[TELEVISIONE] Odeon Tv e Italia 7: una guerra del passato


Vi siete mai chiesti perché alcuni cartoni animati di proprietà Fininvest/Mediaset andavano in onda su Italia 7, prima di finire su Italia 1?
Tipo Tartarughe Ninja alla riscossa o Le nuove avventure di He-Man.
Vi siete mai chiesti perché I Cavalieri dello Zodiaco sono migrati da Odeon Tv verso altri lidi?
Cosa c'è stato dietro questi spostamenti? Chi adattava e doppiava queste serie?
Oggi vi racconterò una sfida tra due canali, una guerra televisiva anni '80 e '90...

IN PRINCIPIO, EURO TV

10 marzo 1982: Gianni Ferrauto e Calisto Tanzi fondano Euro TV, una syndacation che sul modello americano riuniva inzialmente diciotto emittenti private, divenute poi oltre trenta.
Cinque ore di programmi uguali per tutti, col resto delle trasmissioni che restava variegato da emittente a emittente in base al proprio palinsesto locale/regionale.
Un'idea vincente, che poté avvalersi anche della library di Retequattro (nel 1982 gestita da Mondadori).

Tra i volti storici di questa rete, Cino Tortorella, Diego Abatantuono e Beppe Grillo.
Famoso anche il programma sul wrestling commentato da Tony Fusaro.
Molte le telenovelas, ma anche i cartoni animati: Lupin III, L'Uomo Tigre, Ransie la strega, Yattaman, I Predatori del tempo, Transformers e la stessa Lamù (in quanto Telecapri entrò nel circuito).
Il 5 settembre 1987 le trasmissioni di Euro TV cessarono. Il giorno seguente nacque Odeon TV.



NASCE ODEON TV

6 settembre 1987: Calisto Tanzi e Vincenzo Romagnoli (a cui seguirà subito Edoardo Longarini) aprono Odeon TV.
Una nuova syndaction (con diciassette dei canali regionali della fu Euro TV) e la volontà di inserirsi come terzo polo televisivo tra Rai e Fininvest.
Battesimo a Montecarlo, gran galà, un magazzino cinematografico fornitissimo (tutto il pacchetto b-movies della Cannon) e otto ore quotidiane di trasmissioni sul territorio nazionale.

Tra i volti della rete, Paolo Villaggio, Wilma De Angelis, la D'Urso, la Gialappa's e Funari.
Tra i programmi, i primi 52 episodi de I Cavalieri dello Zodiaco e La ruota della fortuna.
Ma i piani non andarono come sperato e già dopo i primi anni Odeon dovette cambiare due volte gestione.



NASCE ITALIA 7

Ottobre 1987: un mese dopo la nascita di Odeon TV, vede la luce una nuova syndacation: Italia 7.
Anche questa sorgeva dalle ceneri di Euro TV, in quanto riuniva alcune emittenti regionali che avevano fatto parte di quel circuito.
Ma, stavolta, dietro questo nuovo blocco c'era nientemeno che la Fininvest di Berlusconi.
Dando una forte impronta maschile alla rete (con programmi come Colpo Grosso, sport, telefilm inediti e cartoni animati dal taglio più "action"), l'idea era quella di rendere Italia 7 il quarto effettivo canale della Fininvest.
Che avrebbe dunque visto Canale 5 ammiraglia per famiglie, Retequattro come rete "rosa", Italia 1 più giovanile e appunto Italia 7 tarata su un pubblico maggiormente maschile.
Una legge del 1991 limitò però a tre il numero massimo di reti televisive nazionali per operatore: Berlusconi abbandonò dunque l'interesse verso questo circuito, lasciandolo in altre mani dal 1994.



