità chi aveva attorno ai 9 anni nel 2000- ora ha attorno ai 30 anni. Sarebbe allora da chiedere a quella fascia d'età: perché non si creano nuclei di retronostalgia attorno a quel lustro?
    La prima ipotesi è che ci fosse un cambiamento di supporti. Ok.
    Un'altra ipotesi è che sia troppo presto: la retronostalgia canaglia e archeologica comincia dopo i 35 anni.
    Un'altra ipotesi potrebbe essere questa: la retronostaglia 98-03 è già diffusa, ma i 30enni la sviluppano su piattaforme diverse che non conosciamo.
    Bisognerebbe chiedere a loro: a chi aveva 9 anni nel 2000.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti rispondo io che nel 2000 avevo 10 anni perché oltre ai motivi che hai detto semplicemente perché non sono stati anni belli ma scialbissimi non amati come quelli dei decenni prima. Io stessa da bambina nei 2000 preferivo guardare film e cartoni degli anni 80 e 90 perché più belli e giocavo con i giochi vecchi dei miei cugini che erano stati bambini negli anni 80 e con i miei dei 90.
      I bambini nei 2000 erano più portati a non giocare e non a fare le tipiche attività da bambini ma appunto dedicarsi alla Playststion e XBox, Nintendo, cellulari e internet la società di quegli anni ci ha fatto vivere da adolescenti invece che da bambini molto brutto perché è nell'infanzia che si hanno le prime fondamenta della vita non abbiamo avuto vere passionale e veri amori da amare, ricordare e tramandare.

      Elimina
    2. Innanzitutto Giù, grazie per la tua analisi.
      Verissimo: io per esempio sono tra coloro che di Nagai se ne fregano (lo adoro, eh, sia chiaro), ma NON è la mia cultura pop.
      Ovviamente NON lo sono nemmeno i Pokémon (che non mi piacciono, ma potrebbero pure piacermi, per inciso).
      Sono quasi di mezzo, e infatti qui aprirei una parentesi che riguarda il blog stesso (se vuoi poi te lo dico).
      Secondo me, tornando al punto, i ragazzi della generazione presa in esame stanno iniziando ora a sentirsi retromaniaci per le loro cose (anche rispondendo all'anonimo: pur brutte, si è legati alle proprie questioni...); ma tanto materiale NON c'è.
      E questo perché fu tutto cancellato, loro stessi non sono archeologi del passato come noi (ecco: io Nagai l'ho comunque recuperato TUTTO, per dirti).
      E loro non sono mai stati abituati -tranne nei casi descritti dall'anonimo qui sopra, ossia fratelli e cuginanza più anziana- a vivere brand vecchi.

      Moz-

      Elimina
  11. Anch'io nel 2000 ho conosciuto mia moglie, poi nel 2003 siamo andati a convivere..mi sa che in quegli anni ho perso parecchio per strada :D E' vero, quando sei "stabile" è più facile che conservi riviste e altro materiale! Che poi sono gli anni in cui ci sono state tante saghe amate ancora adesso: Il signore degli anelli, gli X-Men di Singer, Spider-Man di Raimi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo, la nascita di nuovissimi brand del presente.
      Guardacaso, però, sono stati anche quelli che mano a mano hanno cancellato il passato (se oggi pensi alla Marvel, non tu o io ma qualche sbarbatello, pensa ai film non ai fumetti!)

      Moz-

      Elimina
  12. Stava per arrivare l'Apocalisse, era arrivata probabilmente e un nuovo mondo cominciò in quegli anni. Si chiamava evoluzione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E ci siamo ritrovati con un buco... che sarà dura colmare: ma io vorrò farlo^^

      Moz-

      Elimina
  13. Ancor prima di arrivare alla parte in cui prendi a esempio internet, ci avevo già pensato. Quel periodo corrisponde anche e soprattutto all'arrivo di internet tra la gente comune (la mia prima connessione l'ho avuta proprio nel 1999). E sì... quante cose sono andate perse, compresi i miei primi blog (anche se qui si parla di 2003/2004, mi pare). E visto che, credo, la maggior parte degli appassionati a cose del genere - e parlo di archivio immagini e video - è stata anche la prima a interessarsi a internet, forse questo vuoto potrebbe essere spiegato proprio dall'affidarsi di queste persone a un mezzo nuovo sì... ma potente e dal potenziale immenso, senza però fare i conti con quella iniziale fragilità che ci ha fatto perdere quasi tutto di quel primo periodo internettiano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io dal 1999!! :D
      Esattamente: usato come archivio, non era come oggi. E tante cose che han chiuso, sono andate perdute.
      Paradossalmente, dovesse succedere che chiude Blogspot o FB, sarebbe uguale, ma immagino che pc più potenti e memorie esterne hanno tenuto almeno metà di ciò che verrebbe cancellato...^^

      Moz-

      Elimina
  14. 2000-2002 sono anche gli anni di quiz show di Amadeus... e ho trovato solo qualche breve video su YouTube... non c'è nemmeno su Rai play, ma Rischiatutto c'è! :-\

    comunque l'estate del 2001 me la ricordo bene, l'ho passata in Francia dai miei nonni, ho pure festeggiato il compleanno lì...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, capito?
      ZERO anche per la TV... incredibile.
      Dobbiamo trovare materiale, saremo noi gli archeologici!
      Idem io estate 2001 TOP!

