[CARTOON] Sailor Moon in Italia: 25 anni di successi


Martedì 21 febbraio 1995.
All'interno del contenitore Bim Bum Bam -all'epoca su Canale 5- veniva trasmesso "Una guerriera speciale", primo mitico episodio di Sailor Moon.
Una serie rivoluzionaria, che non solo riaprì le porte all'animazione giapponese in Italia (come aveva già rilanciato la medesima, in patria), ma che divenne presto un incontenibile successo.
A 25 anni di distanza, con una statua al Museo della Fantascienza di Torino e una serie di eventi (tra cui una imponente mostra, da giugno), Sailor Moon è pronta ancora a splendere nei cuori tricolore!

Il successo di Sailor Moon è paragonabile a quello che negli anni '80 ebbero, sulle reti Fininvest, serie come Creamy o Kiss me Licia.
E a quello che ebbero, precedentemente, le opere della cosiddetta "invasione giapponese" animata.
Capace di scaldare il fandom, di generare milioni e milioni, di finire sul banco degli imputati, Sailor Moon è una icona pop a 360°, che dopo 25 anni è in grado ancora di far parlare di sé.

https://mikimoz.blogspot.com/2018/09/sailor-moon-riassunto-completo.html


POTERE DEL CRISTALLO DI LUNA!

Nel 1995 l'unico grande exploit da miliardi a palate erano i Power Rangers.
Inizialmente non seguii Sailor Moon, non subito. Me ne parlò un amico, e ne vidi un episodio: mi piacque molto ma comunque non continuai assiduamente.
Però avevo capito che era qualcosa di nuovo, fresco, interessante. E non per forza "da femmine".
La storia è nota: Bunny (Usagi il nome originale) grazie a una spilla magica può trasformarsi in Sailor Moon, guerriera col doppio compito di fermare gli attacchi del Regno delle Tenebre e trovare la scomparsa Principessa della Luna.
Nuovi nemici e nuovi pericoli portano anche nuovi alleati, per cinque stagioni la cui storia completa potete trovarla cliccando QUI.

il lancio italiano della serie su Sorrisi e Canzoni, dal sito Curemoon.com

RAGGIO DI LUNA CHE RENDI LA NOTTE ROMANTICA...

La prima serie di Sailor Moon va in onda ogni pomeriggio fino al 14 aprile 1995.
E, subito dopo, viene già replicata. Questa la sigla, cantata da Cristina D'Avena:


...PRINCIPESSA DI UN REGNO CHE NON SAI DOV'È

In Giappone, Sailor Moon era iniziato già nel 1992.
Acquistato da Fininvest/Mediaset nel 1994, entra subito in fase di doppiaggio.
Qualche censura e nomi tutti occidentalizzati, ma comunque un'edizione di gran pregio.
Nei corridoi si percepiva già come opera che avrebbe potuto sfondare, annunciata ampiamente dalle riviste italiane di settore (Kappa Magazine del maggio 1995 gli dedica l'intero apparato redazionale).

https://mikimoz.blogspot.com/2014/07/guida-al-mondo-di-sailor-moon.html
da Kappa Magazine 31, gennaio 1995


IL MANGA

Subito, l'editoria italiana si lancia sul nuovo successo: arriva il manga originale di Naoko Takeuchi, che però si allinea in parte all'adattamento italiano dei nomi (almeno per i primi due archi narrativi).
Pubblicato da Star Comics, in seguito è stato ristampato più volte anche da altre case editrici.
Questa è la pubblicità che annuncia l'arrivo del primo volumetto:

https://mikimoz.blogspot.com/2014/07/guida-al-mondo-di-sailor-moon.html

La prima edizione del manga uscì in edicola fino all'estate del 1999, raccontando storie solo in parte simili a quelle viste nella serie televisiva.


ANIME COMIC

Più appetibile per chi voleva ritrovare esattamente le storie viste in tv, era l'anime comic pubblicato dalla Marvel Kids (poi Planet Manga), ossia la Panini.