LA GUERRA

Da subito, Odeon TV denunciava mosse poco chiare da parte della Fininvest, che gestendo Italia 7 stava volutamente mettendo i bastoni tra le ruote al progetto Odeon di diventare terzo polo televisivo.
Riporta La Repubblica del 1988:
è Odeon TV [...] ad accusare la Publitalia, concessionaria del gruppo, di abuso di posizione dominante. [...] Fra i principali capi di imputazione mossi da Odeon c'è quello di aver fatto nascere Italia 7, soltanto un mese dopo, "da uno scippo effettuato nei nostri confronti da parte del gruppo Fininvest" [...]. In pratica la Fininvest, come azione di disturbo, avrebbe offerto a una serie di emittenti prima legate ad Euro TV (da cui è nata Odeon) pubblicità e programmi per costituirsi come circuito a sè. Inoltre userebbe Italia 7, così come le sue altre reti aggiuntive, Capodistria, Tivuitalia, Junior tv, per diffondere gratuitamente spot di clienti come la Fiat, la Gibbs, Lavazza, Michelin, addirittura a loro insaputa". Scopo di questa politica commerciale sarebbe scoraggiare gli investimenti di queste aziende su Odeon TV. Ma a Publitalia negano di aver mai fatto niente di simile. "La nostra concessionaria" dicono "tratta i mezzi singolarmente e siamo assolutamente tranquilli".
Come poi siano andate le cose a livello giudiziario non ci interessa, ma questo articolo (che trovate qui) chiarisce quel che varie volte è uscito fuori parlando di adattamenti e censure Fininvest/Mediaset qui sul blog: l'azienda del Biscione controllava altre reti, tra cui -per un periodo- anche Junior TV.
Se volete leggere la discussione, cliccate QUI.



I PROGRAMMI

Sostanzialmente, molti dei programmi e dei volti di Odeon sono passati poi a Italia 7.
Un esempio su tutti? I Cavalieri dello Zodiaco, che nei primi passaggi su Odeon si interrompevano sempre dopo 52 episodi e i restanti furono acquistati dalla Fininvest e trasmessi su Italia 7.
O ancora il programma Usa Today, con le novità dall'america e i videogame della Sega.
C'è anche un caso di passaggio da Odeon a Fininvest, con l'esempio de La ruota della fortuna, che diventerà un popolarissimo game-show condotto da Mike Bongiorno nel preserale di Canale 5.



Dall'altra parte, Fininvest testava su Italia 7 programmi che solo dopo arrivavano in uno dei suoi tre canali principali.
È il caso dei cartoon delle Ninja Turtles o di He-Man New Adventures, o anche quello di City Hunter: acquistato, adattato e doppiato da Fininvest tra il 1994/95, è andato poi proprio su Italia 7.
Non dimentichiamoci che molti cartoons di proprietà Fininvest andarono a finire, di contro, nel contenitore Super7 condotto proprio dal Carlo Sacchetti di Bim Bum Bam: tutte e tre le serie storiche di Lupin III, Pollon, Lady Oscar, Robotech.
E con loro tante del magazzino Euro TV, tra cui i Transformers e anche Lamù.



LA MIA TEORIA

Come ipotizzavo già ai tempi della mia indagine dell'intreccio dietro al mistero della sigla di Lamù (QUI), tutti questi giri di "magazzino" mi fanno supporre che Fininvest -anche prima che divenisse tale- avesse già una certa voce in capitolo nell'acquisizione di pacchetti e titoli, in futura previsione di un polo televisivo completo (le attuali Canale 5, Italia 1 e Retequattro) nato dall'esperienza di Telemilano. Ci avrò preso?

IL CASO DE I CAVALIERI DELLO ZODIACO E USA TODAY

Odeon TV acquistò la prima tranche di episodi dell'anime. Dietro l'adattamento c'era Giochi Preziosi, la stessa azienda che spinse la Fininvest a comprare dal Giappone il resto della serie e mandarla in onda poi su Italia 7.
Non solo: anche console e videogame Sega erano legati a Giochi Preziosi, proprio quelle di Usa Today con Mastrota. In sostanza dal 1991, possiamo dire, alcuni dei migliori programmi di Odeon TV migrarono dritti su Italia 7 o Fininvest, senza tanti cambiamenti.



fonti consultate

potrebbe interessarti anche

94 commenti:

  1. Ovviamente mi ricordo tutti queste reti televisive ma non conoscevo tutti questi intrecci...ottimo articolo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Fab :)
      Erano due belle reti, veramente tutto quello che si potesse desiderare^^

