[SPOT] la prima vera apparizione dei Masters of the Universe in Italia



Cari Clockers, appuntamento speciale con la rubrica delle pubblicità italiane dei Masters of the Universe.
Già, perché è necessaria un'integrazione che ci porta a diverse importanti riflessioni e domande.
Innanzitutto scoprirermo qualcosa che in pochi sospettano: in Italia, i Masters si sono visti molto prima del loro debutto ufficiale!
Poi, capiremo che la campagna di lancio fu davvero una cosa impressionante, mai vista, impossibile da fallire: inutile, avevano pianificato tutto come fosse una macchina da guerra.
Sapevano già di incassare tantissimo.
E infine, sorge anche un quesito, una curiosità che vorrei discutere con i fan più esperti del mondo di He-Man.
In questo post ci occuperemo di alcuni spot che non avevo inserito negli articoli precedenti.
Grazie alla collaborazione di Michele Raguso e alla sterminata collezione di Fabio Zorzenon (le immagini che vedrete, tranne nel caso diversamente indicato, sono state fornite tutte da lui), siamo riusciti a recuperare le "pubblicità mancanti" del 1983 e 1984.
Si tratta perlopiù di pubblicità provenienti dal settimanale Più e il suo gioco, tra varianti e particolarità.
Ma non solo: dovremmo anche andare di un anno indietro nel tempo, fino al novembre 1982, e spostarci sul magazine Topolino: è lì infatti, in quel mese, che i Dominatori dell'Universo sono ufficialmente apparsi per la prima volta in Italia!

Prima di lasciarvi alla gallery, vi ricordo gli altri articoli con tutte le pubblicità:
-il lancio della linea con le pubblicità del 1983 (➔QUI),
-la graduale espansione della stessa nel 1984 (➔QUI),
-gli spot del 1985 con articolate storie a fumetti (➔QUI),
-l'annata più ricca tra pupazzetti e gadget (➔QUI).

Dall'aprile 1983, mese del debutto nei negozi delle action figures dei Masters, sulla rivista Più era possibile vedere pubblicità che altrove erano apparse a doppia pagina, e qui riproposte singolarmente col logo del brand:

Man-at-arms, il grande gladiatore:


Lo stesso spot che ci presenta Teela: esiste con la rara didascalia in bianco...



...e con la classica didascalia gialla (materiale di Michele Raguso):


Una variante dello spot di Stratos, con didascalia rivista nella gestione delle parole per prima e seconda riga:



Mer-Man in solitaria:



Beastman, il brutale servo di Skeletor:



Zodac, che in Italia riusciamo subito a individuare tra i "buoni" (inizialmente, a causa di direttive non precisissime dell'azienda, in America appariva anche tra i cattivi, e questo alla fine ha portato a farlo diventare un guerriero "neutrale"):



Ancora Man-at-arms alla ricerca di armi per combattere, ma stavolta è alla guida del Battle Ram, di cui però si vede praticamente solo la parte Sky-Sled.



1983, spot con slogan più raro: "il nuovo gioco che va fortissimo".




Questa è la prima pubblicità, come vedemmo QUI, che sostituisce la scritta "of the universe" con una versione "I Dominatori dell'Universo" che sta tutta dentro il logo originale.
La particolarità di questo spot è che però, rispetto a quello apparso su Topolino, non presenta la cornice gialla attorno alla fotografia.




La prima apparizione di Tri-Klops:



E lo spot dedicato a Mekaneck (chiamato però Mecaneck):



Stratos prova a fermare il piano di Skeletor...


 

Settembre 1984, prima pubblicità della linea scuola:




Maggio 1984, sulle pagine di Più, apparve l'inserzione per ricevere a lire 5.000 (metà prezzo) l'action figure di He-Man.




Nella stessa pagina, la pubblicità della trasmissione della serie Filmation su Retequattro: "gli eroi dello spazio" fa molto fantascienza, in ogni caso era possibile gustarsi He-Man e i Dominatori dell'Universo da lunedì a venerì alle 17.20.



QUANDO SONO ARRIVATI I MASTERS IN ITALIA?