RIVISTE VARIE

La Diamond Publishing invece spaziò tra un magazine vero e proprio, libri illustrati, riviste-gioco e tanto altro.



MERCHANDISING

Non potevano mancare i gadget, tra bambole e oggetti e vestiti di carnevale. Così come le vhs italiane sempre by Mediaset e ben tre album di figurine della Merlin Collection (due regolari e uno "mini").

CHI CI DIFENDE? SEI ANCORA TU...

Ottobre 1995: a tempo di record arriva anche la seconda serie. Sailor Moon la luna splende riconferma il successo dei primi episodi portando ascolti record.


BRILLA UN SOLE ROSSO E BLU, SU GAME BOAT

A stretto giro la Mediaset riuscì a confezionare anche l'edizione italiana del terzo capitolo di Sailor Moon.
E non solo. Visto l'enorme successo della serie, costruì attorno alla sua messa in onda un nuovo programma, addirittura nella prestigiosa fascia preserale di Rete 4: Game Boat.

dal sito Curemoon.com

Sailor Moon e il cristallo del cuore è la serie che mi ha fatto innamorare dell'opera (vedi QUI). Penso sia la migliore in assoluto tra le cinque stagioni. Lì ho capito che Sailor Moon aveva qualcosa di più, sia narrativamente, sia come tecnica (animazioni, regia) rispetto alle altre serie viste in quel periodo.
Il trasloco da Canale 5 a Rete 4 venne annunciato con una serie di spot creati ad hoc:


In onda dal 5 febbraio al 20 marzo 1996, questa stagione venne "modificata" in fase di adattamento, per fare in modo che le puntate avessero un minutaggio più elevato (per ovvi motivi di share): a ogni episodio furono aggiunti diversi flashback riguardanti le due precedenti serie.
In coda alla serie, arrivarono anche i primi due film d'animazione.



BAMBOLE

La Giochi Preziosi continua a produrre le bambole e i gadget di Sailor Moon: testimonial degli spot era paradossalmente Elisabetta Ferracini, conduttrice di quel Solletico che era direttamente rivale di Bim Bum Bam e delle prime due stagioni di Sailor Moon stessa.



FORSE NEI TUOI SOGNI LO VEDRAI...

Ormai Rete 4 era la nuova casa di Bunny e compagne, tanto che in Game Boat -dal 9 settembre 1996- arrivò presto la quarta serie: Sailor Moon e il mistero dei sogni.
Anche in questo caso, per la prima trasmissione italiana, la Mediaset allungò la durata di ogni episodio, non più come flashback ma prendendo scene "quotidiane" dalla seconda stagione.


IL SIGNORE DEL TEMPO?

Sailor Moon era un prodotto così remunerativo per Mediaset che le repliche non bastavano più: e se una nuova stagione non arrivava, cosa si pensò di fare? Ovvio, scriversela da sé.
Esatto: un lavoro di montaggio, un patchwork di scene precedenti a cui dare nuovo senso con un nuovo doppiaggio, era alla base del progetto Sailor Moon e il signore del tempo.
Ma poi arrivò la quinta vera stagione ufficiale e questa idea restò nel cassetto: trovate qui la storia nel dettaglio!



NOTTE CHIARA E LEGGERA, COME LA PRIMAVERA

Petali di Stelle per Sailor Moon, quinto e ultimo capitolo di tutta la saga, venne trasmesso dal 9 marzo 1997 sempre nel contenitore Game Boat di Rete 4.
La conclusione di ogni vicenda portò con sé la cristallizzazione di un mito e l'arrivo di molti altri, nella speranza di eguagliare il successo della Combattente della Luna.



UNA PSICOLOGA CONTRO SAILOR MOON

Durante la messa in onda della serie, Sailor Moon finì anche accusata di confondere la sessualità dei bambini, in quanto figura femminile protagonista e dominante.
Fu la psicologa Vera Slepoj a lanciare l'allarme, in un caso che fece abbastanza scalpore ma che si sgonfiò presto come ogni sciocchezza: leggi QUI la vicenda completa!


