[TV] la prima La7: i cartoons trasmessi

 

Siamo abituati ormai da anni a pensare al canale LA7 come rete di mera informazione giornalistica, con programmi di approfondimento e culturali.
In realtà, quando LA7 nacque (era il 24 giugno 2001), sotto l'egida di Telecom Italia e dalle ceneri di Telemontecarlo, il pubblico di riferimento era molto diverso.
LA7 era proprio una rete del tutto differente da come la conosciamo oggi: riscopriamo un lato dimenticato di quel canale, che sembrava promettere molto ma che non ebbe i riscontri sperati.
Tra programmi pop e anche animazione selezionata.



In contrasto con Italia 1: era sostanzialmente questo ciò che LA7 avrebbe voluto.
E, per un po', lo fece.
Una nuova rete giovane, tra frivolezza e cultura, ma che dovette presto mutare assetto.
La primissima versione di LA7 era attesa dagli anime fan italiani (si era all'apice della nuova ondata di giappomania) perché il palinsesto prometteva un preserale niente male.
Giocandosela coi due principali distributori italiani di animazione giapponese, la rete di Roberto Giovalli (che aveva in passato diretto proprio Italia 1) sceglie due opere specifiche: Daitarn III e YuYu Hakusho (i palinsesti riportavano solo YuYu come titolo).
Con la Dynamic punta alla nostalgia, tra robottoni e serie storiche; con la Yamato Video prende il pubblico più moderno, grazie a un titolo d'acchiappo in prima visione.
L'orario è quello che va dalle 19.30 alle 20.30.


          


Una scelta che fa subito correre la Mediaset ai ripari: Dragon Ball (o meglio, una sua replica) viene "promosso" alle 19.30 per contrastare LA7, e al suo posto in lunch time arrivò Sailor Moon, La luna splende.
Ma LA7 non era solo anime: schierati in campo nomi di un certo peso (Lerner, Fazio, la Bignardi, la Littizzetto, Biscardi, Ferrari, la Lanfranchi, Rosita Celentano, Platinette) puntò anche su game telefonici condotti a rotazione da volti giovani (tra cui Jane Alexander, Dado Coletti, Edoardo Stoppa): Zengi, Mango, Sì o No, Puzzle Time.
E quindi magazine giovanili (Fluido -con Alvin- e Ibiza -con Andrea Pellizzari); ecologia e natura (Oasi, condotto da Tessa Gelisio); rotocalchi vari (Tema, Sfera, Telerentola...).


Il sabato e la domenica ci sono i cartoni animati di Cartoon Network, in uno slot (Cartoon Cartoons) ereditato da Telemontecarlo: Leone, il cane fifone, Johnny Bravo, Samurai Jack...
Terminati Daitarn e YuYu, si passa a Ken il Guerriero (lievemente censurato rispetto alle trasmissioni precedenti su altri canali) e Street Fighter II Victory (anche questo presentava piccoli tagli, anche più rispetto alla versione JTV, QUI una retrospettiva).
In un pomeriggio di festa, si segnalò persino la messa in onda -assolutamente estemporanea e senza alcun tipo di seguito in palinsesto- del film He-Man e She-Ra - Il segreto della Spada (in edizione leggermente ridotta nel minutaggio).



La prima LA7 forse non ci ha creduto fino in fondo, o forse è stata travolta dagli eventi (di lì a poco crollarono le Torri Gemelle, l'informazione chiedeva i suoi spazi e il talk show di Fazio venne cancellato a pochi giorni dall'esordio).
Uno scombussolamento che portò la rete a una virata verso altri tipi di intrattenimento: continuarono solo le serie televisive, con qualche novità (tipo The L Word) e gradite repliche.
Questo un palinsesto del 2004:




Col tempo, anche il logo è cambiato: via il giovanile arancione e le forme cool dell'art director Alberto Traverso, verso un simbolo più serio e istituzionale.

ALTRI CANALI DEL PASSATO?

52 commenti:

  1. Ammetto di non aver seguito troppo questo canale soprattutto perché in quel periodo non avevo proprio tempo di guardare la televisione come avrei voluto! ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ricordo con sopresa i palinsesti su Sorrisi... Daitarn e YuYu... e ci si chiedeva cosa fosse.
      Peccato che da me si vedeva male, recuperai in Abruzzo durante le vacanze estive.

      Moz-

      Elimina
  2. Non lo sapevo l'ho sempre visto e creduto come canale di film e programmi politici, che scoperta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, oggi è questo, in passato è stato... MOLTO MEGLIO, anche se per poco.