Arriviamo al punto della questione.
A quando risale la prima apparizione dei Masters in Italia?
Quando, il pubblico italiano, ha potuto conoscere per la prima volta He-Man?
Bene, se il grande lancio di giocattoli si è avuto nella primavera del 1983, con sistematici spot tra le pagine di Topolino e Più, è anche vero che He-Man aveva già fatto capolino sul settimanale Disney/Mondadori già nel novembre 1982, nello stesso anno del debutto americano della linea.
Questo è un inserto pieghevole allegato a Topolino n. 1409 del 28 novembre 1982:

guardate il volto... :o


Notato niente?
Mattel presenta He-Man e la Spada del Potere: in sostanza è il primissimo minicomic dei Masters of the Universe, ridisegnato e rimontato per l'occasione.
Ovviamente malissimo rispetto al capolavoro che ci consegnò il sommo Alfredo Alcala.



Questo è l'originale, che è stato storpiato e "topolinizzato" con colori più sgargianti e pop, e linee molto più morbide.



 
E, a fine del pieghevole, la pubblicità.
La prima, vera pubblicità italiana dei Masters of the Universe.
Con una didascalia che lascia poco spazio all'immaginazione: "corri dal tuo giocattolaio".
Ciò significa che, a fine novembre 1982, o più probabilmente a dicembre di quell'anno, nei negozi era già disponibile la prima wave dei Masters.


la prima pubblicità Masters of the Universe italiana - novembre 1982

E questo si ricollega a quello che aveva scoperto Alex del sito Nijirain: nella sua videorecensione (link qui https://www.youtube.com/watch?v=D1W5Am3Y3wc se non visualizzate il video), dichiarava di avere una pubblicazione datata gennaio 1983 con una pubblicità dei Masters:




Dunque dobbiamo retrodatare il fenomeno Masters in Italia: se è vero che la grande campagna pubblicitaria è iniziata nell'aprile 1983, He-Man e soci erano già disponibili nei negozi di giocattoli almeno cinque mesi prima.
Ma perché nessuno sembra ricordare questa data?
Perché quell'opuscolo non è poi così famoso tra gli appassionati?
O forse è stato inserito solo in albi distribuiti in zone "test" dello Stivale?

CONSIDERAZIONI  E DOMANDE FINALI

Come si è visto, i Masters sono stati un fenomeno fortemente creato a tavolino.
Programmato nei minimi dettagli con pubblicazioni e spazi praticamente ad hoc, decine di pubblicità diverse, in un numero francamente spropositato.
Una cosa che raramente è stata fatta prima e dopo.
E arriviamo a un'altra domanda: i famosi spot, alcuni dei quali visti proprio in questo articolo, sono solo italiani?
Sono fotografie realizzate per l'Italia, o esistono le stesse immagini anche in altre lingue, per altri mercati?
Chi ne sa di più?

Ancora grazie di cuore a Fabio per la pazienza nel recuperare questo materiale utile a metter su l'articolo che avete appena letto.
Le immagini sono di sua proprietà, ne è vietata la riproduzione.


Se ti è piaciuto, leggi anche:

34 commenti:

  1. Non sapevo che ci fosse questo dubbio sulla data, ma che i qualcosa girasse da prima della grande pubblicità ti posso confermare che ha senso: era relativamente normale all'epoca che i giocattoli arrivassero nei negozi e solo successivamente partisse la campagna pubblicitaria che ti dava un'idea di chi/cosa fossero.
    Esempio: da noi arrivò prima Diaclone assieme al cucuzzaro di Microman che poi divennero i Transformers. Poi arrivarono i Transformers ma la pubblicità era in ritardo: ricordo distintamente un poster pubblicitario sulla vetrina della mia cartolaia, con i giocattoli i loghi e perfino una immagine di Megatron tratta dal cartone, ma in televisione ancora non era stato annunciato nulla di nulla.... Ma i giocattoli erano già lì.
    Non era appunto inconsueto all'epoca.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, solitamente le cose arrivano prima.
      Ma qui coi Masters la situazione è più complessa...
      Perché il lancio in grande ci fu dopo così tanti mesi?
      Perché NESSUNO negli anni ha mai messo queste immagini dell'opuscolo?
      C'è forse qualcosa di localizzato? Prima del lancio reale nazionale.
      Non so.
      Altre volte succedeva che magari non si coordinava tutto bene... Oppure davvero c'erano zone test.