      Moz-

      Elimina
  2. Tra i film di serie Z di Odenn e i programmi di Italia 7, siamo in zona pilastri della formazione infantile, gran post ci voleva ;-) Cheers

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto... e prestissimo avrete una retrospettiva sulla Cannon, stay tuned :)

      Moz-

      Elimina
  3. Wow, ma per te non esistono segreti. Buon per noi che ti leggiamo😀.
    Quando hai citato la Cannon mi si è aperto un mondo di film che ho visto, da Van Damme a Stallone a Chuck Norris, fino ai Dominatori Dell'Universo, uno dei top del trash.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh, come ho scritto appena sopra, presto un bel post sulla Cannon... cioè, è la caa di produzione di He-Man con Dolph *____*

      Moz-

      Elimina
  4. Sei informatissimo a riguardo,non avevo idea ci fossero tutti questi "giri" dietro a banali serie o cartoni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh già, questo per far capire che spesso il modus operandi Mediaset/Fininvest andava anche oltre i tre canali tv tradizionali^^

      Moz-

      Elimina
  5. C'è stato un periodo in cui Italia 7 aveva una programmazione migliore rispetto a quella di canale 5 e italia 1, almeno a livello di cartoni animati :P
    Avere una quita di serie d'azione le giovava.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, per noi assolutamente: su Bim Bum Bam andavano tutte serie tranquille, femminili o addirittura americane scialbe.
      Italia 7 invece ci dava dentro... ovviamente sempre dopo la fine di Bim Bum Bam XD

      Moz-

      Elimina
  6. Grosso modo mi ero già documentato su queste emittenti scomparse, anche se in maniera meno precisa.
    Come cartoni animati seguivo più Italia 7, come prima serata più Odeon, che mandò in prima visione vari film con Chuck Norris, tipo "Delta Force", oltre a "Over the top" con Sylvester Stallone... Alla faccia di Italia 7 rivolta ai maschietti. 😁
    E c'era anche "Capitan Power". 💪

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, e Over the Top fece anche ascolti stratosferici^^
      I cartoni di Italia 7 erano più famosi, anche perché spesso passati sulle reti principali...

      Moz-

      Elimina
    2. Tra i programmi di Odeon ricordo anche il cartone animato dei Ghostbusters (quello connesso col telefilm, non col la saga cinematografica che andava sulle reti Fininvest), "T and T" e il telefilm dimenticato "Casalingo superpiù".

      Elimina
    3. T and T e Casalingo li vedrai nell'apposita rubrica... in cui ho inserito anche la miniserie dei Ghost Busters che citi!^^

      Moz-

      Elimina
  7. Interessantissima ricostruzione. Conoscevo anch'io queste emittenti ma non tutto questo incastro di situazioni molto intricate. Complimenti, un novello Holmes.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai cartoni animati si può risalire a un sacco di cose...! :o

      Moz-

      Elimina
    2. Un nuovo Holmes, da capire se Sherlock o John? :D

      Elimina
    3. Se volete dare un'occhiata di sotto... :D

      Moz-

      Elimina
  8. È uno dei tuoi articoli più belli secondo me, adoro la tua capacità di indagare su questi vecchi misteri! 😁 Ma dove trovi le informazioni?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A volte basta semplice Wiki e le sue fonti, altre volte altri articoli... Basta solo fare 2+2 sui fatti :D

      Moz-

      Elimina
  9. Complimenti! Mi è piaciuto molto questo approfondimento, anzi se poss suggerire, sarebbe bello che potessi farne altri di questo tenore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cerco di farne più che posso, tipo anche la ricostruzione della storia del Disney Club (che ad esempio su Wiki è assolutamente imprecisa)... non è facile trovare argomenti e spesso anche le fonti... Grazie comunque, se avete suggerimenti io sono qui^^

      Moz-

      Elimina
    2. Il difficile è suggerirti qualcosa che non sia già stato trattato, e che riguardi un pubblico nazionale... Ti potrei proporre per esempio un'indagine sulle emittenti scomparse prima del digitale terrestre, tipo Rete Mia, Telemarket e Koper Capodistria, raccontandone in breve nascita, evoluzioni, declino, trasformazione/fine. Ma ce ne sarebbero molte a diffusione soltanto regionale o interregionale...