      Moz-

      Elimina
  15. Cazzarola, quasi esattamente il periodo di vita del mio sito personale.
    Verissimo quello che dici: in quel periodo molto di quel presente e recente passato era raccontato nei siti personali, fatti magari da studenti per prendere un buon voto in Informatica, o da webmaster in erba che smanettavano in attesa di strumenti comodi come WordPress. C'erano anche i forum, vere miniere di informazioni organizzate che, se curati bene, erano degni di competere con Wikipedia!
    Purtroppo molti di quei siti erano su spazi gratuiti che hanno subito restrizioni, chiusure, demotivando i curatori a stare dietro all'ennesima "leggina" imposta da qualche c0gl10n3 incompetente in materia.
    I forum, dal canto loro, hanno avuto un percorso differente ma dall'esito simile: quelli gratuiti sono stati cancellati quando rimasti abbandonati in primo luogo dallo staff e di riflesso dagli utenti, quelli a pagamento hanno tirato avanti finché qualcuno ha fatto la colletta per rinnovare il dominio, ma in quel caso sono subentrate spesso necessità di migrazione da un linguaggio/piattaforma a un altro/a, cosa non sempre tecnicamente possibile.

    Il mio sito è stato conservato in un paio di copie, sopravvivendo anche alla rovina di uno dei CD sui quali l'avevo salvato. Inoltre conservo vari diari cartacei dove ho annotato fatti miei ma anche cose "pop" successe in quelle giornate. Certo, è una minima fonte per recuperare quanto perduto, ma se ognuno mettesse a disposizione quello che ha, si potrebbero tappare molti buchi di quegli anni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione: e credo che spetterà proprio a noi -che su internet c'eravamo, e ancora abbiamo la testa per ricordare...- riucire a colmare quei buchi.
      Io dal canto mio qualcosa dovrei avere... vediamo un po'!^^

      Moz-

      Elimina
  16. All'epoca andavo alle elementari: a mente fredda mi sembra un'epoca che magari sul momento sembra poco significativa e interessante, la cui onda lunga però si sente ancora oggi. Erano gli anni in cui il successo di Beautiful era definitivamente esploso, e Mediaset si accodava producendo le proprie soap opera (Vivere, Centovetrine ed Elisa di Rivombrosa, uno degli ultimi sceneggiati di successo)... Erano gli anni del fenomeno Dragon Ball Z e Pokemon, di Harry Potter, del Signore degli Anelli, i film di Spider Man stavano per creare una nuova generazione di appassionati Marvel... Eravamo nel pieno della Golden Age della Ferrari e dei Simpson, dell'Anime Night, i telefilm a struttura episodica si stavano pian piano trasformando nelle serie tv che conosciamo (vedi Smallville, che in 10 anni esemplifica un decennio di storia della serializzazione televisiva USA).

    Per alcuni di questi prodotti, come i Simpson o Beautiful, esiste una "retronostalgia". Altri prodotti non erano pensati per durare, erano storie mordi-e-fuggi, finita quella ti appassionavi ad altro (penso di non aver mai conosciuto un nostalgico di Doremi). Chi è nato per durare, come Dragon Ball o Pokemon, è a disposizione ancora oggi, al punto che al massimo su Internet si cercano le scene censurate che erano passate al primo passaggio in tv.

    E poi c'è Digimon, che a furia di remake, sequel e digevoluzioni orrende stanno tirando fuori ai bambini degli anni '00 la retronostalgia per Digimon 02 e le parole di maleducazione pesante. XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa, Doremi sta per tornare :D
      Sì, vero che molte cose sono nate in quel periodo: assolutamente.
      Ma sembrano essere meno, o meno potenti, del passato.
      Articoli su Bim Bum Bam, ritagli di giornale dell'epoca, ne trovi a gogo.
      Sull'anime night? Poco e niente.
      Perché quel poco magari era stato caricato solo su siti ora spariti... e tutto è andato perso :o

      Moz-

      Elimina
  17. Fantasma direi che e una parola forte erano anni in cui si usciva dal lunedì alla domenica, certo si vedeva la TV ma a orari particolari, se lavoravi magari uscivi comunque un po' da solo, con un amico o con la ragazza, in certi casi andavo in un locale con internet e giravi per qualche sito, chattavo o giocavo ai primi giochi online tipo quale o quale 2, il week end era uscire e andare in locali fuori addirittura dal proprio comune o girare magari senza una meta precisa ma sempre parlando, a fine serata le ultime 2 chiacchiere e si tornava a casa.
    I locali andavano forte senza i grandi Happy hour di ora ma erano pieni comunque e queste uscite iniziavano non da ore così impossibili appena finito di mangiare ci si preparava e via.
    Si a livello forse conservatorio forse non è rimasto molto ma solo perché il periodo era più vissuto al di fuori di telefilm o cartoni animati, anche chi seguiva non aveva una vera voglia di vederli finché non sono anti i forum che ne parlavano, ma comunque era sempre a livello internet, man mano e rinata una passione a livello visivo dei cartoni e dei telefilm ma già in quegli anni certe passioni erano andate scemando fino a diventare discussioni.
    Io ad esempio nel locale dove andavo ad una certa ora andavo nella saletta TV del locale dove andavo con una VHS dove attiravo ragazzi che poi vedeva con me quello che portavo. Ma quegli stessi a casa propria se ne guardavano bene di fermarsi troppo sulla tv