      Moz-

      Elimina
  3. Denis: YU YU Hakusho ho solo il film animato ma uscirono almeno in Giappone vari picchiaduro in 2d della serie per Megadrive e Super Nintendo.
    Ricordo che trasmettevano pure Ranma 1/2 ma forse prima del cambio di nome, se penso ai danni che ha fatto la De Filippi stroncando di fatto le serie animate ma aumentandosi la sua visibilità e compenso.
    Daytan 3 esiste in due doppiaggi diversi.
    Rifletto che poi dopo sono stati comprati cortoni animati più demenziali americani disegnati male con personaggi iperattivi affetti da imbecillità cronica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ben ricordo, qui anò in onda col doppiaggio nuovo e più fedele ai dialoghi originali.
      Ranma era ai tempi di TMC... :)

      Moz-

      Elimina
  4. non ricordavo assolutamente niente degli anime di La7, però vedevo i "giochi telefonici"... su TMC guardavo ZapZap (poi ZapZapTV) che trasmetteva Ranma e, a Natale, ci regalava la strenna delle strenne "Le 12 fatiche di Asterix"!
    Purtroppo, dopo il cambio di proprietà non s'è visto più niente di tutto questo :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero... i bei tempi delle TV di una volta, quando ancora avevano palinsesti decenti.
      Tutto perduto, tutto.

      Moz-

      Elimina
  5. Bei tempi! Visti tutti gli anime di La7, e il weekend era un appuntamento fisso con cartoon network

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Yes, era un'ottima alternativa, purtroppo durata poco.

      Moz-

      Elimina
  6. Occupando le frequenze di TMC qui non si è visto nulla di ciò. Solo col digitale terrestre si riceve ma oramai la tv non è più di mio interesse.
    Sapevo che avesse ingaggiato vari volti noti della televisione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Yes, anche io in Puglia faticavo, si vedeva malissimo, e mi persi YUYU HAKUSHO che avrei tanto voluto veere (ero un lettore del manga). Recuperai un mesetto dopo in Abruzzo^^

      Moz-

      Elimina
  7. A proposito di Telemontecarlo, ma non c'era un periodo che era divisa in TMC1 e TMC2 o qualcosa del genere? Avevano una programmazione diversa, mi pare che TMC2 fosse più giovanile. È per caso quella che è confluita in La7?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. TMC2 arrivò molto prima, era il nome che la vecchia Videomusic assunse nel 1996, quando cambiò palinsesto iniziando a dividersi tra musica, programmi sportivi e qualche film e serie tv.
      Fu TMC a confluire in La7 nel giugno 2001, appena un mese dopo il passaggio di MTV dalle frequenze di Rete A a quelle di TMC2, la quale di fatto cessò di esistere.

      Elimina
    2. Esattamente, l'iter fu questo.
      Un mezzo casino (e comunque anche su Tmc2 andò qualche anime, e ne riparleremo^^)

      Moz-

      Elimina
    3. che casino di reti, comunque a me è sempre scocciato che si fosse abbandonato l'aspetto musicale nelle reti che erano partite con quella. Alla fine erano diventate tutto tranne che musica, pure MTV

      Elimina
    4. MTV praticamente non aveva più nemmeno un video musicale.
      Solo programmi trash.

      Moz-

      Elimina
  8. si ricordo il suo esordio, mi pare che alla fine sia stato un nulla di fatto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Yes, durò pochissimo tutto questo, peccato.

      Moz-

      Elimina
  9. E non per caso visto all'inizio e sono anni che neanche giro canale lì..

    RispondiElimina
  10. Ecco perché nel preserale di Italia 1 di quel periodo misero la replica della prima serie di Dragon Ball mentre nel lunch-time proseguivano gli episodi inediti della serie GT. Una cosa bizzarra ma che aveva il suo senso.

    Non seguivo all'epoca LA7 ma direi che come inizio Yu Yu Hakusho era l'ideale essendo uno dei migliori battle shonen della sua generazione. Meno male che non arrivò sui canali Mediaset altrimenti le censure lo avrebbero rovinato! Ora è disponibile su Netflix, ricordo che è stato doppiato da Merak nel suo periodo migliore!

    Oggi LA7 è la tv della politica per antonomasia. Ci sta come target di pubblico un canale visto sopratutto dai 40 anni in su.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, esatto... politica e informazione "seria".
      Ci sta, ma avrei preferito fosse cartoons e telefilm cult, con qualche programma interessante. Un vero peccato.

      Moz-

      Elimina
  11. Ricordo di aver visto una volta, di sfuggita, un gioco a quiz, con dei concorrenti che dovevano rispondere premendo un pulsante, alla vecchia maniera... Ho visto che si chiamava 100%, ma non sono più riuscito a beccarlo dopo quella volta... Forse tu lo vedevi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io mi ricordo solo di Mango e Zengi, e ricordo la Alexander (poi nel cast di Rivombrosa, nel ruolo di Lucrezia) e Dado (il mitico conduttore del Disney Club!).
      No, quindi ricordo veramente poco...