ELEMENTI ESOTERICI E SIMBOLICI

Sailor Moon, che pure è un anime rivolto a un target giovanissimo, ha ottenuto il suo successo perché ha saputo parlare a più platee contemporaneamente. Il pubblico più adulto, infatti, tralasciando la solita battaglia contro il solito mostro del giorno risolta con l'agitarsi di uno scettro magico, poteva scorgere elementi molto più seri e particolari all'interno dell'opera. Che non aveva paura di scendere nell'ermetismo e nell'esoterismo: leggi QUI ogni dettaglio!


https://mikimoz.blogspot.com/2018/11/esoterismo-sailor-moon.html


UN SUCCESSO SENZA FINE

Pur coi diritti di trasmissione che vennero temporaneamente bloccati, Sailor Moon non è mai sparita dai (cristalli dei) cuori del pubblico italiano.
Nel 2011 tornò in onda grazie a un rilancio pianificato fin nei minimi dettagli, che portò nuovo merchandising, dvd, e tanto altro.
Scelto come artista generale per le nuove illustrazioni promozionali fu proprio un italiano, Marco Albiero.



SAILOR MOON CRYSTAL

Più fedele al fumetto originale della Takeuchi, è Sailor Moon Crystal: remake della serie anni '90 è stato mandato in onda anche da noi, ma sulla Rai, tra il 2016 e il 2017.
Stavolta con tutti i nomi originali e l'assenza di censure.
La serie Crystal, arrivata a coprire le prime tre stagioni, prosegue con Eternal (una serie di film d'animazione).

MONOPOLY!

A dimostrazione del fatto che Sailor Moon è ormai un punto fisso nella cultura pop italiana, negli ultimi mesi del 2019 abbiamo avuto -tradotto nella nostra lingua- il Monopoly dedicato alla bionda guerriera (basato, con mia gioia, sulla terza serie storica).



IL CALORE DEI FAN A TORINO

Incredibilmente Sailor Moon vince il sondaggio che la vedeva contrapposta a Goldrake: i fan italiani scelgono lei come soggetto per la statua da avere al Museo del Fantastico e della Fantascienza di Torino.
La statua è inaugurata sabato 22 febbraio 2020.
E questo è solo l'inizio dei festeggiamenti per il venticinquennale italiano della magica guerriera.


SI FA FESTA!

Nino Giordano, del blog italiano di Sailor Moon, promette un anno di eventi legati alla celebrazione della paladina della Luna.
Dalla trasmissione del primo episodio a 25 anni esatti di distanza (ore 16, al locale Garçonnière in via del Pigneto 110H a Roma) fino a party a tema tra la Capitale e Bologna (al Nippop).
Almeno un evento al mese, itinerante, fino alla grande mostra che aprirà il 5 giugno.
Di questo ne parla l'altro curatore, Leone Locatelli di Heroica.it: un excursus quanto sul fenomeno Sailor Moon, con un dibattito sulla figura femminile nell'opera e una vasta raccolta di materiale (oggettistica, soprattutto) del celebre titolo giapponese.
Inoltre, il 30 giugno, si festeggerà il compleanno della protagonista.
Dunque, è il caso di dirlo: Potere del Cristallo di Luna, vieni a noi!

leggi anche

69 commenti:

  1. E la serie in live action te la ricordi? Non male nemmeno quella😊

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio, riciclava i Golem di Zyuranger (ossia i Putties dei Power Rangers)... un po' kitsch, ma è tipico dei live action 🤣
      In Italia, comunque, non è mai arrivata... E forse è meglio! 🤣

      Moz-

      Elimina
  2. Esisteva pure il monopoli con Sailor Moon pazzesco mai saputo :-)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È uscito nel 2019, nemmeno un anno fa! 💪

      Moz-

      Elimina
  3. quanti ricordi, mi piaceva molto!
    Un abbraccio Valeria

    RispondiElimina
  4. Grazie per questo articolo celebrativo gradevolissimo da leggere.