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao e benvenuto! 🤓
      Dunque tu dici che pure la società era in un momento di passaggio, presa da altro, coi cambiamenti tecnologici che... hanno imposto sia una velocità fagocitativa usa e getta, sia una sorta di indifferenza perché "tanto c'è internet, se ne discute lì!" 👍

      Moz-

      Elimina
    2. In realtà no, era in una fase di sperimentazione su diversi piani c'erano chi dappertutto dava un senso a giornate e serate provando sia a girovagare fisicamente e sia a livello di inizio internet, ma c'era anche chi aveva tolto di suo tempo a cose tipo cartoni animati o libri per (giustamente) ragazze e mezzi a motore, e chi invece non se n'era mai separato, tanto che tra appuntamenti fissi in TV o VHS continuava la sua voglia di riscoprire cosa offriva ciò che si mostra al mondo.
      In realtà l'indifferenza è arrivata ancora prima dell'usa e getta per chi abbandonata una passione se ne reinnamorava, in quel caso si che il soggetto era fagocitato ma perché era rimasto indietro, nel momento in cui si trasformava erano ciechi senza accorgersi di cosa accadeva, infatti c'è gente che si fa la guerra.
      La vita fuori si e sempre fatta e girando per la mia città ancora oggi vedo gente nei parchi o bambini a giocare ma e anche vero che chi permette gli smartphone in mano ai bambini sono quella generazione che viene dagli anni 70 e che vuole solo dimostrarsi migliore dei genitori rende vano il resto, i cambiamenti tecnologici imposti sono figuramente imputabili a chi ha preso coscienza in maniera errata e oggi beh sì ritrova in un mondo adatto a lui quanto il medioevo per un uomo delle caverne, cerca di abituarsi ma vive nel ricordo di un passato che non torna.
      Una persona che seguiva megaloman o ultralion ancora oggi mal digerisce i Power Rangers così come chi guarda Mazinga può non sopportare i Pokémon? Forse si ma e consapevole che vivono per portare l'animazione ad oggi così come ad oggi esistono i One piece e Naruto( che a me nonostante sia degli anni 70 non dispiacciono), ma e tutto nella mente del fruitore saperne assorbire l'essenza interna di un prodotto se ne sei attratto allora non avrai problemi e anzi non solo non getti ma compri, mentre chi li rifiuta beh ne condannerà l'esistenza un po' come chi chiedeva di vietare Elvis per presunte volgarità.
      Io nel momento di passaggio non ero da un altra parte e ho imparato internet, seguito i videotel, mIRC, e a continuare le passioni telefilm, film e non senza freno per me non c'è indifferenza a livello negativo ma consapevolezza che non tutto piace e non tutto sarà per me ma ci sono(se vuoi vederlo però) le imposizioni sono cresciute sa noi e con noi, Omero non tornerà a scrivere una nuova odissea se nascesse ora ma scriverebbe magari altri generi se ne capisce il funzionamento, ma uno ora nel suo contrario non potrebbe non ha più le basi logiche per capire come cambiare ma si ferma a rimpiangere, c'è internet e si discute li ma finito lì si andrà da un amico e si continua li, io la vivo così e vedo altri che vivono così, non credo sia un caso unico la mia città non credi? Ma se sei limitato in un mondo tuo e avverso a più mondi non vedi le potenzialità

      Elimina
    3. Sono assolutamente d'accordo, sempre pensato: innanzitutto bisogna prendere esempi generici e non solo il proprio vissuto (ecco perché voglio che qui si discuta confrontandosi, anche con opinioni contrarie!).
      Sono d'accordo con te, io poi di mio sono totalmente curioso... apertissimo.
      Io sono consapevole che l'He-Man del 2002 è NETTAMENTE SUPERIORE, intendo il cartoon, alla serie Filmation.
      Per farti un esempio.
      Non sono fossilizzato sul passato, lo apprezzo ma so bene che c'è tanto di buono e di meglio anche dopo... infatti vivo il presente con tutto quello che offre^^

