[CARTOONS] gli anime dimenticati di Mediaset dei tardi anni 2000... e oltre



Dopo aver visto tutti gli anime "dimenticati" trasmessi dalle reti Mediaset nella prima metà degli anni 2000 (QUI trovate la lista integrale), passiamo oggi alla seconda parte di quella decade, e non solo.
Che nasconde molti titoli, molte serie animate che davvero sono passate purtroppo in sordina se non in qualche raro caso: fu comunque un exploit circoscritto, di breve durata.
Già simbolo di un mondo che stava cambiando, senza più miti duraturi ma serie da passare solo su canali a pagamento o a orari improbabili.
Ecco dunque la lista dei cartoon giapponesi in gran parte dimenticati, che la Mediaset (tra Hiro e Italia 1) ha trasmesso con poco clamore fino a qualche anno fa...


Se invece cercate la lista di tutti gli anime che sempre la Mediaset ha annunciato o addirittura acquisito e persino adattato, ma non ha mai trasmesso, potete leggere questo articolo (click)!


SHUGO CHARA
Ci siamo occupati nello specifico di questo anime, in un apposito post (QUI) perché di fatto ha avuto una trasmissione molto particolare.
Prima su Hiro, poi a notte fonda su Italia 1...




DINOSAUR KING
Da noi è arrivata solo la prima stagione e peraltro in versione rimaneggiata dagli americani.
Abbastanza sconosciuto, ha avuto anche una sigla tricolore cantata da Antonio DiVincenzo con testo e musica di Goffredo Orlandi.


       


AKUBI GIRL
Serie di microepisodi, spin-off del celebre Il mago pancione Etcì, è divisa in due stagioni: la seconda l'abbiamo vista in versione "tre maxiepisodi" andati in onda sotto le Feste del 2009.


       


MUSHIKING, IL GUARDIANO DELLA FORESTA

Ebbe l'onore di sbarcare anche nei negozi di giocattoli con una serie di action figures dedicate; basato su un videogame SEGA, lo abbiamo visto nel 2007.


       


EMILY DELLA LUNA NUOVA
Tratta da un romanzo della stessa autrice di Anna dai capelli rossi, segue le vicende di Emily e i suoi tre amici: tutti ragazzi con un dono, che dovranno esprimere crescendo...
Andò in onda nel 2011.


       


LET'S GO TAFFY

Storia di amicizia tra una bambina di campagna e il suo cane: quando si trasferiscono in città, iniziano mille avventure (anche fantastiche).




PRINCE OF TENNIS

Ne abbiamo letto anche il manga, e l'anime sarebbe potuto diventare uno degli show di punta della Mediaset: tuttavia, delle 178 puntate originali, vedemmo solo le prime 52.
E lì si è fermato, nell'ormai lontano 2009.

       


SHIZUKU
Andata in onda su Italia 1 nel 2010, la serie fu interrotta per motivi sconosciuti a cinque episodi dalla fine, trasmessi lo stesso anno solo su Hiro.
Racconta le storie di un folletto della pioggia.

      


PIPOPA - I FOLLETTI DEL WEB
51 episodi, di cui 50 andati in onda su Premium Play nel 2012.
Quello mancante è arrivato solo di notte, su Italia 1, nell'estate 2019.
Tuttavia questa messa in onda non completò l'intera trasmissione della serie.




IL SEGRETO DELLA SABBIA
Ne abbiamo parlato in un post apposito (QUI), riscoprendo un anime che avrebbe sicuramente riscosso successo se mandato in altri tempi e in altri orari.
Peccato.





FUTURE GPX CYBER FORMULA
Strareplicato nelle nottate di Italia 1 fino a qualche anno fa, si tratta di una serie televisiva del 1991 e i suoi relativi OAV di quegli anni (fino ad arrivare al 2000).
Mediaset lo ha mandato in onda su vari canali, addirittura rimbalzandone la prima TV da una rete all'altra.