      Elimina
    3. Io, in coda a questo, ho Super Six, i programmi Odeon e i programmi Italia 7 (nonché lo speciale sui film Cannon), ma non sono vere e proprie indagini...
      Questo sulle tv private scomparse si potrebbe fare, cercando di trovare una strada, un racconto^^

      Moz-

      Elimina
  10. Io vedevo la tv e basta, ed a parte tutto quello che in quel periodo accadeva tra canali e quant'altro, ho visto tante cose belle, e bisogna dire grazie ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello assolutamente!
      Sono il primo a ringraziare chi ci ha portato tutto questo bendiddìonerd :)

      Moz-

      Elimina
    2. Idem come Pietro, guardavo la qualunque in base al mio interesse, non preoccupandomi minimamente di target, canali Tv e quant'altro.
      Con il senno di poi, che casino. :-P

      Elimina
    3. Sì, ma anche io ovviamente all'epoca facevo così... però ammetto che mi domandavo come mai, ad esempio, c'era Lupin su Italia7...

      Moz-

      Elimina
  11. Ciao Moz, un post molto interessante, pensa, in quegli anni lavoravo per quasi tutte quelle reti ma delle beghe commerciali non ne sapevo niente.
    Ciao, fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh perché tu lavoravi al di là delle beghe, non ti arrivava il "dietro" della questione... e meglio così :)

      Moz-

      Elimina
  12. molti "imbrogliacci" li sapevo quando 15 anni fa mi venne la fregola di completare la serie anni '80 delle TMNT (l'avevo pubblicata intera delle sue 10 stagioni su YT e ancora adesso conservo i file su mediafire per chi fosse interessato...): se avete la scheda con TUTTE le voci italiane sul sito di Antonio Genna... be', il merito è mio che ho identificato i vari personaggi ;)

    Ho scoperto così che quando Fininvest dovette lasciare Italia 7, le Tartarughe Ninja caddero in una sorta di limbo di diritti e, sebbene regolarmente doppiate, le ultime stagioni, quelle un pizzico più mature, con saghe a puntate e nuovi nemici "cosmici" (che non avevo mai visto) andarono in onda proprio sulla nuova syndication "Italia 7 Gold" quindi ad anni dalla messa in onda americana.
    Infatti è una di quelle serie non solo mai più replicate da altre tv (ricordo che su Italia 7 Gold continuavano a farle fino a metà anni 2000), ma non sono più uscite in home video nemmeno per anniversari importanti a differenza di altri paesi europei...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esattamente: io penso che sia successo lo stesso, anni prima, per Lamù.
      Di chi sono i diritti? Dell'azienda che ha acquistato o di chi aveva i diritti di trasmissione... Infatti le Tartarughe Ninja andarono in onda nuovamente proprio non tantissimissimi anni fa, e proprio con quelle stagioni che andavano oltre gli episodi classici...!
      Sei un grande se le hai caricate e soprattutto se hai creato la scheda per Genna!^^

      Moz-

      Elimina
    2. diciamo che le ho solo riunite e rese fruibili da tutti...
      il vero ringraziamente va agli anonimi che registravano l'audio su italia 7 e poi muxavano il tutto... è quello il lavoraccio!

      L'unico mio contributo "serio" è stato quello di riconoscere i doppiatori italiani e di segnare i nomi adattati!

      https://www.antoniogenna.net/doppiaggio/anim/tartarugheninjaallariscossa.htm

      Ehi, Miki: sapevi chi compare nell'episodio 7.24? Direttamente dal 2^ film! :D

      Elimina
    3. Tatsu? Tokka? Rahzar? Uno di questi... :D
      Hai detto niente, comunque: mettere insieme del materiale e dargli un senso (in questo caso una raccolta univoca) e poi fare la scheda doppiatori... non è da poco!^^

      Moz-

      Elimina
    4. esatto, proprio Tohka e Rahzar! anche se apparirono solo in questo episodio ed erano più intelligenti della versione filmica (parlavano come gli altri mutanti)... alla fine la playmates fece anche le loro action figures, basate appunto sulla versione a cartoni (ma noi all'epoca non lo potevamo sapere!)