      Moz-

      Elimina
    4. Beh che sei aperto a verificare prima di giudicare si vede subito, non tutti sono così basta vedere su facebook o sentire parlare in giro cosa dice la gente parlare di tecnologia non è da tutti primo perché si ignora la semantica della parola che indica molto, poi si generalizza comunque secondo i tempi che si vive,oggi il male vive nei giochi o sugli smartphone,ma la tecnologia e tutta pericolosa così come e se usata come si deve una fonte inesauribile di aiuto, per esempio se oggi cerchiamo cose proprio del periodo di cui parlavi magari qualcuno ha/aveva delle VHS che poteva usare per creare un archivio, però per il caso come detto prima eravamo impegnati a viverle più che a conservarle, e rimangono solo ricordi sbiaditi, se ci fosse stato uno smartphone magari avevi un più vasto archivio in giro.
      Quindi se ci pensi la mancanza di ciò che abbiamo ora ha messo un paletto a cosa si poteva essere una costruzione di qualcosa oltre la mente, oggi ne abbiamo troppi e il ricordo anche di una foto non e più sufficente e se ne creano a iosa,in passato avevamo altri mezzi e si conservano direttamente, quindi la transizione ha fatto perdere qualcosa per forza.
      Dipende sempre da come si utilizza e non ci sono spiegazioni oltre a questo tranne il giustificare il non saperci interagire per certi modi di pensare, purtroppo l'evoluzione tecnologica ha fatto un balzo enorme in pochi anni di cui non tutti tengono il passo.
      Guarda il cinema gli effetti di oggi a 100 anni fa (che a livello di tecnica sono pochissimi)mentre se si costruisce un ponte oggi si spera non crolli,abbiamo internet ma e usato fosse al 30% delle sue potenzialità, perché la gente lo usa per il suo personale sfogo, un blog come il tuo e un ottimo contenitore di curiosità e inediti che aiuta, certo dall'altra parte serve anche capire il perché qualcuno si impegna così tanto altrimenti ti rendi conto perché hanno perso ciò che si e vissuto in quel gruppo di anni,ma non solo per la TV ma anche a livello personale perché cancellano magari periodi che erano brutti, io ho ricordi legati in diversi anni della mia vita che tolte la vhs da casa mia ho recuperato prima su emule poi in supporto fisico attuale ampliandoli, e per il resto ho internet che mi dà una mano, siamo noi che ci disapproviamo dei nostri ricordi se non piacciono per poi rimpiangerli perché non hai più qualcosa a cui tenevi un tempo.
      Il periodo fantasma e nato non dall'arrivo di PC e internet praticamente ma da una volontà soggettiva di abbandonare magari temporaneamente ciò che ci piaceva, se dici che al tempo cambi perché era meglio l'interesse per le ragazze o per le auto come per le moto non è che sbagli ad averlo fatto, ma l'errore e non aver voluto integrarli nella tua nuova vita, dentro ti sarai detto ormai perché devo pensare a quelle cose c'è di meglio e via hai fatto una giusta scelta, ma se li abbandoni anche se li riprendi non saranno più come una volta questo devi metterlo in conto, non credo di sbagliare in questo.
      Cambiano le priorità e cambiano anche gli interessi, ma anche loro cambiano non si fermano e evolvono come si evolve un carattere umano, giudicare negativamente lo puoi fare ma soggettivamente mai in altro modo perché qualcuno che la vive differentemente può contraddirti con pieno dirittopari al tuo, bisogna accettarlo perché se recuperi ciò che hai perso non avrà a livello emotivo lo stesso impatto sarai contento ma dentro avrai un filo di tristezza perché non e comunque ciò che avevi sarà simile ma non uguale.

      Elimina
    5. Mi è piaciuto molto quello che hai detto: abbiamo voluto dimenticare.
      Lo abbiamo voluto fare, tutti, in questo periodo transitorio: perché era figo lanciarsi subito nelle continue novità tecnologiche che soppiantavano quelle appena precedenti, perché era figo fagocitare senz'anima.
      E hai ragionissima quando dici che poi ci si pente, perché anche noi retromaniaci anni '70 (tu) e '80-'90 (io) -permettimi questa semplificazione- abbiamo sicuramente perso qualcosa del nostro passato, che stiamo recuperando.
      Però cavolo, io nella mia epoca, vivendola, me lo dicevo: che figata è!

      Moz-

      Elimina
    6. Ecco io magicamente faccio parte di quelle mosche bianche che non ha mai tralasciato passato,ho vissuto quel presente aspettando il domani, a me quello che perso e stato eliminato a mia insaputa quando non ero in casa e ad oggi la fregatura me l'hanno data,ma non ho dimenticato le emozioni di prendere qualcosa o di vedere una cosa nuova, quello si è dimenticato perché avere una cosa del passato e bello lo recuperi se poi e tipo i DVD di un film che amavi sarà un bel colpo al cuore, ma poter ancora emozionarsi nel vedere una cosa nuova mai vista anche se e recente non ha valore perché quella prima visione e carica di aspettativa che non ti darà qualcosa che comunque conosci, perché quando ti diede la vera emozione e stato proprio nel momento in cui e iniziata, sono gioie differenti perché la prima visione se era non solo aspettata ma ti soddisfa equivale ad un innamoramento mentre recuperare il vecchio e come ritrovare una vecchia amica fedele piacevole ma diverso allo stesso tempo, io ancora sperimento e provo quando vedo qualcosa che realmente mi intriga quella sensazione che più tempo passa e più ti manca e non torna se non ci sono certe condizioni mentali.
      Però il momento in cui lo vivi e fondamentale, io ho continuato a cercarla altri hanno cercato altro lasciando da parte una parte di se, non la si ritrova rimanendo solo in quel stato mentale, lo si crede ma e autoconvincimento, lo si ritrova cercando lo spirito del senso di meraviglia e si ha solo quando torna quella sensazione di attesa per qualcosa di sconosciuto la,vivere il futuro senza dimenticare il passato

      Elimina
    7. E purtroppo il mondo attuale non aiuta: perché è tutto così velocissimo, non c'è il piacere dell'attesa, non c'è la scoperta, l'immaginazione, il pregustare qualcosa (una visione, un ascolto, una lettura...).
      Un vero peccato. Noi possiamo solo perché abbiamo vissuto, e sappiamo replicare.