      


HIWO SENKI

Annunciato nei primi anni 2000, questo anime conosce la ribalta italiana solo nel 2009 col titolo traslitterato in Hyou Senki.
L'articolo che ne anticipava l'acquisizione, parlava di diritti in mano alla Dynamic per una trasmissione su Mediaset. Era il 2002:



IL CUORE DI COSETTE
Tratto da I Miserabili di Hugo, è uno dei più nuovi anime del lotto che si ispira ai capolavori della letteratura europea.
Lo abbiamo visto su Hiro nel 2010 e due anni dopo su Italia 1.
Sigla cantata da Roberta Pagnetti:


      



IL LUNGO VIAGGIO DI PORFI
Dal regista di Orange Road, un'altra serie del progetto World Masterpiece Theater: la storia di Porfirio "Porfi" Patagos, un ragazzino greco che si mette alla ricerca della sorella.
E arriva anche in Sicilia, sebbene da noi la censura abbia omesso del tutto questo aspetto. Motivo? Si parlava di mafia, tra picciotti e uomini d'onore. Un episodio è stato completamente saltato.
Sigla cantata da Cristina D'Avena:


      


IL MONDO SEGRETO DI ANI YOKO
Anime fantastico sul mondo fatato dei peluche/animali, visto da noi nel 2011 ma solo per 31 puntate su 51: questo perché Hiro, dov'era trasmesso, chiuse.



JEWELPET
In patria un successo da sette serie distinte, da noi solo la prima stagione (per fortuna completa) iniziata su Italia 1 ma subito passata a Hiro dopo due episodi di prova e una trasmissione proseguita poi solo nei weekend.


      


LEGENDZ - LA LEGGENDA DEI RE DRAGHI
Basato su un gioco di ruolo, è un anime in 50 episodi andati in onda su Hiro nel 2009.




MÄR
Vedemmo prima qualche volume del manga, poi l'anime arrivò anche da noi (su Hiro, nel 2009; su Italia 2 nel 2011).
Sono stati trasmessi tutti i 102 episodi, ma la sigla italiana arrivò solo per la messa in onda in chiaro (cantata da Giacinto Livia).


       


OFFSIDE
Manga calcistico anni '80-'90, diventa anime solo nel 2001.
Tutti i 39 episodi sono stati trasmessi, da noi, su Hiro: era il 2010.




MY MELODY: SOGNI DI MAGIA
Altra serie la cui trasmissione italiana si divide tra censure, episodi omessi e poi recuperati, stagioni in chiaro e alcune inedite (passate solo su Hiro).


      


TWIN PRINCESS - PRINCIPESSE GEMELLE
Ennesimo casino by Mediaset, arriva su Italia 1 nel 2009 ma si ferma a tre episodi dalla fine.
Episodi recuperati due anni dopo su Hiro.


      

SPIDER RIDERS
Arrivato da noi in versione americana, abbiamo visto tutti i 52 episodi prima su Italia 1 e poi su Hiro.
La sigla è cantata da Antonio DiVincenzo:


      


IDATEN JUMP
I giapponesi sono riusciti a fare una serie anche sulle mountain bike da combattimento: Idaten Jump è andato in onda nella stagione 2008/2009 sia su Italia 1 che su Hiro.
Canzone italiana con la voce di DiVicincenzo.


       


Una carrellata che sa di amarezza: al di là di qualche perla, sembrano tutte serie senz'anima, uguali, significative di un periodo dove il Giappone stava già cominciando ad arrancare (dopo i fasti degli anni appena precedenti). La TV italiana puntava qui le ultime forze sull'animazione giapponese, importando molti titoli ma gestendoli con confusione, programmazioni sfasate e poca promozione.
La D'Avena e Vanni spesso lasciano spazio a cantanti minori; Hiro diventa una vera e propria pattumiera dove finisce di tutto, quasi senza criterio...
Ma di questo avremo modo di parlarne in futuro!


leggi anche

61 commenti:

  1. mmmh... mai visto o sentito nessuno di questi! ero già passato ad altro all'epoca.

    Tra l'altro sorte simile si è avuta anche con altre serie animate ben più pretenziose, vedi Superman TAS (quindi di produzione USA, quindi con ancora meno problemi culturali) con le prime 2 stagioni andate in onda quasi in contemporanea con l'America (andava su Game Boat nel preserale), mentre la terza e ultima è uscita d'estate a sorpresa con oltre 10 anni di ritardo (mi pare 2009), senza annunci e con un cast vocale quasi totalmente rinnovato (ricordo di averla registrata per riconoscere i doppiatori).