      Elimina
    5. Qualcosa ricordo... ora non so se i giocattoli o l'averli visti nell'episodio...! :o

      Moz-

      Elimina
  13. eh bè, non stupisce affatto che "il cavaliere" abbia fatto qualche imbroglio durante la gestione delle televisioni, euro tv me la ricordo perché da piccola mi guardavo con mio fratello yattamen, lamù e via dicendo bel post.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille^^
      Sì, Euro Tv è stata la prima emittente a occuparsi massicciamente dell'animazione giapponese :)

      Moz-

      Elimina
  14. Articolo interessante , non sapevo di tutti questi intrighi come tanti mi interessavano solo i programmi che trasmettevano più che le loro emittenti -:)
    Fra quelli che citi in questo articolo mi sento un pò legato a Colpo grosso.
    Chissà perchè?
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, e chi se lo scorda quello... io vidi TUTTE le repliche attorno al 1998-99 :)

      Moz-

      Elimina
  15. Avevo letto qualcosa quando il tipo scese in campo per far politica. Conoscevo a grandi linee la questione. Il tuo lavoro è ottimo, e ti confesso che alcuni particolari non li conoscevo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh si era preparato un bel terreno, con tutte queste tv^^

      Moz-

      Elimina
  16. Denis: Si mi ricordo c'era anche la serie dei 5 Samurai, su Odeon la domenica passavano questi film animati 2 sui Cavalieri dello Zodiaco e mi sembra Andromeda, Tony Fusaro il wrestling la chiamava catch era quello giapponese in cui c'erano Antonio Inoki, Stan Hansen, Tiger Mask, Dinamite Kid.
    Odeon passava anche una serie animata con due cacciatrici di taglie in bikini dal titolo Dirty Pair.
    Il wrestling giapponese e alcune vecchie serie animate le vendeva l'etichetta Mondo con L'uomo Tigre, Wingman, Judo Boy e altro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, Kate & Julie ossia Dirty Pair... mitico anime.
      Vero che alcune cose erano della Mondo, specie nei primissimi anni 2000 hanno preso a uscire sotto quell'etichetta.

      Moz-

      Elimina
  17. Ahhh Colpo Grosso..... Troppi ricordi :-))

    RispondiElimina
  18. Questa storia non la conoscevo. EuroTv non l'ho mai sentita prima d'ora, OdeaonTv e Italia7 sì.

    Ma, che tu sappia, all' epoca, per i diritti, come funzionava? Una Tv italiana che acquistava i diritti, ad esempio, di un cartoon giapponese, poteva rivenderlo ad altre emittenti italiane?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no, prima dello sbarco della Fininvest con la fascia ragazzi della Valeri Maneri (loro sì che compravano direttamente dai giapponesi), esistevano varie case che facevano da tramite (la più famosa è la DoroTV): di solito avevano agenti in giappone che compravano stock con tipo 500 episodi di vari anime (in modo da coprire un po' tutto il pubblico), le doppiavano e poi le rivendevano bell'e pronte alle tv locali italiane. Se una serie aveva successo allora importavano anche le restanti puntate (es: i Cavalieri dello Zodiaco).

      Qui è spiegato tutto più per esteso e con vari tecnicismi:
      http://web.tiscali.it/grendizer/contributi/mondotv.html

      Elimina
    2. Verissimo per questo funzionamento.
      Diciamo che per i Cdz la questione fu un po' diversa (e proprio per questo mi puzza).
      Per altre serie sì, era così: comunque anche Berlusconi si affidava al suo amico Agrama per l'acquisizione di certi prodotti, almeno inizialmente...
      Ecco perché credo che Berlu fosse anche lui dietro (con una quota) i pacchetti anime di Euro TV.