      Moz-

      Elimina
    8. Purtroppo e cosi, i pochi che ancora ci riescono tipo me non sono capito da tanti perché devi essere o in un modo o nell'altro, non e concepita più la via di mezzo

      Elimina
  18. Denis:Nel 2001 c'è la sfida tra Ps2, Xbox e Gamecube vinse la Sony non perchè più potente anzi era la meno perfomante,ma aveva un catalogo in cui per ogni genere c'era almeno un capolavoro.
    Se guardate questi film di quel quinquennio non ricordo di averli visti in tv, Hannibal e Il quinto elemento.
    Chissa che non sia una scelta politica mi sembra strano che negli archivi televisi non ci siano, comunque esistevano all'epoca i dvd recorder per registrare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma non erano dispositivi così comuni nelle case... Non ricordo nessuno che lo avesse.
      Fu un periodo strano, direi.
      Vero sai? Alcuni film di quel periodo non vengono trasmessi spesso: chissà perché! :o

      Moz-

      Elimina
  19. Considerazione stuzzicante e ahimè purtroppo vera, di quel periodo c'è molto meno materiale a disposizione, per vari motivi tra cui quelli da te descritti. C'era infatti un cambiamento di tecnologie in atto, tra VHS e DVD e molti hanno buttato le loro cose, io da collezionista possiedo ancora un videoregistratore funzionante e non ho buttato le mie videocassette, tra parentesi -cosa non richesta da nessuno- credo che l'ultima vhs ad essere uscita in Italia sia stata quella del film Gothika con Halle Berry uscita nel dicembre del 2005 come collaterale in edicola per un settimanale. Perlomeno è l'ultima che ho comprato io. Sono stati anni interessanti e come qualcuno che li ha preceduti io li dividerei in due fasi: pre e post 11 settembre. Anche a livello televisivo salverei diverse cose: la nascita di LaSette, la gestione di RaiDue di Carlo Freccero e diverse cosucce di RaiTre. Alcuni programmi erano orribili, qualcuno ricorda "Scherzi d'Amore" con la Panicucci sulla Rai?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha no, non ricordo quello nello specifico ma ad esempio ricordo DA DOVE DGT su Italia 1 :D
      Pensa, io ho continuato ad acquistare vhs almeno fino al 2008-2009, perché poi te le svendevano a due lire.
      Il top? Era che per anni certi film o VHS o niente... perché in dvd non uscivano (alcuni ancora adesso non ci sono^^)

      Moz-

      Elimina
    2. Mi ero spiegato male, intendevo dire VHS di prima mano, quando uscivano in edicola o nei negozi specializzati non quelle in giacenza o nei mercati, in quel caso anche io ho continuato a comprarle. :) Se non ricordo male smisero di essere prodotte nel 2007 e poi per uno o due anni vennero praticamente o buttate o messe in svendita.
      Concordo con te sul fatto che certi film ancora oggi non vengano prodotti in dvd, tanti horror italiani o per dire alcune produzioni televisive, il pilota di "Dark Skies" per dirne una, che almeno in Italia dopo il passaggio televisivo, per anni venne proposto solo su una edizione in vhs che oltretutto circolò pochissimo.

      Elimina
    3. No, forse sono stato io a spiegarmi male: avevo capito cosa intendevi.
      Io invece intendevo dire che anche con l'avvento dei dvd ho continuato comunque a usare il videoregistratore... avoglia XD
      Già, ecco un'altra mancanza... che chissà quando colmeranno: riverseranno in dvd certe opere?


      Moz-

      Elimina
  20. È una cosa che ho sempre pensato anche io, oggigiorno trovi subito tutto di qualsiasi canale, ed invece c'è un enorme buco temporale di fine anni 90 inizio 2000, ma credevo di essere un paranoico, di essere l'unico a pensarla così. Sono veramente felice di non essere il solo, davvero non puoi capire quanto mi 'rassicuri' questo tuo post. Non si trova nulla del programma di Raitre la Trebisonda (si tende a ricordare solo il Fantabosco che i meme hanno fatto sopravvivere), non si trova nulla riguardo la serie tv francese con una Heidi adolescente (trasmesso sempre dalla RAI), niente anche per Sweet valle High(mediaset). E chissà quante altre. C'è veramente un enorme vuoto. Da lì a poco sarebbe cambiato il mondo con youtube e tutto il resto, ma all'epoca davvero nessuno poteva immaginarlo. Pazzesco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cioa Shu!
      Pensa tu, Sweet Valley High mi è capitato sottomano per qualche post ma non ricordo cosa :o
      Ma proprio pochi giorni fa!!
      Sì, direi che non è solo una nostra percezione, ma la verità: un buco enorme in un mondo usa e getta, in evoluzione frenetica, e tutto questo mix ha contribuito a far sì che tanto fosse dimenticato o non conservato!

      Moz-

      Elimina
  21. Beh..Anna Oxa con intimo a vista che vinceva il Festival di Sanremo 1999 io la trovo ancora su YouTube e altri portali .
    Non è andato proprio perso tutto .
    Le cose importanti restano.
    Poi si anche la Saga del Signore degli anelli ..il sesto senso , Spidey di Raimi ecc..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo, le cose grandissimissime sono rimaste... ma tutto il resto PUFF!, sembra non ricordarlo nessuno o comunque info e materiale sono di qualità davvero scadente...!