    Oppure vogliamo parlare della sorte di Justice League (la conclusione del Timm-verse)? Saltarono (e forse non doppiarono?) la s02 perché dalla 3^ in poi cambiava nome. Per cui nelle repliche passano dalla S1 alla 3 come se non fosse successo niente...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto... senza più accordi magari con gadget, giocattoli, dolciumi e salati... tutto è andato perduto, perché è mancato proprio l'assetto di base, commerciale... che peccato.
      Tutte queste serie buttate lì senza motivo, a spizzichi e bocconi, interesse veramente poco per i dettagli...

      Moz-

      Elimina
  2. Mi stai riaprendo un mondo di roba che avevo rimosso!!!!!!
    A parte "il segreto della sabbia" che sto cercando di recuperare (di cui comunque ero già a conoscenza).
    Avevo una memoria super vaga di "Il cuore di Cosette"... me lo segno e spero di trovarlo.
    Altra cosa invece che non conoscevo è "Il lungo viaggio di Porfi" che credo non mi dispiacerà.

    Grazie Moz! Spero solo di riuscire a recuperarli perché ora sono curiosa. Questi anime più "recenti" me li sono persi tutti perché ormai avevo iniziato a lavorare e quindi la TV di quei periodi era solo un miraggio. :p

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, credo che ce li siamo persi un po' tutti ma anche perché... come puoi raccapezzarti con le trasmissioni assurde di quegli anni?
      Rimbalzate da un canale all'altro, tolte a pochi episodi dalla fine...
      Era già l'inesorabile declino, considerato che davvero solo quelle che hai citato possono essere salvate, in qualità... il resto sembrano quasi tutte cose uguali, senza anima, sciape.

      Moz-

      Elimina
  3. Come sempre grazie per questa carrellata.

    Conosco circa il 70/80% delle serie elencate.

    Mushiking non ho paura a dire che sia letteralmente un CAPOLAVORO! Avrà i suoi difetti derivati dai combattimenti con una pessima CGI ma nel suo target merita di essere considerato uno dei migliori...
    Non lo ritengo neppure inferiore a Digimon Tamers...
    Storia da brividi, personaggi eccezionali nella caratterizzazione psicologica, grafica bellissima (tranne la CGI menzionata), colonna sonora meravigliosa, un finale per nulla scontato...

    Il principe del tennis grande occasione sprecata!

    MAR lo conosco solo di nome ma credo che su Italia 1 sarebbe andato bene.

    Il segreto della sabbia prima o poi devo vederlo...

    Legendz - La leggenda dei draghi ATTENZIONE SU QUESTA SERIE ANIMATA! Il design rispetto al manga originale pubblicato in Italia da Star Comics è completamente diverso! Design orribile nella serie animata non eccezionale ma molto migliore nel manga!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero: quello di Legendz è un caso assurdo... manga disegnato normale, serie animata in superdeformed... mah.
      Mushiking forse ultima vera serie valida su Mediaset, se intendiamo fascia pomeridiana.
      MAR, Prince of Tennis e Il Segreto della sabbia potevano essere le punte di una new generation dell'animazione...

      Moz-

      Elimina
    2. Anime e manga di Legendz sono letteralmente due storie completamente separate che non c'entrano nulla l'una con l'altra, unico personaggio in comune tra le due serie è Shiron (il drago bianco con gli occhiali da aviatore). Addirittura nel capitolo finale del manga apparivano i protagonisti dell'anime in un breve cameo.

      Elimina
    3. Yes, scelta comunque allucinante... mai capito perché! :o

      Moz-

      Elimina
  4. P. S. Non concordo con la tua valutazione finale.
    Buona parte degli anime di questa lista sono prodotti di discreta/buona qualità in linea con gli anni precedenti.

    Sono quasi tutti anime trasmessi in Giappone dal 2003 in poi negli anni precedenti non è che fossero molto migliori.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so, ma unite a una trasmissione senza anima, senza carattere... insomma Twin Princess e altre cose sono quasi indistinguibili se non ti ci soffermi...
      Già non si aveva più niente di fortissimo dal Giappone, che sta faticando a bissare i successi commerciali del passato (ci sono oggi due o tre titoli ma sono comunque molto inferiori alla gloria del passato).
      Non per niente, tac... tornano Sailor Moon coi film e Doremi con lo speciale 2020.