      Moz-

      Elimina
    3. Ah quindi, quando non riuscivo a vedere le ultime puntate dei cartoni (ci sono cartoni dei quali non ho mai conosciuto il finale tranne dopo aver potuto usare internet) è perché li compravano in stock e potevano mancarne alcune?
      Oppure compravano sempre tutta la serie completa?

      Elimina
    4. bisogna vedere caso per caso. di norma le serie con meno di 52 episodi arrivavano tutti insieme, quelle più lunghe su più annate proprio perchè era anti-economico importare e doppiare serie così lunghe che potevano non avere successo...

      Nel nostro caso è semplice sfiga (anche io ho beccato pochissimi finali), anche perché le prime puntate sono quelle più replicate, mentre spesso non completavano il ciclo di repliche (a memoria di solito facevano prima messa in onda, replica in coda integrale e seconda replica interrotta a metà perchè finiva la stagione e cominciavano altri anime per l'estate...). E l'anno dopo altri cartoni...

      Elimina
    5. Esattamente, le repliche andavano solo a coprire dei buchi, spesso.
      Solo negli ultimi tempi sono considerate come vere e proprie visioni complete.
      Comunque, emblematici i casi di Sun College, che ha due blocchi e due doppiaggi (e due adattamenti) diversi.
      E non è l'unico...

      Moz-

      Elimina
    6. In effetti doppiare tutte le puntate di un cartone animato senza sapere se fosse andato bene o male, era un dilemma per le Tv private di quegli anni.
      Però mi sa che correvano spesso questo rischio perché erano tempi diversi, così come accadeva tra i produttori e i cantanti emergenti.

      Mi sa siamo stati sfigati un po' tutti perché nessuno sapeva che Lady Oscar sarebbe morta!! XD

      Elimina
    7. Oggi forse ci sono più accordi "salvagente" tra diritti di passaggi tv, diritti homevideo e merchandising...
      Ma è anche vero che serie lunghe non se ne vedono più...

      Moz-

      Elimina
    8. Ehm... conosci One Piece? È in onda da.... 20 anni? XD

      Elimina
    9. Beh non proprio: non arrivano più nuovi episodi di One Piece, Naruto e Detective Conan da un sacco di tempo... in Italia ovviamente, parlavo dell'Italia^^

      Moz-

      Elimina
    10. Aaaah ok, ecco, parlavi dell' Italia.
      Sì, infatti stanno ritrasmettendo la saga di Water 7 da... 6 anni?

      Io le seguo su YouTube e sono alla 961 se non erro.
      Penso che, sono così indietro, che forse non le trasmetteranno (acquisteranno) più, puntando forse più sui telefilm e film di nuova uscita.

      Elimina
    11. Esatto, appunto... da un lato, prima era un bene che le serie giapponesi prevedessero un inizio e una fine, anche se magari distante... cento, duecento episodi.Ma c'era.
      Oggi questi tre titoli specialmente vanno così tanto per le lunghe che mancando dietro tutto un meccanismo di marketing e merchandising, non conviene più.

      Moz-

      Elimina
  19. Si tratta di questioni che non conosco e che non posso conoscere, perché risalenti a prima che nascessi. Comunque i tuoi post mi rimandano sempre a un desiderio quasi nostalgico di aver vissuto anch'io in quell'epoca. La televisione, che relativamente muoveva i suoi primi passi in Italia, sembrava uno strumento di diffusione molto più ben adoperato. Berlusconi può forse aver influito negativamente anche su questo.
    Quando ero piccola io, una cosa che mi ricordo è che sull'ottavo (o nono) canale andava in onda, a seguito di trent'anni di televendite su un'orrenda macchina da cucire che non dimenticherò più per quanto campo, Ranma 1/2, verso le otto (se non sbaglio). Non ho capito bene la data precisa dell'alba della triade Fininvestiana/Mediasettiana Rete4/Canale5/Italia1. E' possibile che quell'ottavo canale fosse Italia7?
    Scusa nel caso non c'abbia capito un ciufolo.

