[MANGA] Ryu Knight, di Takehiko Ito

 

Manga misconosciuto, che oltre al Giappone si è visto in un altro paio di nazioni, tra cui l'Italia: Ryu Knight (Lord of lords Ryu Knight) è una storia senza chissà quali meriti, ma con delle particolarità.
Presentato da noi come un fumetto che è anche un po' videogame e gioco di ruolo, Ryu Knight vanta in patria anche una serie animata che però non abbiamo mai visto...


Arrivato in quel 1999 che rappresentò uno snodo fondamentale per l'ondata manga in Italia (vedi QUI la storia del fumetto giapponese nel nostro Paese), Ryu Knight contava in origine tre volumi, che abbiamo scorporato in sei "sottilette" ribaltando anche il senso di lettura.
Erano altri tempi.

 




La storia è quella del giovane guerriero Adeu, alla guida del paladino robotico Ryu, che si muove in un mondo popolato di creature fantastiche e personaggi divertenti, tra cactus giganti ma soprattutto all'ombra di una spada enorme.
Earthia è così, e il suo suolo è calpestato tanto da maghi quanto da ladri, cowboy futuristici e ninja, in una replica fantasy di ogni epoca del nostro.




Scrive e disegna Takehiko Ito: Ryu Knight venne serializzato nel 1994 sulle pagine di V Jump, e colse lo spirito dell'epoca: un videogioco su carta, ma anche un gdr su carta, e dinamico come un anime.
E proprio lo stesso Ito (che conosciamo anche come autore di Outlaw Star) collabora nella realizzazione della serie animata di Ryu Knight.
Ma non solo: dopo ogni capitolo del manga, stila una serie di schede utilissime per muoversi nel mondo di Earthia (si va dalla valuta corrente al funzionamento dei robottoni; dalla magia agli oggetti più disparati, dalla timeline fino alle storie dei personaggi).





Ryu Knight colpisce anche la costruzione della tavola: dinamica, nervosa e spesso iper-carica (alcune tavole contengono davvero molte vignette!).
La storia -ricca di azione- si lascia seguire con divertimento e interesse, pur non spiccando certamente come capolavoro.
Presentata nelle pubblicità come "È un anime? Un videogame? Un manga?" la serie tenne compagnia i lettori per sei mesi, dalla primavera all'autunno del 1999, edita da Planet Manga.





Peccato non aver visto anche la serie animata, un prodotto che avrebbe funzionato nel lunchtime mediasettiano di quel periodo.
Vi lascio l'opening originale:


           



La serie si compone di 52 episodi regolari e continua poi con due serie di OAV (Adeu's Legend di 13 episodi e Adeu's Legend II di 4).


LEGGI ANCHE

14 commenti:

  1. Fighissimo, passato veramente in sordina, ma era un bel manga divertente.
    Non sapevo dell'anime, ma ricordo su Console Mania (probabilmente) l'annuncio del videogioco per SNES, che però uscirà solo in Giappone.
    Ottimo articolo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Bro! 🤓
      Sì, purtroppo da noi lo conoscono in pochi; l'anime avrebbe fatto successo secondo me... era una storia divertente!!

      Moz-

      Elimina
  2. Vero, dimenticati, all'epoca avevo cominciato a seguir poco i fumetti , mi era capitato questo titolo davanti e mi incuriosì, ma la volta successiva quando passai in fumetteria , già non c'era più.
    Poi appunto, accantonai i fumetti per anni,e quindi tanta roba persa nel tempo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, diciamo che nelle varie ondate manga ci sono stati titoli che sarebbero stati presto dimenticati, specialmente in quella 1997-2004...
      Un vero peccato perché proprio qui si annidano un sacco di storie carine! 🤓🔥

      Moz-

      Elimina
    2. io davo sempre un'occhiata a tutti i fumetti che mi capitavano davanti, e come scritto altre volte, poi, come già detto altre volte, capiti che azzecchi una scelta (Slam Dunk) e sbagli altrettanto (Berserk), però ecco, qualunque cosa sbucava fuori in fumetteria un occhio ce lo buttavo sempre e comunque.

      Poi appunto feci l'errore di mollare, anche se a distanza di anni, avrei avuto una libreria STRAPIENA di fumetti.

      Caio

      Elimina
    3. Peraltro erano tempi dove l'informazione non era facile, né scontata, né gratuita come oggi.
      Quindi tutto era a scatola chiusa...

      Moz-

      Elimina
  3. Non lo conoscevo! Quindi un un manga e anime con tanti elementi mischiati tra loro in questo caso robottoni, fantasy, avventura, chissà forse in estate sarebbe andato bene...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esattamente... C'era di tutto ed era un multimix tra GDR (schede ecc) e videogioco (livelli, mosse speciali...).
      🤖🌵🛡️

      Moz-

      Elimina
  4. Ho un ricordo molto vago ma effettivamente non presi quel manga.. non era nel mio genere! ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, io l'esatto opposto: ero nel pieno della manga-mania, playstation-mania, gdr-mania... Puoi immaginare XD

      Moz-

      Elimina
  5. Devo dire che questo titolo mi era sfuggito. Forse, non potendomi permettere tutto quello che volevo, al tempo non lo presi in considerazione. Non me lo ricordo proprio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Considerato anche il periodo (sostanzialmente, l'estate...) è passato abbastanza inosservato... 🌵😅

      Moz-

      Elimina
  6. Manga grazioso che ho il piacere di possedere. Purtroppo aveva due difetti, la compressione dei disegni, troppi riquadri piccoli per risparmiare pagine, e il salto temporale tipico di una pubblicazione abbreviata per scarso successo, tipo Goku della Star comics. Alcuni particolari grafici erano sacrificati e alcune spiegazioni confuse a quel che ricordo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse in Giappone, su rivista (V Jump) funzionava meglio come formato...
      Però comunque ha avuto la sua serie TV, continuata peraltro con numerosi OAV...

      Moz-

      Elimina