[MUSICA] i 20 anni di Tre Parole (V. Rossi)

         

 
V. Rossi non è né Valentino né Vasco, ma Valeria.
Inaspettato successo dell'estate 2001, lanciato il 7 maggio di quell'anno, questo singolo divenne una hit rimasta -nel bene e nel male- impressa nella mente di tutti noi.
Simbolo del disimpegno di una certa musica leggera italiana, ne divenne essa stessa il simbolo: Tre parole infatti giocava proprio sulla facilità e banalità delle rime sole-cuore-amore, elencando queste parole una dietro l'altra.



La canzone, complice una incessante rotazione in radio, divenne il tormentone estivo di quell'anno, consacrando la cantautrice anche come rivelazione al Festivalbar.
Musica orecchiabile, testo facile (anche se ricco di elementi non-sense) scritto dalla stessa Rossi con Liliana Ritcher e Francesco Cabras, ritornello d'acchiappo: Tre parole rimane in cima alla classifica fino all'autunno di quell'anno.
Nata, pare, col titolo -e testo diverso- Sono il guaritore (di cui resta in realtà qualche traccia: "c'è solo una cura, e io so che lo sai [...] sei il tuo guaritore, sei nel tuo mondo), il singolo Tre parole venne scartato dalla partecipazione a Sanremo Giovani.



Di Valeria Rossi, nata a Tripoli ma romana d'adozione, si diceva che fu scoperta mentre suonava la chitarra cantando nei sottopassaggi della metropolitana della città.
Non ho mai scoperto se fosse vero.
80 mila copie vendute, per un brano che doveva essere a un certo punto solo il jingle per uno spot di patatine.
Valeria ha pubblicato tre album, senza riuscire a replicare il successo di questo suo tormentone.
Oggi scrive anche libri, e nel 2018 ha ripresentato la sua hit su Raiuno, live:

 

          


Tre parole, un fenomeno musicale e popolare: la creazione di un hit, giocando e cullandosi proprio su certi sciocchi cliché delle canzoni più facili, ma diventando essa stessa il simbolo massimo di quel disimpegno culturale piatto ed estivo.
Ma, in fondo, ci racconta la verità: possiamo tutti guarire con la cura del sole, cuore e amore.


POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

79 commenti:

  1. Tormentone all'italiana perfetto; ce l'avrei messo anche in un cinepanettone, e forse è avvenuto davvero, oppure era una fiction in cui canticchiavano la canzone durante una scena...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Probabile: fiction come Un medico in famiglia usavano fare queste cose! 🤓💪

      Moz-

      Elimina
  2. ah... ahaa !!! Che merda di canzone!!!
    Scusami ammetto di non avere letto il post ...stavolta mi è bastato il titolo.
    Ho scritto la prima cosa che mi è venuta in mente pensando a "Tre parole".
    Poi leggo e vediamo se cambio giudizio....ma temo di no.
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di certo è una canzone emblema di ogni canzonetta, tormentone creato ad hoc... 💪💪

      Moz-

      Elimina
    2. Quali sono stati i tormentoni delle estati 2009-2020? Per quanto frivola questa canzoncina tutto sommato diverte.

      L'ultimo tormentone che ricordo è stata Giusy Ferreri nell'estate 2008 con una canzone che a me non piace più di tanto.
      Dopodiché il vuoto totale! Forse l'unica di successo quella vera m....a del pulcino Pio dell'estate 2012, ma quella era musica?

      Elimina
    3. Quella era merda XD
      Comunque, tra gli ultimi (e carini*): Da zero a cento, Roma/Bangkok, Senza pagare, Maria Salvador... ce ne sono altri, tanti, perché da qualche anno tutti si buttano su questo anche provando a non essere banali^^

      Moz-

      Elimina
  3. Musicalmente una meteora grazie al cielo. Il brano lo ricordo bene purtroppo 😁😆😄 per fortuna non ci fu un seguito a quella canzone,non almeno tale da replicare quell'infausto successo😁😁😆

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Penso purtroppo ce ne siano stati molti altri, e pure peggio... Immagina quanta merda cantata in spagnolo, per dire 😅💪

      Moz-

      Elimina
    2. Ok ma il fatto che vi sia e vi sia stata tanta spazzatura non giustifica un altro brano di m...

      Elimina
    3. Secondo me ci sono più brani di merda insospettabilmente realizzati da big che... Tre parole, che pure è una canzonetta che voleva abusare dello stesso cliché di cui è diventata portavoce 😂💪

      Moz-

      Elimina
    4. Mi intrometto...ci son brani de m...cantati da tanti big.
      Ma sti big oltre a brani de m...ne han fatti di buoni.
      Come cantava RAF ogni estate ha il suo tormentone.
      Purtroppo Valeria Rossi dopo questa non ne ha fatte altre di “ buone”...e la figura di m..l’ha fatta pure ad Ora o mai più, dove steccava paurosamente nelle canzoni che le proponevano.
      Oggettivamente e na cantante de m...

