[FUMETTI] Area 15, il nerdismo e la poesia di Topolino - quattro chiacchiere con l'autore Roberto Gagnor


Che il magazine Topolino fosse in un momento di forte ispirazione era una cosa di cui avevamo già parlato (QUI).
E se non vi sono bastate le nuove storie di Paperinik o quelle del giovane Topolino, direi che proprio non potete perdervi la miniserie Area 15.
Topolino va in una direzione sempre più precisa. Una vaga e piacevole continuity nel suo potersi comunque fruire a sé, e soprattutto storie che si rivolgono sempre più a chi Topolino lo prende ogni settimana: ragazzini e adulti.
Due tipi di pubblico che solitamente non si riesce mai a mettere d'accordo, ma che il periodico Disney sa invece intrattenere grazie a nuovi modi di gestire le storie.
Area 15 è la dimostrazione di questa capacità: oggi vi racconto di cosa si tratta, assieme all'autore di questo ciclo di storie, il maestro Roberto Gagnor!


L'Area 15 è un locale dove alcuni ragazzi paperopolesi si ritrovano ogni giorno per parlare delle loro passioni. Passioni nerd, diremmo.
All'interno, infatti, vi è una marea di fumetti, ma anche angoli per giochi e videogiochi, action figures e film.
Inutile dirvi quanto questo mi abbia colpito, visto che nella vita gestisco un posto similare.




Ma come si arriva all'apertura dell'Area 15 è raccontato nel primo dei cinque episodi della saga, partendo da un certo Mooz, che non sono io con una o in più.
Mooz è un ragazzino viziato, e da qui tutto inizia: Area 15 è il racconto di gioie e dolori dell'adolescenza, ossia quella fase attraversata da tantissimi lettori di Topolino.



E per gli adolescenti... adulti, Area 15 infila tutta una serie di citazioni pop e nostalgiche (spiegando in modo lucido, onesto e ironico la nostalgia stessa, quella che si prova riguardo vecchi giocattoli o antichi ricordi).
Insomma, c'è anche He-Man in versione disneyana. Ho detto tutto.



E c'è poesia. Il quarto episodio specialmente, beh, quello è quanto di meglio sia stato scritto in casa Disney.
Piccoli problemi di papercuore, sotto un cielo che si colora di tramonto e di luna, in una storia (quasi muta) fatta di corsi, ricorsi e sospiri.
Una metafora, usando il Deposito di Paperone, e un racconto che delinea chiaramente cos'è l'adolescenza. Farà sicuramente centro nei giovani lettori, così come lo farà nei lettori diversamente giovani.



Nerdismo e cultura pop restano però i temi di ogni storia: da un quiz televisivo a una fiera del giocattolo, passando per i sogni e le competizioni.
Il vero protagonista di Area 15 è Qua.
Certo sono presenti anche i suoi gemelli, così come Paperino, Archimede, Paperone, Rockerduck e i Bassotti. Ma soprattutto, esordiscono nuovi personaggi: dal già citato Mooz a Cindy, da Vanessa a Ray finendo con Giggs.


Intelligente la scelta di non puntare l'attenzione sulla "diversità" di Ray, che è paraplegico: proprio trattando il personaggio con quotidiana normalità si lancia un messaggio infinitamente più forte.
Area 15 è ottimamente disegnato da Claudio Sciarrone e magistralmente sceneggiato da Roberto Gagnor, a cui ho posto qualche domanda.

Miki - quante puntate saranno in tutto? Sono previsti nuovi blocchi di episodi, in futuro?
R. Gagnor
- sono in tutto cinque episodi, il prossimo e ultimo esce mercoledì (8 aprile) e non ce ne sono di nuovi in previsione... per ora.
Miki - ho notato che un paio di volte il titolo dell'episodio sembra essere stato cambiato, come se sotto ci fosse scritto altro, perché? Stessa cosa, il banner con la scritta Area 15 che campeggia fuori dallo stabile, sembra riportare in realtà la scritta Mighty Nerds Lair...
R. Gagnor
- titoli e nomi possono cambiare nell'editing, per richieste della redazione o della Disney, o semplicemente per cambiamenti creativi. Il nome Area 15 è una (bella) idea di Alex Bertani, il direttore, per citare ironicamente l'Area 51.