      Moz-

      Elimina
    2. Io non escludo un insieme di vari motivi: zone test, idea commerciale non ancora "moderna"* e magari qualche eventuale disguido che per certe linee di giocattoli ha causato un ritardo.

      *con "idea commerciale non ancora moderna" intendo un metodo di approccio che non si sposava bene con il nuovo modo con il quale sono state concepite le linee di giocattoli iniziato durante i 70 e consolidatosi con l'avvento degli anni 80, ovvero il passaggio da giocattoli generici ed anonimi a giocattoli con una forte identità, con una propria "lore" (anche se è un termine che non mi piace usare).
      Può darsi che qui da noi non si fosse ancora capito che pubblicizzare questo tipo di giocattoli era diverso dal pubblicizzare giocattoli generici tipo i soldatini (che tu lanci sul mercato e dopo pubblicizzi)

      Elimina
    3. Esatto, forse era un primo approccio di quella cosa, perché comunque aver fatto ridisegnare il primo minicomic del 1982 significa che qualcosa volevano davvero lanciare, e in grande.
      Quindi magari: test per Natale 1982, e poi in grande pochi mesi dopo (4 mesi e mezzo, in pratica).

      Moz-

      Elimina
    4. Si. Penso che He-Man sia stato il primo grande lancio pubblicitario "moderno" fatto in Italia; Big Jim aveva già ricevuto una forte copertura pubblicitaria ma non si era potuto andare oltre un certo punto, per via della natura generica di Big Jim.
      Il fatto è che io c'ero, ma ero davvero troppo piccolo per aver fatto caso al dettaglio dei quattro mesi: per quel che ne so potrei aver perfino posseduto uno o due Masters di quelli venduti a partire da quel Natale, ma non posso ricordarlo. Che disdetta XD

      Elimina
    5. Eh, vedi... non è semplicissimo ricordare questo dettaglio.
      C'è stato anche chi diceva di aver avuto appunto dei Masters prima dell'aprile 1983, ma con ricordi ovviamente fumosi, impossibili da tracciare.
      Nijirain aveva dichiarato la cosa del gennaio, e aveva ragione...^^

      Moz-

      Elimina
  2. Il disegno con l'He-Man "pacioccone" è qualcosa di veramente terrificante! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aaha sì, sembrano i disegni dei fumetti Girella Motta... e invece l'originale è un CAPOLAVORO di Alfredo Alcala, mitico disegnatore di Conan il Barbaro su tutti^^

      Moz-

      Elimina
    2. Vedendolo così senza preavviso mi ha bloccato la crescita XDXDXD

      Elimina
  3. interessante! Riesci a scannerizzare quell'opuscolo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo questo è tutto quello che sono riuscito a recuperare...
      Per ora ci deve... bastare :)
      Ma tu che hai i Topo... per caso hai quel numero del 28 nov 1982?

      Moz-

      Elimina
    2. ho appena controllato: il topo ce l'ho ma non ha queste pagine... era un allegato? Se sì, sarà sicuramente andato perduto (e forse nemmeno distribuito in tutta italia)

      Elimina
    3. Mi hanno detto che era sì un allegato, ma dovevi staccarlo. Un pieghevole, come si vede in foto.
      In altri, c'era quello di Barbie.

      Moz-

      Elimina
    4. Anch'io non ho mai visto quell'opuscolo anche se già compravo topolino, all'epoca abitavo a Roma. Le pubblicità della primavera successiva le ricordo tutte e anche io ero convintissimo che fossero state le prime su topolino. In più nei negozi di giocattoli di roma dei masters a quanto ricordi non c'era traccia!