      Elimina
    5. Ma in effetti forse non è nemmeno il ruolo che vuole ricoprire... le è andata di classe con questo brano, per una serie di circostanze strane e fortunate^^

      Moz-

      Elimina
    6. un paio d'anni dopo cantò anche "Luna di lana"

      Elimina
    7. Ciao Anto!
      Yeah, stesso genere "sognante"^^

      Moz-

      Elimina
  4. Una delle tante canzoni belle dei 2000 che è sempre piacevole da riascoltare.
    È banale ma ancora simpatica.
    L'intro con la chitarra mi fa venire un po' di malinconia.
    La sua prima e ultima canzone apri e chiudi carriera.
    La Rossi dopo pochissimi anni dal debutto era già stata dimenticata e scomparsa.
    Pochi ora la ricordano solo chi conobbe la canzone ai tempi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, confermo.
      Ebbe un grande momento di gloria, sicuramente molta fama, ma probabilmente oltre chi l'ha vissuto, in pochi sapranno chi sia...

      Moz-

      Elimina
  5. Tutto sommato una simpatica canzone simbolo di un'estate tutt'altro che positiva ricordiamo gli scontri del G8 a Genova,l'attentato delle torri gemelle ed alcuni fatti di cronaca come il delitto di Arce, in quella strana estate nasceva il Governo Berlusconi II dopo le trionfali elezioni politiche, la Roma il 17 giugno 2001 vinceva il suo terzo scudetto l'ultimo vinto da una squadra che non sia di Milano o Torino, continuava la Pokémon mania con l'uscita dei recenti Oro e Argento per Game Boy parallelamente alla Dragonball mania grazie agli episodi in prima TV della serie GT, ultima estate anche della Lira...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, un'estate simbolica e di fine/inizio di tante epoche, anche personali per me...
      Ma siamo ancora qui a volere quelle tre parole 💪🤓🤩

      Moz-

      Elimina
  6. Ho adorato questa canzoneeeeeee!!!
    Tuttora mi capita di canticchiarla senza una ragione. Ahahha
    Insomma, proprio come accade traducendo alcune hit inglesi famosossime degli anni '70 e,'80, anche in questo caso un testo banalissimo si è trasformato in un tormentone.
    Non sapevo francamente che la Rossi avesse registrato altri album. Pensavo vivesse di rendita dai diritti di questo unico brano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente qualcosa percepisce ancora, lei comunque ora scrive ma meriterebbe una seconda occasione magari con un testo meno spensierato... 💪

      Moz-

      Elimina
  7. 20 anni dopo mi interrogo ancora su:"Slacciati la faccia" :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse un modo per dire "mostra il tuo vero volto", chissà 😅😂

      Moz-

      Elimina
  8. mamma mia e come si può dimenticare, ricordo che davvero la cantavano da tutte le parti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente sì: l'esempio di rima baciata più elementare, tradotto a hit^^

      Moz-

      Elimina
  9. Vent'anni... siamo invecchiati Miki, siamo invecchiati!
    Fatta questa tragicomica premessa, la canzone non era un capolavoro di testo e musica ma giustamente hai sottolineato il tormentone che è stato. Lei non era manco male come donna e ha sfruttato un'ottima occasione per costruirsi il suo momento di gloria. Il suo mancato successo negli anni a seguire penso sia legato al fatto che non aveva una grandissima visione musicale, secondo me. Di certo, difficile non ricordarla visto che l'hanno piazzata ovunque e dappertutto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, io non so lei da dove provenisse.
      Sapevo appunto che suonava per strada (sarà vero?), poi che le proposero un jingle per patatine.
      La canzone era nata non per essere così "sciocca", inoltre... ma questo forse prima del jingle. Boh...

      Moz-

      Elimina
  10. Di Valeria conosco solo Tre parole, che avesse addirittura pubblicato 3 album lo ignoravo, che fosse diventata anche una scrittrice mi lascia basita perché non ho mai incrociato un suo titolo pur frequentando assiduamente le librerie (ora mi hai fatto venire curiosità).
    Ma... quella canzone io l'ho adorata! *_* Che ricordi magnifici di quell'estate! Stavo in fissa con Tre parole e Mareluna di Pino Daniele. Facevo così:

    Mareluuunaaaaa questa notte sarai mia ancora
    e dammi tre paroooleee, sole cuore e amoooreeeee...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehehe innamoratissima e spensierata.
      Ma forse è questo: è una canzone per chi, all'epoca, NON AVEVA PENSIERI di sorta.
      E ci sta.

      Moz-

      Elimina
  11. Bello schifo. Di quell'estate meglio la controparte francese Alizee.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..... che venne l'anno successivo!

      Elimina
    2. