[SIGLE MENO FAMOSE] Il segreto della sabbia (C. D'Avena, 2008)



Anime del 2002, da noi trasmesso nel 2008 (e in chiaro nel 2017), Il segreto della sabbia è un'opera elegantissima che ricorda molto i cartoon giapponesi del passato, come Il mistero della Pietra Azzurra e Conan, il ragazzo del futuro (che sono anche le principali fonti di ispirazione della serie).
In soli 26 episodi, troviamo un mondo tra l'Europa del XIX secolo e un Oriente misterioso, il tutto tra macchinari steampunk e influenze da Jules Verne (che è anche l'autore del romanzo su cui questo anime è in parte basato).


Jane, ricevuta una lettera da suo fratello creduto morto, decide di partire per capire come stanno le cose.
Questo perché il contenuto della lettera non è altro che un ciondolo con una sorta di sabbia azzurra.
Convinta che il ragazzo sia ancora vivo, Jane parte all'avventura, anche dopo che alcuni misteriosi banditi a bordo di una strana nave volante hanno rapinato la banca di famiglia.

Questa è la sigla (iniziale e finale) in versione televisiva, così potrete farvi un'idea anche delle animazioni, del character design e di tutto il resto:


         


LA SIGLA
Ma è bene ascoltare anche la versione completa di questa sigla, scritta da Alessandra Valeri Manera e interpretata da Cristina D'Avena: nella sua traccia integrale, il brano (composto da Giorgio Vanni e Max Longhi) si fregia di alcune parti che il cut televisivo è costretto ad omettere, e sono per me le parti più belle perché creano un ambiente sonoro molto preciso, un po' orientale e un po' fin de siècle, rimanendo una sigla molto moderna ma al contempo di ispirazione "classica" per quanto riguarda la produzione mediasettiana.
Eccola a voi:

          


IL TESTO
Tieni stretto tra le dita, Jane,
il segreto della sabbia...
Jane, nel tuo sguardo così lieto c'è l'azzardo di un segreto.
C'è la voglia di sapere che ti fa sorridere.
Jane, tra l'amore e la guerra c'è il dolore della Terra.
C'è la sete di potere che ci fa dividere.
Ma forse c'è un sentiero fra l'ombra del mistero.

Il segreto della sabbia muove eserciti e potenti,
tra le grate di un gabbia finiranno i contentendi.
Solamente Jane non si arrenderà, e vincerà con i suoi sentimenti.
Il segreto della sabbia è già al sicuro tra le dita di Jane...



vuoi riscoprire altre sigle? leggi anche

45 commenti:

  1. Sigle meno conosciute, ok! Io non conosco né l'anime né la sigla XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, appunto la rubrica si chiama così :D
      L'anime è veramente molto bello, dal sapore nostalgico.
      La sigla italiana idem, per me è bellissima...

      Moz-

      Elimina
    2. Ti giuro che non sapevo proprio che esistesse quest'opera. Eppure il 2008 (se ho letto bene l'anno) dovrebbe essere il periodo in cui guardavo ancora la tv. Potrei anche recuperarlo visto che sembra avvicinarsi a vecchi classici

      Elimina
    3. Sì, c'è più di un omaggio a certi titoli...^^

      Moz-

      Elimina
  2. Ignoravo questo anime, i presupposti per recuperarlo direi che ci sono tutti.
    La sigla non mi piace.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Argh, come mai? L'ho sempre trovata molto bella...
      L'anime sì, molto fico.
      Italia 1 lo passò solo una volta, di notte... XD

      Moz-

      Elimina
    2. Le canzoni di Cristina che mi piacciono sono l'eccezione alla regola. Preferisco Mele Verdi, Cavalieri del re, Georgia Lepore, o anche le sigle originali giapponesi alla sua voce da "canti della parrocchia".
      Uso come sveglia l'opening strumentale di Capitan Harlock SSX. 😎

      Elimina
    3. Ahah, oddio, io molte sigle del passato, al netto di alcuni capolavori, le trovo troppo naif...

      Moz-

      Elimina
  3. Questo anime volevo tanto vederlo ma non ci sono riuscita... magari riesco a recuperarlo visto che me lo hai riportato alla memoria! ;)
    Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È figo, se dovessero ritrasmetterlo, lo guarderei anche io senz'altro!! 🤓🔥

      Moz-

      Elimina
  4. non lo conoscevo, comunque Verne è una miniera di spunti inesauribile...

    RispondiElimina
  5. interessante questo cartone. dalla trama sembra avere tutti gli ingredienti per avventura a go-go. Non conoscevo neanche il libro di Verne, veramente, magari provo a leggerlo anche se con Verne ho un rapporto conflittuale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio, a dire il vero è giusto uno spunto, credo...
      Però il cartone effettivamente è bello...^^

      Moz-

      Elimina
    2. Se vogliamo, c'è un elemento che potrebbe ricordare un'invenzione letteraria di Wells, la cavorite - se ti dicessi le sue proprietà, però, farei un spoiler intenso sulla storia, anche se i suoi effetti si vedono pure all'inizio della serie...