avete puntato sulla cultura pop/nerd: come mai questa scelta?
R. Gagnor - l'idea di parlare della cultura pop e nerd è partita da Alex e dalla redazione, e ne hanno parlato con me e Claudio perché siamo forse tra i più attenti a questo tipo di mondo: io adoro le action figure, oltre a film, fumetti e Lego, per cui ho accettato con gioia! Poi io, Claudio e la redazione abbiamo lavorato in un continuo gioco di idee, creatività, possibilità, divertendoci molto, devo dire, e cercando di osare, di fare qualcosa di diverso. E vedo che a giudicare dalle reazioni soprattutto a quest'ultima storia, il nostro lavoro è piaciuto: ottimo!



Miki - il quarto capitolo è un piccolo gioiello disneyano, assolutamente.
Al di là del nerdismo, Area 15 è comunque una mini-saga che può essere apprezzata da chiunque...
R. Gagnor - questa storia esce in un momento particolare, difficile per tutti, dopo un mese e più di quarantena, di problemi economici e personali per un po' tutti noi. Io mi ritengo molto fortunato perché lavoro da casa e scrivo, per cui non ho avuto grossi problemi nell'adattarmi alla quarantena: ma è sicuramente un momento difficile. La storia l'ho scritta a novembre, ma sapevo che volevo parlare di qualcosa di universale, che poteva risuonare anche oltre un singolo momento: ed è questo che cerchiamo di fare sempre noi sceneggiatori.

Miki -
Qui, Quo e Qua sono sempre più un punto di forza per la rivista, rivolgendosi finalmente al pubblico di lettori grazie a tematiche attuali: continuerete su questa scia?
R. Gagnor - quanto ai tre gemelli, credo proprio di sì! I miei colleghi, come Marco Nucci, stanno lavorando anche ad altre storie con loro, e l'idea è di toccare l'attualità, certo: Topolino non è e non può rinchiudersi in una nicchia passatista. Noi scriviamo e disegniamo storie per tutti, oggi, nel 2020, e anche se naturalmente rispettiamo - e amiamo! - la tradizione Disney, viviamo nel mondo d'oggi e vogliamo - anche - raccontarlo, essere vicini al nostro pubblico.


Dunque, cari Clockers, una scelta giusta e vincente, che non stravolge l'amata tradizione Disney ma anzi la impreziosisce, sul modello della nuova serie DuckTales (ne parlammo QUI).
Questo è Area 15, e questo è l'attuale Topolino magazine: il mio consiglio è di fiondarvi a leggere questa storia!

ami il mondo di Walt Disney? Leggi anche

38 commenti:

  1. Veramente una bella saga, ottime le citazione "nerdistiche" e poi il quarto episodio è un piccolo gioiello! Ottima intervista!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esattamente. Per me tra le cose più belle di sempre, quell'episodio.
      Stupendo che sia in questa bellissima mini-saga, ma di contro sembra pure sprecato a far parte di una saga...!*___*

      Moz-

      Elimina
  2. Che bello Miki, Topolino è sempre pieno di avventure
    Ciao VAleria

    RispondiElimina
  3. Mi sono ritrovato a leggere le prime due storie perché ho seguito le ultime vicende di Paperinik e le 19.999 leghe...
    Saga ben fatta, dal titolo geniale e con protagonisti accattivanti. Magari poi uscirà il Manuale dell'Area 15, con consigli su come diventare nerd e vivere da nerd. 😁

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sai che non sarebbe niente male come idea?
      Innanzitutto comunque stanno per tornare le GM col loro periodico.
      E poi... Qui, Quo e Qua sono personaggi perfetti, perché incarnano l'adolescenza, le passioni di tutti ma anche richiami positivi come amore per la natura e la vita all'aria aperta. Sono spendibili per lanciare vari messaggi e infatti questo stanno facendo con Topolino, ora.
      Il manuale, perché no :)

      Moz-

      Elimina
  4. sono un po' indietro nella lettura del Topo, ma è già la terza volta che sento parlare bene di questa serie, quindi le aspettative sono alte! Ma Gagnor alla bi... biro! (a proposito di citazioni pop!) e Sciarrone alle matite è difficile sbagliare!