      Elimina
    5. Ciao Gatz, questo fa ancora più pensare che fosse un lancio localizzato, tipo per il nord Italia... :)

      Moz-

      Elimina
  4. "Le straordinarie avventure degli eroi dello spazio", ahah, che definizione!
    Comunque He-Man a 5000 lire..è come dire, 5 euro oggi.
    Con 5 euro ti fanno odorare la confezione di un giocattolo.
    Comunque clamorosa la versione italiana della copertina del minicomics :D, grottesca...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ci pensi, un Origins oggi costa 14,99... quindi metà prezzo sarebbe 8 euro, dai ci stiamo^^
      Sì, io per quel ritrovamento, sono rimasto a bocca aperta-

      Moz-

      Elimina
  5. Ho trovato tra i miei vecchi Topolini il numero 1409 ma non c'è niente sui Masters... ma quell'opuscolo era inserito all'interno del settimanale o allegato esternamente? Perché all'interno del mio n. 1409 c'è inserito un opuscolo pubblicitario di Barbie, quindi sempre della Mattel...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Era inserito all'interno, e infatti vedi... tu hai Barbie: il mistero si infittisce. Secondo me hanno inserito He-Man davvero in pochissime copie, altrimenti non si spiega come mai fino a oggi NESSUNO ha mai pubblicato questo spot prima... in circa quarant'anni!

      Moz-

      Elimina
  6. He-Man trippa e panza non si può vedere! 😂
    Non ricordo se è stato pubblicato in precedenza: su un Topolino 143* c'è un pieghevole che presenta i primi 7 personaggi (manca Zodac) su sfondo bianco.
    Una metà di queste pubblicità le ricordo, in particolare la prima di Skeletor, mai vista prima invece quella di He-Man cui Faccia d'Ossa pare rispondere. Probabile che le due pubblicità siano apparse tipo splash page affiancate.
    Praticamente oggi con 2,50€ mi porterei a casa He-Man se avessi quella copia di Più. 😀

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Yes, tutte le cose che citi le ho pubblicate nel primo volume della raccolta spot, ed è come affermi: gli spot singoli di He-Man e Skeletor, su Topolino, erano a doppia pagina. Ecco perché sembrano rispondersi :)

      Moz-

      Elimina
  7. Questo è veramente un pezzo di storia! Complimenti! Queste pagine dovrebbero stare in un museo X4

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Merito di Fabio, che mi ha fornito materiale davvero INEDITO.

      Moz-

      Elimina
  8. Grande post ma io non sono in grado di dare anche un solo indizio per rispondere e fare luce sui tuoi quesiti. Osservo solo che da piccolo mi sono perso qualcosa, nel senso che sono personaggi forti. Il problema è che devo sempre aver visto nelle vetrine He Man che mi è sempre sembrato una versione mix tra Ken fidanzato della Barbie e Big Jim solo bombata di steroidi. Va beh 1983 diciamo che ero già grandicello quindi ero meno interessato e forse per questo li ho snobbati ma anche oggi i personaggi che mi affascinano di più sono gli altri, da Skeleton alla Dea Teela a Mekanek. Ok, scusa questa digressione off topci e non sparare sul poeta solo perché ha leggermente bastonato l'eroe He - Man :-)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, ovviamente He-Man è Mattel come gli altri che hai citato, ma è piena esplosione della cultura del fisicaccio^^
      Nessun bastonamento: anche io, pur amando He-Man, adoro Skeletor!!

      Moz-

      Elimina
  9. Nel tuo post, ho scoperto tante cose che non conoscevo.
    Saluti a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Penso valga anche per me, nemmeno io (e moltissimi altri) sapevamo di questo risvolto.
      Resta da rispondere a quei quesiti...

      Moz-

      Elimina
  10. Decisamente molto interessante, sopratutto è bello vedere il lavoro dietro al successo della serie, anche se He-Man panzuto l'avrei evitato (sicuramente io da bambino dopo una pubblicità così non l'avrei preso).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehehe, e per fortuna sembra che lo abbiano visto in pochissimi XD

      Moz-

      Elimina
  11. Me le ricordo queste pubblicità sui fumetti di Topolino.
    Ciao Moz, buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, come detto, queste uscirono solo sul settimanale Più, anche se sono molto simili a quelle analoghe di Topolino 🤓💪

      Moz-

      Elimina
  12. Che belle queste pubblicità! Mitico poi Tri-Klops, con i suoi 3 occhi!
    Comunque davvero quell'He-Man disneyzzato non si poteva proprio guardare... :D

    RispondiElimina

ricevere commenti fa sempre piacere, a patto che siano commenti pertinenti o che arricchiscono la discussione.
Ricorda: non è obbligatorio commentare se non si ha niente da aggiungere o se non si è nemmeno letto l'articolo! Grazie :)