      Elimina
    3. Umh, credo di aver capito ma non sapevo fosse un elemento wellsiano! ✈️✈️

      Moz-

      Elimina
  6. Qui mi cogli impreparata, non lo conosco proprio :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo non ha avuto molta diffusione...

      Moz-

      Elimina
  7. Ho in lista questo anime già da qualche anno! Bella rubrica questa perché dà l'opportunità di conoscere serie meno famose a tante persone^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, infatti al di là della sigla, mi piace parlare un po' anche della serie in sé^^

      Moz-

      Elimina
  8. Non conoscevo assolutamente questo anime, ma mi ha incuriosito parecchio... quindi vedrò di recuperarlo. Strano comunque che in Italia non l'abbiano adattato con un bel "Il Mistero della Sabbia Azzurra". Non mi avrebbe sorpreso per nulla ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa tu, quello che citi è proprio il titolo originale, o quasi, che suona come Il segreto della sabbia azzurra (Secret of Cerulean Sand)^^
      Evidentemente a Mediaset hanno proprio non voluto creare confusione con l'altra opera :)

      Moz-

      Elimina
  9. Scoprii la sigla per caso su Youtube non mi ricordo quanti anni orsono e fece subito colpo! Come scrissi sul topic di Nadia, amo queste sigle cariche di misticismo che ti fanno venire subito voglia di vedere la serie, che ti fanno capire che hai a che fare con qualcosa di misterioso, affascinante e carico di significati! E ci presi in pieno visto che è veramente una bella serie! Molto verniana e miyazakiana com'era negli intenti, secondo me questi sono i miglior genere di anime, il mio preferito in assoluto. E poi è sempre motivo di orgoglio vedere quanto la cultura europea abbia influenzato gli anime 😄

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo, condivido tutto!
      Incredibile come ancora ci fu qualche anime di stampo più classico, capace di raccontare una bella storia tutta in continuity...
      Sì, sigla molto bella con sonorità per me azzeccatissime^^

      Moz-

      Elimina
    2. Direi che non sono mai finiti gli anime di stampo diciamo verniano, sono solo stati soppiantati in popolarità dai più commerciali shonen o dagli shojo e quindi hanno meno visibilità, bisogna andargli a cercare. In compenso, la creatività ai giapponesi non è mai mancata! Però la creatività ai giapponesi non è mai venuta a mancare! Makoto Shinkai, l'autore dei bellissimi Your Name e Weathering With You, ne è la conferma!

      Elimina
    3. Vero, ma ancora non ritrovo quel cartoon tipo Utena, che sa essere deliziosamente commerciale pur essendo artisticamente geniale e underground...
      Insomma, un po' i parametri sono cambiati, a me dispiace non aver visto The Big O, per dire... poteva essere figo. Ma parliamo sempre dei primi anni 2000...

      Moz-

      Elimina
    4. A memoria non ricordo anime di questo tipo nell'ultimo decennio.
      Nelle tv giapponesi in orario decente fanno solo Pokémon, Boruto, Detective Conan, One Piece, Pretty Cure, My Hero Academia (ogni 6 mesi circa), Doraemon, Sazae-San, Crayon Shin-Chan, Yu-Gi-Oh, il seguito di Inuyasha più qualcun altro ma niente simile a Il segreto della sabbia.




      Elimina
    5. Credo siano cartoon da orari tipo sabati mattina... chissà, ma non saprei: magari non ci sono semplicemente più, in questo preciso istante...

      Moz-

      Elimina
    6. Come hai detto attualmente non ci sono anime del genere...
      Non è escluso che prima o poi ne facciano qualcuno nuovo...
      Anche se un importante dipendente dello studio Pierrot disse che a causa del calo delle nascite il pubblico giovane si è molto ristretto quindi hanno meno possibilità di guadagnare con queste produzioni.

      Anche in Giappone questo anime è stato trasmesso su un canale della pay-tv chiamato WOWOW.
      Nonostante la crescita economica del mercato anime anche in Giappone gli slot negli orari più importanti sono diminuiti ☹
      Il preserale per loro l'orario più importante rimane appanaggio di pochissime serie...

      Un ultima cosa nella terra del Sol Levante il sabato mattina ogni due settimane si va a scuola!
      Alcuni anime famosi vengono trasmessi la domenica mattina come One Piece.

      Elimina
    7. Sì, dai... tranne un paio di titoli moderni, in Giappone ormai faticano ad avere ancora prodotti di moda...
      Forse è finita la loro epoca d'oro... ma ci sta, tutto ha un inizio, una fine e un ritorno... :)

      Moz-

      Elimina
    8. Ti ho inviato il link con la dichiarazione di Yuji Nunokawa dello studio Pierrot.