    Innanzitutto questo anniversario ci ricorda nuovamente quando oggigiorno purtroppo quel mondo stellato (proprio il caso di dirlo...) Sia ormai lontano... Con la crescita del web, la presenza massiccia dei vari canali tematici dei cartoni sul digitale terrestre, nonché il cambiamento nel metodo di realizzazione degli anime in Giappone (oggi in maggior parte vengono realizzate serie brevi) non ci sarà mai più un nuovo fenomeno alla Sailor Moon... Un'epoca è finita e non tornerà mai più... Peccato per le nuove generazioni ormai lontane dai cartoni animati giapponesi. Non per colpa loro ovviamente.

    Vero che Sailor Moon (assieme alle repliche di Lupin) rivitalizzò il mercato televisivo degli anime in quel periodo in appannamento ma non in crisi (tra il 1992-94 arrivarono comunque anime di successo: Topo Gigio Forza Campioni, Le voci della savana)
    facendo tornare l'animazione nipponica in primo piano, da lì in poi per almeno altri 10 anni l'animazione giapponese sarebbe stata la più seguita nel Belpaese.

    Davvero bizzarro che proprio la Ferracini, faceva gli spot per Sailor Moon, seppur lei (senza malizia nel suo caso) come tutta la RAI riteneva gli anime diseducativi per il pubblico giovane infatti la tv di stato negli anni '90 importò pochissimi anime nuovi con 6-7 anni di vuoto assoluto.


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, purtroppo: ci hanno provato varie volte a fare una nuova Sailor Moon, ma come importanza (e durate) l'unica cosa che si è avvicinata è Doremì, che però aveva un target un po' più basso.
      Diciamo che quando arrivò SM in Italia, gli anime erano o co-produzioni o comunque niente di così glorioso come successo fino a qualche anno prima. Bim Bum Bam era pieno di serie americane, perlopiù scialbe...
      Vero per la Ferracini, lei stessa non ebbe belle parole per Sailor Moon inizialmente, se ben ricordo.

      Moz-

      Elimina
  5. Quanto ho detestato questo cartone mamma mia.
    Ho avuto un'inspiegabile avversione per tutta la sua durata, mentre intorno a me le ragazzine urlavano innamorate.

    RispondiElimina
  6. Nemmeno io l'ho seguito fin dall'inizio, perché in quel periodo non stavo più guardando Bim Bum Bam (non trasmetteva cartoni interessanti per me). Un compagno di scuola mi disse di Sailor Moon e mi fece vedere un episodio, con la scusa di studiare a casa sua: ho amato quel cartone sin dal primo istante, mi piacque molto il disegno, diverso da quelli a cui ero abituato perché più moderno, pur essendo un po' lungo il solco delle maghette.
    All'inizio lo fraintesi, pensai che fosse una parodia, invece quei cliché erano infilati in un contesto "serio" XD

    Comunque, sono d'accordo con te, la terza stagione della serie storica era la migliore, aveva un'atmosfera molto particolare che le due stagioni successive si sognavano la notte (infatti le ho apprezzate di meno e non solo per il pedestre adattamento Mediaset, tra inserti maldestri dalla seconda serie e episodi trasmessi in ordine inverso).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, diciamo che lo stesso fu per me: mi fregò il fatto che Bim Bum Bam era in un momento di calo mostruoso, con soli cartoon americani niente di che.
      Sailor Moon rivitalizzò del tutto la questione. Anche io comunque lo amai subito: si vedeva che era nuovo, dinamico, diverso.
      Poi la terza serie, vabbé, quella per me è un capolavoro (coi dovuti limiti del caso) ancora oggi.

      Moz-

      Elimina
  7. Hai tirato fuori dalla mia mente l'immagine di lancio di Tv Sorrisi e Canzoni..la ricordo benissimo!
    Io sono stato uno spettatore della prima ora di Sailor Moon. Sicuramente colpito molto dal "battage" pubblicitario. Non ne rimasi deluso, al di là dei primi pruriti adolescenziali che mi rendevano gradita una serie con delle ragazze protagoniste.
    Però sono sicuro: l'ho visto fino al "trasloco" su Game Boat. E non sopportavo il personaggio di Chibiusa, lo trovavo irritante!
    ps
    Stupende le copertine del manga!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cioè tu hai mollato proprio quando diventava un capolavoro di regia e sperimentazione?? Mannaggia a te! XD
      Bellissimo ricordare quella pagina di lancio... effettivamente c'è da dire che la Fininvest/Mediaset, su Sailor Moon, ci ha sempre puntato molto sin da subito. Era una pianificazione coi controcazzi: una cosa che risuccederà solo con Pokémon e Dragon Ball!