      Moz-

      Elimina
  5. Conoscevo solo le principesse gemelle perché le guardava mia figlia. Gli altri proprio zero, lo ammetto.
    Riguardo la tua riflessione finale, è indubbio che le scelte di mediaset sono discutibili perché in generale spesso vanno a pescare serie di dubbia qualità, mentre prodotti più interessanti ci sarebbero pure, a prescindere dal generale calo qualitativo degli anime dovuto a una standardizzazione dei contenuti e a una produzione troppo meccanica, con grafica ripetitiva.
    P.S.: ma l'anime (sempre trasmesso su mediaset) "Family" lo hai mai trattato? Perché io lo trovavo anche grazioso (sebbene non certo un capolavoro) ma pare finito nel dimenticatoio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che famiglia è questa family! eheh, l'avrò citato in passato tra i cul degli anni '80, di recente c'è stato un recupero di questo titolo (addirittura Man-Ga! il canale, lo ha trasmesso in doppia versione anche senza censure e sottotitolata).
      Comunque, per le serie qui trattate era già la fine della gloria della fascia ragazzi, non si capiva niente e le cose rimbalzavano da Hiro a Italia 1 e viceversa, come fossero allo sbando...

      Moz-

      Elimina
  6. Anch'io devo ammettere che ciascuno di essi è assolutamente sconosciuto per me ma avessi potuto scegliere quale vedere, ovviamente a pelle "Offside" quello sul calcio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E pensa che proprio quello fu mandato in onda in orari assurdi, impossibile da seguire per bene.
      Devo ancora capire i motivi di certe assurde scelte...

      Moz-

      Elimina
  7. non ne ho visto uno
    e dire che mi ricordo che da piccolo ne guardavo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse non li ricordi... perché non fecero niente affinché restassero impressi... era una strategia di trasmissione già in fase calante...

      Moz-

      Elimina
  8. Boh...e se forse qualcosa avrò visto, totalmente rimosso..

    RispondiElimina
  9. "Il segreto della sabbia" voglio recuperarlo!

    Quante produzioni finite nel dimenticatoio, quanto lavoro fatto e accantonato...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già... ma forse ormai non tirava nemmeno più...

      Moz-

      Elimina
  10. Ciao Miki, c'è molto da dire su questo periodo che in cui fu certo critico per Mediaset, ma anche per MTV. Guarda caso entrambi i progetti animati finirono quasi contemporaneamente. Certo la Mediaset ebbe le sue colpe, ma come giustamente hai detto tu, questi titoli erano la prova di come anche la produzione di nuovi anime adatti a un certo pubblico (quello di Bim Bum Bam) fosse seriamente in crisi, crisi da cui a mio dire, ancora persiste in parte in madrepatria. Titoli mediocri, questa è la pura verità (poi i gusti sono ovviamente soggettivi) che alcune riviste dell'epoca spacciarono addirittura come nuovi fenomeni generazionali: Spider Riders e Dinosaur King (considerato grossolanamente il nuovo Pokémon, certo certo...) in primis.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, purtroppo venne a mancare del tutto la struttura che aveva funzionato (e alla grande) negli anni '80 e '90, ma anche nei primi anni 2000...
      Mancando quella, è andato tutto allo sbando, unito al fatto che il Giappone stesso non aveva più grandi hit (commerciali e non) da offrire...

      Moz-

      Elimina
    2. Marco non condivido considerare gli anime di questa lista mediocri.
      Almeno 4-5 sono di buona qualità, Mushiking ribadisco uno dei migliori nel suo genere/target, Il principe del tennis come anime sportivo funziona molto bene, Shugo Chara immagino non sia malaccio, MAR mi sembra bello (piace molto a Dario), Il segreto della sabbia viene acclamato ovunque...

      In questa lista ci sono buone cose...

      Elimina
    3. Chi cavolo è Dario, mo? :O
      Comunque, alcuni potevano ambire a dare di più, ma sono capitati nel periodo peggiore. Altri non servono a molto, secondo me...

      Moz-

      Elimina
    4. Nessun youtuber per fortuna! Dario Rotelli in arte Kotaro amico mio, tuo e di Marco!!

      Elimina
    5. La questione dello youtuber non l'ho compresa ma... GRANDE DARIO :)
      L'hai tirato in mezzo così, non poteva mai immaginare che ti riferissi a lui!!