      Mi sa che vedremo sempre più raramente anime di quel genere... ☹

      Elimina
    9. Visto... sì, non c'è pubblico potenziale...

      Moz-

      Elimina
    10. Da noi invece gli ultimi grossi successi sono stati per gli shonen Naruto e per gli shojo Mermeid Melody negli ormai lontani anni 2006/2007...

      Ricordo all'epoca che capitava di vedere i bambini giocare a Naruto nei parchetti...
      Gli amici di mio fratello minore (classe 1994) venivano a casa nostra a giocare videogiochi di Naruto per la PlayStation 2...

      Oppure qualche anno prima quando andavo a dormire da mio cugino vedevamo One Piece nel lunchtime... (estate 2005 saga di Skypea).

      Tempi lontani... 😭

      Elimina
    11. Già...oggi non funzionerebbero, se non con canali tematici che ne ricalcano i fasti, o con un buon pacchetto per le tv streaming (lì per fortuna godono di un certo successo anche tra i giovanissimi)^^

      Moz-

      Elimina
    12. Quello del calo delle nascite è un problema che ha sempre turbato anche me. Il Giappone ha già una povera demografia, se non corrono ai ripari al più presto... mi sa che il futuro degli anime (e non solo di quello) sarà in Cina.

      Elimina
    13. Mi sa che il futuro cinese sarà PURTROPPO di tutti... argh!

      Moz-

      Elimina
  10. Il testo è bello, ma devo dirti la verità: la sigla non mi ha proprio preso.
    Cartone a me assolutamente sconosciuto, comunque è giusto il parallelo con il Mistero della Pietra Azzurra...magari uscendo qualche anno prima, avrebbe avuto più successo, questo "Il segreto della sabbia"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente... o meglio, Mediaset avrebbe potuto proporlo già a ridosso del 2008 dopo il passaggio su Hiro... se lo avesse fatto nel 2010 quando ci fu il rilancio di Sailor Moon, sarebbe stato stupendo...^^

      Moz-

      Elimina
  11. Sigla non ricordo, e neanche l'anime, che è praticamente un mix di tante cose, troppe probabilmente..

    RispondiElimina
  12. è una delle sigle che adoro, spero prima o poi di recuperare la serie (magari in qualche replica televisiva). Come dici tu ha un certo un "po' orientale e un po' fin de siècle".

    Comunque l'ispirazione a Nadia e il mistero della pietra azzurra è palese.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Yes, credo sia proprio un omaggio diretto... :)
      Spero anche io che possa essere replicato!

      Moz-

      Elimina
  13. Davvero un bel cartone, adesso non ricordo quale dei tuoi lettori, in un commento, mi mise la pulce nell'orecchio, spingendomi a cercarla dove possibile (essendo io una chiavica in questo genere di cose, il massimo che posso permettermi è un giro su Youtube :P e lì l'ho trovata).
    È una serie molto carina, un "mistero della pietra azzurra" più leggero, anche se nelle puntate finali le cose si fanno abbastanza serie da alzare la conta dei morti. Comunque, protagonista avventurosa e gentile, abbastanza simpatica (non sembra una saccentina né una spocchiosa) e competente nel suo ambito, la meccanica. Spassoso il cagnetto avido, classico il maggiordomo - quando ha spiegato del diluvio universale, mi ha lasciato di sasso sentire che la pioggia fosse voluta da Geova! - e cattivo di un prevedibile mostruoso, ma i commenti di una sua fan su Youtube, che non voleva credere che lui fosse un pezzo di merda, mi hanno divertito un mondo! XD

    La sigla ha un comparto musicale interessante, a differenza di altri brani Mediaset sembra distinguersi un po', soprattutto nella parte iniziale. Sul testo, mi lascia perplesso un verso

    Ma forse c'è un sentiero fra l'ombra del mistero

    Tra l'ombra del mistero... e cosa? forse sarebbe stato meglio mettere le ombre (e se proprio non torna il metro, fai una roba dantesca con "l'ombre" XD ). Comunque, piccolezze: le sigle più vecchie, quelle che tutti amiamo (cit.) avevano passaggi più strambi.
    È un peccato che non sia più stata trasmessa, non a orari da esseri umani che vivono alla luce del sole, per lo meno: è una bella storia, con buoni personaggi e momenti avventurosi ben strutturati. Un giorno spero di potermi rinfrescare la memoria per parlarne pure io ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sapevo si trovasse su YT, ottimo davvero!!
      Mi sa che la rivedrò.
      Vero, fra l'ombra del mistero... boh, sarà tipo una licenza poetica come tra il mare... chissà :)
      Ho ricontrollato, non ho sbagliato io, dice proprio così... La questione di Geova non la ricordavo... comunque peccato non lo abbiano mai fatto di pomeriggio.

      Moz-

      Elimina