      Moz-

      Elimina
  12. Mi ricordo che avevano trasmesso Conan il ragazzo del futuro e Coccinella, entrambi con (brutte) sigle nuove... Era qui o forse in precedenza su TMC?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Funz, benvenuta/o a bordo!^^
      Yes, quella era TMC... ad anno nuovo un post con le sigle (orribili) di quei cartoni^^

      Moz-

      Elimina
    2. E di che, anzi... grazie a te!^^

      Moz-

      Elimina
  13. Ricordo il lancio de La7, doveva in teoria rompere il duopolio Rai-Mediaset...ma non fece molta strada. Poi purtroppo, come hai scritto tu, si è convertita in una rete con quasi solo talk show politici. Ora della rete salvo Propaganda Live, ma questa è un'altra storia :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, soprattutto voleva essere diretta competitor di Italia Uno... cosa che le riuscì a metà, per poi finire per sempre...

      Moz-

      Elimina
  14. Ricordo perfettamente quel periodo e anche del tentativo di creare un dualismo con Italia 1, ribattezzata la tv dei giovani. Come hai detto tu, io penso che siano stati gli eventi e il cambiamento del palinsesto televisivo generale a costringere La7 a cambiare rotta. Del resto, anche la stessa Italia 1 non è più quella di una volta e ripropone ciclicamente la stessa roba

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, ormai le reti televisive (specie Mediaset) sono totalmente prive di identità.
      Ne abbiamo parlato qualche giorno fa in questo post:
      https://mikimoz.blogspot.com/2021/11/problemi-canali-mediaset.html

      La7 poteva essere una grande cosa, ma durò poco.

      Moz-

      Elimina
  15. Hustle all'epoca mi piaceva parecchio, insieme a Keen Eddie!

    RispondiElimina
  16. Ma nessuno si ricorda quando prima di un restyling interruppero le trasmissioni per 24 ore? Al Tg La7 annunciarono il "monoscopio" in realtà andò in onda un globo terrestre che ruotava in loop... riutilizzato poi nei bumper dal giorno dopo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A proposito: in alcuni libri, tra cui uno scritto da Travaglio, è stata raccontata la storia della prima La7... a quanto pare alcuni interessi politici spinsero La7 a cambiare target e palinsesto... un discorso molto lungo

      Elimina
    2. Non ricordo del monoscopio-globo :o
      Comunque... interessi politici berlusconiani? ahaha XD

      Moz-

      Elimina
    3. Si. andò in onda in onda in una domenica di febbraio del 2002, quasi a staccare a spina alla vecchia LA7 giovane ed arancione e sostituirla con la nuova LA7 grigia e seria.

      Una serie di concause portarono alla dissoluzione della prima LA7. Politiche (quella era una rete di opposizione), manageriali ed economiche (l'editore era Telecom).

      Ne ho parlato qui se vi va di approfondire

      https://teleradioma.blogspot.com/2021/06/i-20-anni-di-la7-storia-del-nanetto_24.html?m=1

      Elimina
    4. Ciao Adriano, grazie per il link, corro subito a vedere!!
      Io amai molto il nanetto arancione della prima incarnazione di La7...

      Moz-

      Elimina
  17. La7 in quegli anni stava raccogliendo un po' l'eredità di MTV che aveva cominciato il suo progressivo declino. Lo dico: quello era ancora un bel periodo per guardare serialmente la TV. Oggi le poche cose che penso abbia senso vedere in TV sono i telefilm. Che poi replicano alla nausea, ma tant'è.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo, forse proprio quella LA7 segna un solco tra la televisione ancora guardabile e quella del completo declino...

      Moz-

      Elimina
  18. Aaahhh la forte nostalgia del contenitore Cartoon Cartoons, specialmente Leone cane fifone :') Ricordo con affetto anche il periodo in cui davano SOS Tata e Cambio Moglie, davano interessanti punti di discussione oltre a intrattenere :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, SOS Tata... bel periodo! C'era anche lo show analogo con 4 gay (un cliché praticamente) che rivestivano gente un po' senza gusto... XD

      Moz-

      Elimina
    2. Non ricordo di averlo visto, ma dalla descrizione mi pare una versione italiana di Queer Eye... E infatti dopo averlo cercato lo è! Si chiamava "I fantastici 5" e in effetti il logo del programma mi è un po' familiare ora XD

      Elimina
    3. Esatto! Proprio quello 😂💪

      Moz-

      Elimina
  19. Mi ero dimenticato l'esistenza di quei quiz. Non li seguivo, ma ricordo che ogni tanto li avevo beccati facendo zapping. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io li vidi anche nelle ore notturne, evidentemente funzionavano... la gente chiamava!!

      Moz-

      Elimina
  20. Penso che ai tempi, in particolare, era Jane Alexander che non passava inosservata con quel gaming show.

    Cmq la prima La7 non ingranò subito,infatti ce ne ha messo di tempo per non esser considerata una TV quasi regionale.
    Ricordo in particolare YuYu tra i cartonim e poca altra roba.
    E avevo totalmente rimosso Dado Coletti!

    Caio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Alexander aveva davvero grande personalità... ha saputo risaltare.
      Dado lo conoscevamo già, un grande professionista.
      Preferivo La7 dei primi tempi a quella all-news seriosa e pallosa di oggi... XD

      Moz-

      Elimina