      Moz-

      Elimina
  11. Offside? Lo conosco ora, qui sul tuo post! Il disegno di "lancio" mi sembra molto figo (anche le maglie) Devo recuperarla.
    Di tutto questo listone conosco solo Mushking perché me ne ha parlato AJ e il Principe del Tennis per la recensione che ha scritto lo stesso AJ da me :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Yes, infatti Mushiking e Principe del Tennis sono comunque noti (il primo ebbe un certo seguito, pur circoscrittissimo; il secondo uscì come manga).
      Offside un vero peccato... potrebbe essere piacevole ancora oggi.

      Moz-

      Elimina
  12. Ciao credo di non averne visto manco uno.
    E non ho mai sentito neanche nominare Hiro.
    Ma che canale era?
    Peccato che siano stati dimenticati presto..non penso fossero stati tutti delle ciofeche ..quindi son proprio i ragazzini che quegli anni stavano cambiando i loro gusti e il loro approccio all’intrattenimento in tv.
    🤗
    Comunque sopra leggo pure di MTV ...anche la c’è ne sarebbe da dire come proprio in quegli anni ha cominciato a cambiare in peggio.
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, diciamo che i gusti cambiavano, i programmi non erano eccelsi o comunque potenzialmente enormi come quelli del passato, e... pure la programmazione Mediaset non ha aiutato.
      Hiro... beh, di questi canali ne parleremo prestissimo^^

      Moz-

      Elimina
  13. Non ne conosco nemmeno uno, sebbene "Cosette" mi ricordi qualcosa, quindi ne ho ascoltato attentamente la sigla, ma non mi ha detto nulla.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse semplicemente il nome noto, per via del romanzo e quindi film ecc...

      Moz-

      Elimina
  14. Ecco, ora si che mi sento davvero vecchio, non ho visto nessuno di questi anime né ho sentito parlarne!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehehe caro Davide... è quasi uguale pure per me!!

      Moz-

      Elimina
  15. Di questi ero a conoscenza solo del Segreto della Sabbia e Dinosaur King. Quest'ultimo rinunciai a seguirlo perché quella combinazione tradizionale-CGI ultrapezzente (senza offesa) mi faceva male agli occhi 🤣 Gli altri ho dovuto recuperarli anni dopo su internet perché all'epoca non avevo più tempo di seguire le cose in TV. Il Cuore di Cosette me lo lasciai sfuggire (un crimine imperdonabile per un grande appassionato di Les Miserables quale sono!) ma recuperai anche quello. Mi piacque un sacco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, la CGI di Dinosaur King è veramente oscena.
      Cosette non mi piacque granché ma apprezzai comunque la volontà di trasmetterlo...^^

      Moz-

      Elimina
  16. LET'S GO TAFFY è quello che mi attira di più... quando sento dire "avventure fantastiche" mi si accende la lampadina :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh ma guarda, si tratta di cani che diventano antropomorfi, o addirittura supereroi^^

      Moz-

      Elimina
  17. Di questi che hai citato seguivo Principesse Gemelle, che era davvero carino, e My Melody, di cui però non riuscivo a capire una mazza: aveva una programmazione così confusa da colpirsi da sola!

    Conosco anche gli Spider Rider (che però evitavo come la peste perché puzzava di cavolata), e anche quella bambina capocciona della Luna Nuova, anche se non so dirti se è per via del chara bruttino, della sigla o per aver visto qualche episodio. 🤔

    Mar so che lo trasmettevano a notte fonda fino a qualche anno fa.
    Comunque nulla di memorabile, penso di non conoscere nessun fan di questi cartoni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, alcuni erano proprio impossibili da seguirsi.
      MAR sì, andato in onda anche su Italia 1 se ben ricordo... e ovviamente di notte.
      Ma non era il caso di metterselo a seguire...

      Moz-

      Elimina
    2. Ransie, le cose vanno viste prima di essere giudicate.

      In madrepatria alcuni di questi anime hanno avuto grande successo.

      Elimina
    3. Si può andare un po' anche a naso... nel senso che alcune cose proprio manco mi attiravano per sbaglio... sarà stata l'età ecc... ma non mi sognerei nemmeno ora di vederle, di "perderci tempo" diciamo.