    V

    RispondiElimina
    Risposte
    1. molto probabilmente era TeleMonteCarlo (TMC), l'attuale La7!

      E il contenitore era il mitico ZapZap! E' stato lì che ho scoperto l'anime della mia vita, Ranma, appunto, a metà anni '90 :D

      PS: non sapevo che prima fosse andato in onda sui canali locali... eccoti la lista, forse ti ricordi (anche in base al periodo)

      "TRASMESSO IN ITALIA: reti locali, dal 1995; TMC, dal 1998; Europa 7, dal 2000; MTV Italia, dal 2002

      Elimina
    2. Aaaaah… ! giusto. Ora mi torna alla mente. Non ero per niente sicura, infatti! Grazie ;)

      V

      Elimina
    3. Ecco, io ad esempio non lo vedevo su TMC ma su Europa 7, assieme a City Hunter... :D
      Grazie V per le tue belle parole. Ma in fondo siamo tutti un po' desiderosi di rivivere il bello del passato, vissuto o meno^^
      Grazie Andrea per i tuoi contributi sempre precisi!

      Moz-

      Elimina
  20. La storia della mia infanzia televisiva. E a proposito: "i primi 52 episodi de I Cavalieri dello Zodiaco"... quante bestemmie riecheggiavano nella Casa del Leone... :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esattamente... ahaha!
      Poi per fortuna arrivò la Fininvest :p

      Moz-

      Elimina
  21. Non ho mai sentito parlare di Italia 7.
    Ma nemmeno in un racconto fattomi dai miei genitori.
    Odeon, invece, la ricordo vagamente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma come... non vedevi Telenorba? Non ricordi il doppio logo Telenorba-Italia7?

      Moz-

      Elimina
    2. Certo che guardavo Telenorba.
      Ma non ricordo nessun doppio logo.
      Guardavo anche Teledue, all'epoca. E mi sa di averti già detto in un vecchio post che impazzivo per "Forza Sugar".

      Elimina
    3. Non dirmi che non ricordi questo logo di Telenorba:
      https://i.ytimg.com/vi/wV6usgCaoy8/hqdefault.jpg
      Impossibile, era quasi h 24!

      Moz-

      Elimina
    4. Adesso che me lo mostri, mi dice qualcosa.
      Ma quindi all'epoca anche Telenorba faceva parte della gamma Fininvest?
      Non era solo una rete regionale pugliese? Mi sono persa. 😅

      Elimina
    5. In quanto parte del circuito Italia 7, si era associata -per tot ore al giorno- alla Fininvest.
      Non è un segreto che anche ultimamente ha trasmesso programmi della library Mediaset.

      Moz-

      Elimina
  22. Gli anni migliori di questi circuiti televisivi, con una ricca programmazione.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esattamente, anche se dietro c'era tutto questo intreccio XD

      Moz-

      Elimina
  23. Non mi sono mai posto queste domande ma le risposta le avevo già trovate qui, con interesse.
    Ottimo anche questo ulteriore approfondimento!
    "USA Today" suppongo pronunciato come una parola e non come acronimo 🤦‍♂️
    Viva Colpo Grosso, miglior quiz show di sempre!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cioè intendi usatudei e non iu es ei tudei?
      Colpo grosso per me dovrebbe tornare^^

      Moz-

      Elimina
    2. Sì, esatto! Provo un profondo fastidio per gli acronimi letti come parola: Usa o Cia. Ma poi s'attaccano quando ci sono quelli che non si riescono a leggere: NSA, Srl... anzi che non lo fanno con SPA, sicuramente per non confondersi coi centri benessere 😅
      Colpo Grosso sarebbe bello ma dovrebbero mantenere le acconciature anni 80 e, soprattutto, le tette naturali! 😁

      Elimina
    3. Ahaha e il pelo sotto le ascelle no?^^
      Sugli acronimi, diciamo che dipende anche dal suono in italiano... cia suona preciso, così come usa (tipo usa e getta XD)