    spero entro Pasqua di mettermi in pari! EDIT: impossibile, visto che l'ultima puntata mi arriverà tra una settimana minimo... cose da abbonati!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me la copia arriva il mercoledì pomeriggio, da abbonato!
      Però comunque hai anche a disposizione l'edizione digitale, no?
      Comunque sì, Gagnor e Sciarrone ottimo duo, hanno saputo realizzare una saga di cui vorrei in futuro nuovi episodi^^

      Moz-

      Elimina
  5. Io di Roberto Gagnor ho amato alla follia Raceworld.
    Tutti i lettori a inseguire analisi sui "buchi di trama" e nessuno (tranne me) che si interessava della poetica dell'opera, di quanto fosse complessa e matura la scrittura.
    Gagnor è uno scrittore validissimo e non ho dubbi sul fatto che anche Area 15 sia un'opera significativa.
    Poi sul nerdismo rischiamo di riaprire l'ennesimo dibattito,ahah!
    Ps
    Disegni di Sciarrone sempre di classe, anche se l'he-man papero lo avrei fatto diverso :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh, ha tenuto i muscoli e qualcosa di barbarico, ma il top è il Castello di Greysquack XD
      In ogni caso, posso assicurare che il nerdismo e la nostalgia, per come sono trattati in Area 15, diventano argomenti comuni e normali.
      Come li descriverei io, come li vedo io. Per questo mi è piaciuto :)

      Moz-

      Elimina
    2. Manca all'appello una parodia dei Masters... Già immagino Macchia Nera che fa Skeletor, Amelia Evil-Lyn, Gambadilegno Beastman, Archimede Man at Arms... 😂

      Elimina
    3. Se torneranno in auge, chissà... potrebbero farla. Però Macchia Nera per me è più Hordak XD

      Moz-

      Elimina
    4. attenti a quello che desiderate... vi potrebbero accontentare in salsa WoM!!!

      Elimina
    5. Ahha, hai ragione XD

      Moz-

      Elimina
  6. Subito mi fiondo, molto interessante e tanto bello, e poi Mooz è fantastico :D

    RispondiElimina
  7. Molto bello e interessante. Rimanendo in tema, domani in edicola esce il numero speciale di Topolino, che celebra i 500 anni dalla scomparsa di Raffaello Sanzio.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, ed è l'albo con l'ultimo episodio di Area 15 :)

      Moz-

      Elimina
  8. Me la sono proprio gustata, complimenti per l'intervista.

    RispondiElimina
  9. Impossibile non amarli. Tutti. Vedremo di conoscere anche i nuovi personaggi.
    Nel frattempo bel post ed interessante intervista. Ciao e grazie per le novità che ci hai comunicato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh, bisogna far presto che oggi esce l'ultimo episodio^^

      Grazie a te :)

      Moz-

      Elimina
  10. Che dire, hai detto tutto nella chiusura, "impreziosisce" davvero. Bella intervista!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Yes. La tradizione Disney nessuno la tocca, ma può sempre espandersi come si deve^^

      Moz-

      Elimina
  11. Devo Assolutamente Leggerlo,Moz,Assolutamente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti piacerà sicuramente, te lo consiglio :)

      Moz-

      Elimina
    2. Peccato Che Non Compro Topolino Dal 2017.

      Elimina
    3. Guarda, dal 2019 è migliorato tantissimo.
      Te lo consiglio, specie questa saga :)

      Moz-

      Elimina
    4. Guarda Che Topolino L'Ho Smesso Di Comprarlo Per Motivi Di Spazio.

      Elimina
    5. Dai, cinque numeri puoi recuperarli, almeno quelli con Area 15! 👍

      Moz-

      Elimina
  12. When DuckTales reboot renewa for season 4, it'll be based on Topolino Comics. Della Duck will appear as a major character in Topolino after DuckTales season 3.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Welcome Arzziel!
      Is a confirmed news or just a rumor?

      Moz-

      Elimina
  13. Ho smesso di seguire Topolino regolarmente da un paio d'anni... E con questa storia della quarantena non ho minimamente pensato di uscire a comprarlo! Ma mi sto pentendo della scelta, non è il primo post di elogio che leggo su questa serie, e mi sta venendo voglia di recuperarla. E complimenti per aver intervistato Gagnor!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille!
      Beh, io direi che dal 2019 Topolino è tornato grande per davvero... questa saga ne è la dimostrazione^^

      Moz-

      Elimina

grazie per il tuo commento :)