      Moz-

      Elimina
    4. "ma non mi sognerei nemmeno ora di vederle, di "perderci tempo" diciamo"

      Se non piace più un determinato tipo d'animazione ci può stare come nel mio caso con i prodotti Disney tanto che potrei utilizzare Disney Plus offertomi gratuitamente ma quel tipo di serie animate da tempo immemorabile non mi dicono più niente.

      Elimina
    5. Ci sta alla grande.
      Ma a me non è che non piace, è che non trovo niente, come se avessero cambiato parametri... poca arte, diciamo... poca artigianalità anche... non so. Anche per i manga è lo stesso: non trovo niente (se non casi rarissimi attuali, ma sono perlopiù robe d'autore) che mi soddisfi.

      Moz-

      Elimina
    6. Il mercato anime e manga cambia continuamente per andare incontro alle nuove generazioni.

      Questo succede da sempre.

      Gli anime di questa lista usciti tra il 2003 e 2010 nel frenetico mondo dell'intrattenimento giapponese sono ormai considerati datati.

      Comunque oggi in Giappone vengono ancora pubblicati molti manga con caratteristiche tradizionali.
      Serie per bambini e ragazzini con le stesse caratteristiche dei nostri tempi.

      Certamente negli ultimi anni sono uscite anche nuove serie dalle caratteristiche particolari.


      Elimina
    7. Sì, da quel che so io, è specialmente il pubblico americano che spinge idealmente per contenuti assurdi tipo tettone mutandine ecc...

      Moz-

      Elimina
  18. per me sono sconosciuti, mai visti, esistono le versioni homevideo se a qualcuno interessa?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Cuore di Cosette uscì anni fa in dvd, ma non so se è ancora disponibile

      Elimina
    2. Esatto, solo Cosette e... Spider Riders XD

      Moz-

      Elimina
  19. Ma un post che posso commentare? Cribbio!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha XD
      Dai, ce ne sono e ce ne saranno sempre! ;)

      Moz-

      Elimina
  20. Manco uno. Ma sono stati trasmessi sul pianeta Terra?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pare proprio di sì 😂😂

      Moz-

      Elimina
    2. Allora dovevo essere molto distratto

      Elimina
    3. Anche io, non credere: alcuni poi erano impossibili da seguire...

      Moz-

      Elimina
  21. Da piccolo amavo i dinosauri, quindi credo che avrei amato anche Dinosaur King ;)
    Comunque oh... ignoravo l'esistenza di... tutti! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me era troppo pacchiano... non ti sarebbe piaciuto comunque, penso... :O

      Moz-

      Elimina
  22. Giuro: manco uno di questi ho sentito anche solo nominare!
    A parte quest'ovvietà comune a molti commentatori, è interessante l'inizio di riflessioni in calce al post. A parte la "pattumiera" in cui venivano scaricati, hanno dato anche a me l'impressione di prodotti svogliati e senza fantasia, magari creati per vendere merchandising.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì: svogliati i prodotti, e svogliata la Mediaset... ormai era tutto in fase calante, lontano anni luce da successi clamorosi tipo Pokémon o anche Yu-gi-oh! e Beyblade... commercialissimi, eh!

      Moz-

      Elimina
  23. Se non ricordo male IL LUNGO VIAGGIO DI PORFI ebbe anche diversi tagli a causa dei vari riferimenti alla mafia.

    Peccato che il progetto di rilancio del World Masterpiece Theater siano nuovamente naufragato. Alcuni dei titoli di quella collana hanno fatto la storia dell'animazione giapponese (e sono strareplicati qui da noi).

    Per il resto devo dire che questa volta la maggior parte dei titoli mi sono sconosciuti. Che poi sbaglio o si tratta dell'ultimo grande acquisto di titoli giapponesi qui in Italia? Dopo mi sembra che a parte qualche titolo non si è più visto nulla del genere in tv. A parte Lupin, Hero academia e qualche titolo minore non mi sembra sia arrivato nulla di rilevante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Yes, l'ho scritto: si parlava di picciotti, uomini d'onore e mafia... e un episodio intero è stato omesso^^
      Esatto, comunque: dopo questa tornata, bye bye anime in Italia tranne due o tre cosette.

      Moz-

      Elimina