      Moz-

      Elimina
  22. No dai, non è vero che di quel periodo non sia rimasto niente di cultura pop… I film ci sono, i fumetti pure (a parte il maledetto è-Enigmistica Giovani che no, non ho notizie)
    Sono i siti come Rai Play e Mediaset Play che latitano! A parte "Libero" e "L'Ottavo nano", su Rai Play tantissimi programmi di quel periodo sono introvabili. Ad esempio non si trova il programma musicale "My Compilation" andato in onda nel 2002 su Rai 2... sparito nel nulla. Top of the pops invece manca per i soliti problemi di diritti.
    Mediaset, mah, non ne parliamo proprio. Gli ultimi anni di TMC nemmeno. MTV Italia poi è uno scandalo…

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh vedi quante cose hai elencato...!
      Io manco ricordo My Compilation, immagino che fare una ricerca non porterebbe a niente!!
      Comunque, mo tiro fuori io qualcosa dal cilindro anni 2000, dai^^

      Moz-

      Elimina
  23. Anche io penso di essermi persa qualche pezzo ma credo sia stato anche un po' a causa mia fra le superiori impegnative, il diploma, l'inizio del lavoro... un po' troppi casini per stare dietro al mondo quando ero estremamente incasinata io! xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente anche il vissuto della nostra generazione -gli attuali archeologi e ricercatori- ha contribuito!!

      Moz-

      Elimina
  24. Ciao Moz leggendoti ho scoperto che di quel tempo ho pochi ricordi, forse, come era già successo sul finire degli anni settanta abbiamo vissuto un periodo di transizione e di cambiamento con poche presenze di novita. Si spegneva l'ardore ideologico dei giovani verso la politica e iniziava un nuovo modo di vivere con meno altruismo verso gli altri e la rincorsa solitaria verso il successo economico personale.
    Ciao Moz.
    fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo, grande: periodo identico a quello di fine anni '70 e primissimissimi anni '80! Un buco tra due epoche!!!

      Moz-

      Elimina
  25. Ed è un vero peccato Miki, dato che la fascia 1998-2003 (aggiungiamoci pure il 2004) corrisponde alla mia golden age. Ricordo il mio primo abbonamento Internet avvenuto il 24 dicembre 1999 e i primi siti che esplorai. Tra questi c'era il defunto sito di Pardas dedicato a Dragoon Ball (ospitato sul dominio Xoom) che scoprii alcuni mesi prima su un numero di Benkyo. Ora che ci penso gli stessi siti dedicati ai cartoni sono un fenomeno che sta sempre più scemando a favori di forum e gruppi Facebook. Ed è un peccato secondo me, dato che alcuni di questi portali erano strutturati in una maniera precisa, tanto da far ben conoscere all'appassionato una determinata serie nonostante non venisse trasmessa in quel momento in tv, oppure fosse difficile comprare la vhs che usciva ogni due settimane o il manga. Ecco, Dragon Ball Z e Dragon Ball GT li conobbi proprio grazie al web e a siti come quello menzionato in precedenza da me, ma potrei fare anche l'esempio di Pokémon, Ranma, Card Captor Sakura e altri ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente, hai puntato l'accento su una questione particolare: mancano sempre più i siti specifici.
      Vero!
      Non c'è un sito italiano su questo o quel titolo, monotematico!! 🤔🧐
      Gli ultimi sono quelli su One piece!

      Moz-

      Elimina
    2. @Marco guarda, secondo me la sparizione di quei siti sia anche questa dovuta a motivi di copyright. Uno dei primi siti che visitai nel 1998-99 con il modem 56k (rigorosamente) fu "Pokémon (punto) it" che naturalmente passò di mano alla Nintendo. Chissà quanto ha guadagnato il tizio che a fine anni 90 registrò quel dominio!!! Era il periodo del mercato nero dei domini, gente che comprava "dragonball.it" e chiedeva i soldi! Che periodo assurdo per il Web...
      @moz ci sarebbe un'altra cosa sparita nel nulla ma che in quel periodo sembrava fantascienza: Freedomland! Si trattava di un decoder da collegare alla tv per navigare su internet dal televisore. Il nonno del Chromecast e delle smart tv!!!

      Elimina
    3. Proprio non lo ricordo, questo!! :O
      Oggi si fa tranquillamente dal televisore, pensa tu.
      Quanto ai domini, vero: berserk.it, dragonball.it... tutte cose che poi sicuramente sono state fatte chiudere per ovvi motivi!!

      Moz-

      Elimina
    4. Ciao Giauz, ciao Miki, Freedomland lo ricordo benissimo. Qualcosa di avanguardistico per quei tempi (1999). Nel dicembre di quello stesso anno Gerry Scotti lo sponsorizzò spesso durante i messaggi promozionali di Passaparola. Per navigare ti davano il decoder (come giustamente detto da Giauz) più un telecomando e una comodissima tastiera. Potevi inoltre seguire la tv e navigare tranquillamente al contempo grazie a uno schermo che ti permetteva di guardare i canali. Peccato durò poco. Grazie comunque per le delucidazioni riguardanti i siti. Pensate che negli ultimi anni ho lavorato anche per uno di questi portali storici (nella vita sono anche un giornalista e un redattore) risorti dopo anni di inattività. Vi dico solo che si tratta del più importante sito in italiano incentrato su Dragon Ball Z ;). Il politically correct e il copyright ci hanno inguaiato comunque. Ci stiamo limitando e distruggendo con le nostre stesse mani...

      Elimina
    5. Purtroppo i tempi vanno veloce, che poi... veloce è un parolone: si tratta di venti anni fa.
      Se ci pensiamo, anche tra gli anni 70 e 90 c'era un divario assurdo eppure erano solo venti anni.
      Eh, la percezione ci frega.
      Non ricordavo della cosa di Scotti!