      Moz-

      Elimina
    2. Chibiusa per me era la versione bambina di Kiki dei Cavalieri dello Zodiaco XD
      Quel moccioso psichico mi stava sulle balle, quando uno degli sgherri di Nettuno li ha preso a calci... un po' ci ho goduto XD

      Elimina
    3. Ahahahaha! Vero, comunque: ma secondo me lo fanno apposta a inserire bambini sfasciacoglioni nelle opere^^

      Moz-

      Elimina
    4. Sarà per levarsi una soddisfazione nei confronti dei fratellini :P

      Elimina
    5. Ahah potrebbe essere!^^

      Moz-

      Elimina
  8. Come per tutti i cartoni che non mi piacevano ascoltavo la sigla, cambiavo canale (in questo caso mettevo su GoCart su Rai 2) e poi rimettevo con la sigla finale xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahah, almeno la sigla ti piaceva, mi par di capire.
      Però noi in Italia siamo stati fortunati, su questo versante...! :)

      Moz-

      Elimina
  9. Sailor Moon me la ricordo, anche se ovviamente, la guardava solo mia figlia. Come ti ho detto io adoro Topolino e Paperino ecc. Siccome mio marito è giapponese conosco qualche cartone tipo Doraemon ecc. ma non ci vado pazza. Buon weekend cara.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh, bello però questo mix culturale, con un marito giapponese! *__*

      Moz-

      Elimina
  10. Sicuramente una delle preferite di mia figlia quando era piccola. Spesso provava anche a disegnarla e non le veniva malaccio. Un saluto a te.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh figo figo: vedi cosa amo? Ricordare queste cose con voi che le condividete.

      Moz-

      Elimina
  11. Oh, scusa .... ho appena visto che questo blog è gestisto da un uomo! Che sbadata!

    RispondiElimina
  12. Io e le mie sorelle, seppur cresciute in anni diversi, abbiamo amato tantissimo S.M (poi immagina, essendo tutte femminucce, le liti a suon di "io sono Sailor Moon" "no, tu sei Sailor Mercury, Sailor Moon sono iooo!"). Avevo pure lo zainetto di scuola a tema *.*
    Però devo ammettere che non la vedo da così tanti anni che non me la ricordo praticamente più :/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha sì, ci credo! Che poi, voglio dire, essere Sailor Moon era quasi da sfigate, essendo la più cessa tra tutte XD

      Moz-

      Elimina
    2. Bunny cessa? Non sarà bella come Minako (Marta) la più figa di tutte ma ad averla una ragazza così... Solare, simpatica e mangiona... 😄

      http://www.onlyshojo.com/Immagini/Sailor%20Moon/Moon345.JPG

      Elimina
    3. Intendevo non come bellezza, ma come poteri e capacità combattive ^^;

      Moz-

      Elimina
    4. Ma figurati, no prob! :D
      Lei era quella che risolveva con la bacchetta, ma prima le mazzate le davano (e se le pigliavano) tutte le altre XD

      Moz-

      Elimina
  13. Mi ha sempre irritato. Questione di gusti.Dylan.