      Moz-

      Elimina
  24. I miei due canali preferiti del pomeriggio (insieme a Junior tv). Italia 1 lo guardavo a tempo perso, ma c'erano troppi cartoni per ragazzine e negli anni 80 non mi attirava. Bim Bum Bam divenne davvero bello negli anni 90. Italia 7 credo esista ancora, ora si chiama Europa 7

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Yes, Italia 7 a sua volta si è scisso in Europa 7 e 7 Gold... :D
      Quanti casini!
      Comunque, vero... erano ottime alternative al più mite Bim Bum Bam. La Mediaset ci aveva visto giusto, differenziando i canali^^

      Moz-

      Elimina
  25. Pensa che da me Italia 7 non si vedeva, quindi per vedere la serie completa dei Cavalieri dello Zodiaco dovetti attendere la prima media (e la replica su Junior Tv).
    Praticamente ai tempi delle Elementari viaggiavano fantastiche leggendo sul prosieguo della serie, tipo appunto Sirio che diventava il cavaliere della bilancia (in effetti indossa la sua armatura) e Phoenix di Gemini (che effettivamente era la cosa più logica).
    Di Odeon ricordo con piacere la trasmissione di Transformers Headmaster ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bello quando le cose puoi fantasticarle, immaginarle come fossero davvero qualcosa che conta.
      Certo, era il lato bello del disagio, in questo caso...!

      Moz-

      Elimina
    2. Scusate il messaggio privato 😅

      Ciao Riccardo. Ho ricevuto la tua mail ma purtroppo nessuna delle due funziona! Sai il motivo per risolvere l'inconveniente? Io utilizzo Gmail.

      In ogni caso ti ringrazio.

      Elimina
    3. Dico a Rik che gli hai scritto^^

      Moz-

      Elimina
  26. Finalmente Uno Che Parla Di Italia 7,Grazie Tante !

    RispondiElimina
  27. Articolo molto interessante! Odeon Tv perse una bella esclusiva...

    Quindi Odeon Tv acquistò i diritti dei Cavalieri dello Zodiaco primi 52 episodi? In tal caso sono stati... Dei folli! Andavano subito comprati tutti i 114 episodi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, ma prima si faceva così... anche la Mediaset non era una che comprava subito tutto... guarda la riacquisizione di Dragon Ball (bloccato sempre dopo l'Obelisco di Balzac) o Rossana... per le serie lunghe, si acquista "a blocchi".
      Comunque devo capire come mai alcune cose Odeon sono passate dritte a Italia 7... c'è lo zampino di Giochi Preziosi?

      Moz-

      Elimina
    2. Rossana, non fu trasmesso tutto di fila da luglio a novembre del 2000?

      Elimina
    3. Non so se ci fu uno stacco di un po', ma di certo fu acquistato e adattato in due blocchi: cambiò anche qualche doppiatore, e nel secondo blocco si allentarono un po' le censure (anche i nomi presero a essere più fedeli)

      Moz-

      Elimina
  28. Oh mio dio! Frittella e Mic MAc! dove l'hai scovata sta foto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Les: pensa, in rete ci sono solo DUE foto di Super7 e una è questa...!
      Non si trova NIENTE a riguardo.

      Moz-

      Elimina
  29. Tanto tempo fa scartabellando sull'archivio marchi e brevetti ho scoperto che Fininvest ai tempi di Italia 7 aveva intenzione di lanciare anche lì un telegiornale: avevano infatti depositato il marchio Tg7. Ma avevano depositato anche altri marchi di progetti mai partiti a causa della legge Mammì. Adesso il brand Tg7 è di proprietà di 7 Gold, ecco spiegato perché il tg di La7 si chiama TgLa7 e non Tg7

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarebbe bello conoscere questi altri progetti mai partiti, per vedere se poi li hanno riciclati con altro nome sui tre canali principali^^

      Moz-

      Elimina
  30. Molto interessante, è un aspetto interessante e molto dimenticato di un periodo della tv italiana (che non credo la multiscelta di oggi possa eguagliare).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente no, non ci sono eguali.
      Oggi tanta scelta ma poca concretezza.
      Prima meno scelta, ma comunque tanta roba e pure ottima^^

      Moz-

      Elimina

grazie per il tuo commento :)