      Moz-

      Elimina
  26. Stranemebte io ho dei ricordi abbastanza vividi di quel periodo sarà perché coincideva con la fine del liceo e l'inizio dell'università.
    Comunque se può interessarti ho ancora un sacco di riviste di quel periodo (devo controllare bene gli anni ma credo che combacino) cone tv sorrisi e canzoni, telepiù (se in copertina c'era x files era mio) e i primi numeri della rivista del Grande Fratello prina edizione. Se ti possono servire vedi di andare di scansioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grande Ziro! Thanks!
      Sentiamoci in privato, magari ci scappa qualche guest post su qualcosa di specifico!
      Io ho appena recuperato un Sorrisi del luglio 2004! 🤓👍

      Moz-

      Elimina
  27. Beh, bisogna dire che due dei più grandi brand cinematografici mi pare che nacquero proprio in quel periodo, e parlo de Il signore degli anelli e di Harry Potter.
    Senza contare la seconda trilogia di Star Wars che oggi è stata persino rivalutata e Pirati ai caraibi, diciamo che dal punto di vista cinematografico è stato un bel periodo, almeno per chi ama il cinema commerciale.
    Mi pare siano usciti anche Spiderman ed il primo X-Men.
    E sono tutti prodotti di cui si parla ancora adesso.
    C'è gente su Youtube che fa centinaia di migliaia di visualizzazioni parlando ancora di questi prodotti.
    Comunque mi pare di ricordare che quello è il periodo dei primi talent e reality show, forse il cambiamento deriva anche da quello.
    La gente ha cominciato ad appassionarsi anche ad altre cose.
    Io guardavo meno tv, anche perché in quel periodo mi è toccato vestirmi di verde per dieci mesi, ma ricordo comunque serie tv e programmi che mi interessavano.
    Perché non si trova nulla in rete?
    Perché molte piattaforme virtuali di quel periodo chiusero o oggi sono desuete perché tutto il materiale passava su Emule, Megaupload e la musica era tutta su Winmix e Napster.
    Io adoravo il Mirc che era ottimo non solo per chattare ma anche per...scaricare.
    Io comunque rimango dell'idea che l'epoca migliore è sempre quello della propria adolescenza.
    Mio nipote è nato poco prima della fascia che hai citato e quando mi parla delle cose che ama mi cita sempre videogiochi, film e cartoni animati di quel periodo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo, soggettivamente è così: ognuno ha il proprio periodo d'oro nella sua infanzia/adolescenza, ed è ovvio che sia innamorato delle cose che vedeva-leggeva-giocava-ascoltava all'epoca.
      Poi oggettivamente possiamo trarre altre risposte, ma dobbiamo essere obiettivi! 👍
      Quanto a quel che dici, vero: tanto brand nati all'epoca, ma tutto il resto, il minore, è andato! Ahimè!!

      Moz-

      Elimina
  28. Per me basterà aspettare un po' e poi verrà riproposto un bel po' di roba anche su quegli anni. Deve solo stagionare un po' di più

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma hanno già iniziato eh! Solo che appunto, info e materiale manca. Anche scoppiando più in là, non avremmo moltissimo... a meno di recuperi clamorosi!! 🤓

      Moz-

      Elimina
  29. Allora, ho letto con interesse tutti i commenti, oltre che al post.
    Francamente ho sempre pensato che quel quinquennio da te indicato sia sempre stato un periodo di transizione, evidente.
    Forse perché per dire, le stesse riviste che leggevo io (Topolino e il Guerin Sportivo) hanno vissuto periodo di transizione.
    Topolino ha perso qualità (normale, ci sono sempre alti e bassi, per questo ho parlato di transizione), anche se storie belle da recuperare ci sono, eccome; il Guerin Sportivo, in un'annata, ha modificato adddirittura il proprio formato. Stabilizzandosi nei primi anni del 2000 in una versione che secondo me ha ritrovato molto brio fino alla decisione, sciagurata benché motivata da questioni economiche, di trasformarlo in mensile.
    Però chi come A.J. ha vissuto nel pieno quel periodo, sicuramente ricorderà tante belle cose e non può dire (giustamente) che sia un periodo di transizione.
    Per me, personalmente, è stato un periodo di transizione seguito da un periodo di difficoltà.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, io credo che sia OGGETTIVAMENTE un periodo transitorio, così come quello tra la fine degli anni '70 e i primissimi anni '80... sono quei periodi dove le cose cambiano e ancora non si assestano.
      Che poi ognuno lo abbia vissuto in modo particolare, ci sta.
      Però oh, è un dato di fatto oggettivo che non si trova niente su certi programmi, oggetti, ricordi... guardacaso i cercaricordi non risolti, o risolti con più fatica (magari con prove sgranate, scansioni di bassa qualità), riguardano questo periodo.
      Vuoi trovare invece cosa ha trasmesso Italia 1 nel 1993, è più semplice! :o

      Moz-

      Elimina
  30. Ciao
    Prima o poi mi dovrò registrare a questo sito perché ci passo troppo spesso.
    E che parentesi dovevi aprire che mi devi dire più tardi? Mi inquieta sta cosa.