    RispondiElimina
  14. Ho sempre adorato Sailor Moon e lo sai bene.
    La prima sigla è sicuramente la mia preferita, ma non ricordo onestamente le puntante al punto da poterti dire se una stagione mi sia piaciuta più di un'altra.
    Quando lo becco in replica mi capita di spiarlo ancora.
    Buon compleanno, Bunny.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Su RaiGulp c'è il remake: puoi approfittarne per farlo vedere anche a tuo figlio, almeno cresce bene e non per forza con robaccia da minorati che gira ora^^

      Moz-

      Elimina
  15. Quando lo trasmettevano andavo all'asilo: non c'era una sola bambina che non sapesse chi fosse, e non la adorasse!
    Ricordo che una volta le maestre ci chiesero di portare all'asilo un libretto che ci piaceva, e che io portai, tutta orgogliosa, l'anime comic con Sailor Mars in copertina (che custodisco ancora gelosamente).

    Così come ricordo le litigate con mio fratello per vedere gli episodi, e come lui per dispetto mi avesse rotto la bambola nuova di pacca di Bunny, prima ancora che potessi mostrarla alle mie amichette. 😢
    Fratello, ti voglio bene ma non ti perdonerò maiiiiii! XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellissimo aver portato all'asilo il libricino di Sailor Mars! *___*
      E... bruttissimo il ricordo della bambola rotta XD
      Ma alla fine è sempre tutto ciò che resta nel nostro cuore!

      Moz-

      Elimina
  16. Sono tutti bellissimi ricordi, che rimangono perché sono stati momenti felici che abbiamo condiviso con qualcuno.

    Era bella anche perché, condividendo la stessa passione, nascevano un sacco di amicizie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esattamente!! Comunque si trattava di cose aggreganti... e questo era fantastico!^^

      Moz-

      Elimina
  17. Ammetto di non conoscere il prodotto anche se qualche puntata l'ho vista. Purtroppo non mi ha mai preso più di tanto. Però mi affascia sempre il mondo che c'è dietro, quell'indotto pop-generazionale che trasforma un cartone animato in un fenomeno virale, prima, e in un'icona generazionale, poi. La ciliegina sulla torta è la polemica imbastita dalla psicologa, forse uno dei primi esempi di come la percezione della realtà su certi argomenti sia talvolta falsata dai personalismi e dai pregiudizi.
    Gran post, come al solito!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Mick!
      Vero: quando nasce un fenomeno di questo tipo, è interessante capire come sia nato, come si sia sviluppato.
      Deve per forza avere qualcosa di più, qualcosa di magico, perché altrimenti -se la formula fosse replicabile facilmente- chiunque lo farebbe, e anzi nascerebbero fenomeni simili ogni mese.

      Moz-

      Elimina
  18. Mio dio... se ci penso mi viene da ridere: ero pazzamente innamorato di Sailor Mercury :D Ma visto che da allora credo di essere maturato... beh... confermo: la amo ancora. ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io stravedevo per lei 😁

      Elimina
    2. Ma sai che, prima delle due lesborama, era la mia preferita?
      Avevo una bambolina super deformed di Mercury come portafortuna per la scuola, fino a quando non rischiai la bocciatura al quarto ginnasio :P

      Moz-

      Elimina
  19. Che forza, rivedere tutti gli spot cartacei e televisivi dell'epoca ti riporta un po' al periodo di questo piccolo grande boom... Ricordo benissimo che una sera, aspettando Game Boat, tenevo acceso il televisore sul tg4, e c'era Emilio Fede che addirittura fece una breve presentazione di Sailor Moon (non era un servizio su di lei, ma pura e semplice pubblicità) con tanto di scene tratte dalla serie! E lui che parlava della trama, del personaggio e del fatto che combatteva con lo "scettro di cristallo" (mai vista quest'arma! XD)... Sebbene fossi un fan della serie, mi sembrò decisamente esagerato questo inserimento dopo le notizie di cronaca!

    Ricordo benissimo, poi, i flashback delle prime due stagioni piazzati qua e là negli episodi della terza, ma non ricordo che avessero inserito vecchi spezzoni anche nelle puntate della quarta... Strano, perché me ne sarei accorto sicuramente (innanzitutto per le differenze nei disegni, ma anche perché avrei riconosciuto subito delle scene già viste)... Boh?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Addirittura Emilio Fede, evidentemente dev'essere stato per il lancio di Sailor Moon e il Mistero dei Sogni!
      Ricordo che, per l'occasione, misi a registrare il primo episodio (perché ero a una festa e non potevo seguirlo in tv), ma LO REPLICARONO il giorno dopo, a grandissima richiesta!! :)
      Però sì, ecco, la quarta stagione aveva inserti random tratti dalla saga di Ale e Anna.