    Comunque. Io la penso come Chris Masters anche se da quel che si legge anagraficamente ci separano quasi venti anni di età: quegli anni (i '00 +/-3) erano qualitativamente né più né meno delle altre decadi. Peccato si sia cancellato.
    Quanto alla transizione, fu Flaiano a dire "Siamo in una fase di transizione, come sempre".
    E continuo a pensare che il materiale nascosto da qualche parte ci sia, solo che i 30enni non hanno ancora cominciato a scansionare a sbobinare e archiviare e postare. Forse sono ancora un po' freddini.
    Solo nella libreria qui davanti a me ho due o tre riviste che risalgono a quel periodo e altre ne ho buttate via quest'estate. E ammucchiate in scatoloni VHS rovinate. Vuoi non sia così in altre case? E poi ci sono le collezioni di topolini. Vuoi che da li non si riescano a trovare pubblicità o palinsesti o un richiamo alle Superchicche o Star Wars?
    Da come si sono esacerbati gli animi più su nei commenti, può essere un argomento caldo e attrattivo. Eppoi di nostalgia anni '80, io che li ho vissuti non ne posso più! Quindi viva i Naughties! Viva gli 00 +/-3.
    Se proprio fosse come dici - e cioè una specie di Triangolo delle Bermuda della cultura pop - magari si può cominciare a raccogliere e catalogare: più l'impresa è difficoltosa maggiore è la gloria.
    Ciao Giù

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giù, ricordo di averti detto la cosa della parentesi ma non ricordo di cosa parlavamo nello specifico XD Madonna, la vecchiaia avanza!! AIUTO XD
      Comunque, sono d'accordo: il periodo fu di transizione semplicemente perché molte cose cambiarono e traballavano in quanto non ancora assestate.
      Hai ragione... io qui ho già iniziato ad esplorare quel periodo, dall'anno scorso: credo ci siano delle perle che vadano riscoperte, a modo loro.
      Beh, chiunque vuol dare una mano è il benvenuto**

      Moz-

      Elimina
  31. Interessante! I miei archivi digitali partono effettivamente dal 2003, ho pochissime foto di 2000 e dintorni... Avevamo cellulari pesanti come mattoni e macchine fotografiche digitali che facevano foto pessime...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già: la tecnologia... pre, che poi venne subito soppiantata.
      Pensa che io di quel periodo ho una prima chiavetta USB, praticamente ci mettevi dentro giusto un floppy... a che pro? XD

      Moz-

      Elimina
  32. Una cosa che non si trova su Internet: la finale del torneo di "Passaparola" tra Mariani e Sallustio. Ci sono spezzoni di altre finali, di gaffe di concorrenti de "L'eredità" ma di quella finale spettacolare niente.
    Ed era metà anni 2000.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco.
      Evidentemente NESSUNO l'ha registrato o... caricato sul web.
      Sembra assurdo ma succede.

      Moz-

      Elimina
  33. Raro spezzone della trasmissione Sai x perché: https://m.youtube.com/watch?v=7uA5k-axS24&t=148s

    C'era ancora la volontà di trasmettere programmi culturali.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la Gubellini mio sogno erotico dell'epoca...

      Elimina
    2. Mamma mia cos'hai ritrovato!!
      Vero, bella trasmissione e lei bellissima^^

      Moz-

      Elimina
  34. Sorrisi e Canzoni del giugno 2004?

    Provo a ricordare gli anime di quel periodo su Italia 1 😀

    Primo pomeriggio

    Yu-Gi-Oh e Sailor Moon (replica prima serie)

    Metā pomeriggio

    Pokémon Advanced
    Mew Mew amiche vincenti o Yui ragazza virtuale

    Forse anche uno tra Hamtaro e Doremi

    Ci sono andato vicino vero?

    RispondiElimina
  35. Aggiungo una chicca!

    Conosco questo sito da anni...

    https://greenyellowtv.wordpress.com/2015/04/15/sequenze-tv-registrate-durante-la-fascia-ragazzi-su-italia-1-il-5-giugno-2003/

    Una rarissima sequenza video di Italia 1 di giovedì 5 giugno 2003 durante la fascia dei cartoni di metà pomeriggio che iniziava circa alle 16:00.

    I cartoni trasmessi quel giorno erano Beyblade, Doremi e Hamtaro più Totaly spies e Maledetti scarafaggi.

    Mamma mia quanti spot dei Beyblade! 😀

    RispondiElimina
    Risposte
    1. di Doremì e Hamtaro ho un bel ricordo, mi piacevano molto :-)

      Elimina
    2. Ecco, meno male che qualcuno ha fatto delle registrazioni... prima o poi devo provare anche io a vedere nelle mie vhs cosa c'è^^

      Moz-

      Elimina
    3. Wow!

      Possiedi registrazioni del periodo settembre 1998 - maggio 1999? Soprattutto della primavera 1999 ci sono poche informazioni do cosa andava in onda su Italia 1...

      Sicuro Lupin al primo pomeriggio e Holly e Benji assieme a Terry e Maggie durante Bim Bum Bam, mi risulta anche la Stella della sena e l'ultima replica su Italia 1 di Prendi il mondo.e vai.

      Sai qual' è la beffa più grande? Nel sito di Mediaset ci sono i comunicati audience dal primo gennaio 2000 in poi ma non del 1998-1999...
      I dati auditel degli anni '90 dei cartoni animati sono merce rara compresi gli anni 1998-1999...
      Vorrei tanto sapere quanto faceva la prima serie di Dragon Ball nel periodo giugno-dicembre 1999...
      Di sicuro ebbe un buon successo altrimenti non avrebbero trasmesso anche la serie Z...

      Elimina
    4. Mhhh, non so se ho proprio quel periodo.
      Ho qualcosa del 1994-1996, sicuramente.
      2001 pure... Dovrei capire bene anche io^^

      Moz-

      Elimina