      Moz-

      Elimina
    2. Invece a me successe, un pomeriggio, di perdermi una puntata perché andai con mio fratello a casa di un amico... ero un po' preoccupato, perché l'episodio che avevo seguito il giorno prima era cruciale (il penultimo della prima stagione, quello in cui le quattro guerriere muoiono al Polo Nord)... ma ero convinto che la battaglia finale non si sarebbe risolta in una sola altra puntata, quindi supposi che avrei perso solo una fase di quel travagliato epilogo. E invece... tutto finì con l'episodio di quel giorno, e io lo avevo perso! Il giorno successivo cominciò direttamente la seconda stagione e io non sapevo nulla di com'era finita la prima (e lo avrei saputo solo un paio di anni dopo!) Quando si dice mangiarsi le mani... -_-

      Comunque sembra che ci siano molti post su Sailor Moon, come mai non c'è una sua voce nel menu dei cult del blog? :/

      Elimina
    3. Sai che fino a qualche anno fa c'era, il logo, assieme a quello di Distretto di Polizia? Poi li ho rimossi (Quello di SM perché era in giapponese), ma appena posso ne metto un altro.
      Cazzarola, capisco... ti sei perso proprio il gran finale! :o
      Purtroppo ai tempi succedevano spesso, queste cose... al massimo ci salvava un videoregistratore, se funzionava bene^^

      Moz-

      Elimina
    4. Emilio Fede costretto a introdurre Sailor Moon cil suo scettro di cristallo è un momento che porterò nel cuore per sempre! Quanto vorrei una clip di quel momento magico su Youtube (e magari un fuorionda-furibondo, roba comune con Fede, ai tempi).

      Elimina
    5. Ahaha sarebbe un video di oltre ogni trash possibile :)

      Moz-

      Elimina
  20. ma la versione porno la conosci?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un mio amico aveva Lunatic party o qualcosa del genere. Aveva un sacco di bondage...

      Elimina
    2. Io conoscevo alcuni a fumetti...

      Moz-

      Elimina
  21. Un simpatico personaggio divenuto un mito per le ragazzine di allora, anche io seguivo, assieme a mia figlia le sue strabilianti avventure.
    Ciao fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, ma non solo delle ragazzine: è stata questa la sua forza!^^

      Moz-

      Elimina
  22. ma questa supermostra di giugno sarà a Torino? Non vedo l'ora!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Yes, a Torino presso il Museo del Fantastico.
      Ma altre iniziative dovrebbero esserci anche a Roma :)

      Moz-

      Elimina
    2. SE vieni a Torino ricordati di avvisarmi!
      Io ci andrò sicuramente, grazie per la dritta!

      Elimina
  23. Concordo che Il cristallo del cuore sia la serie e la sigla migliore!Voglio quel Monopoli!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Monopoly è davvero simpatico e divertente^^

      Moz-

      Elimina
  24. La mia serie preferita è Petali di stelle per Sailor Moon (in originale Sailor Moon Sailor Stars) l'ultima serie... Quella conclusiva che chiude la saga...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero?
      Non dico che è la prima volta, ma quasi, che mi capita di sentire Sailor Stars come serie preferita. Non è male, vero (io amo la parte con Nehellenia!) ma forse ci sono stati troppi cambiamenti...

      Moz-

      Elimina
    2. Confermo la mia preferenza. Adoro la sua atmosfera malinconica...
      I cambiamenti mi sono piaciuti molto così come i ritorni di Milena, Heles e Ottavia.
      Bellissimo anche il finale. La rinnovata veste grafica la trovo stupenda.

      Elimina
    3. Sì, il finale molto bello, anche le ultime puntate.
      Vero anche che ha un'atmosfera diversa... :)

      Moz-

      Elimina

grazie per il tuo commento :)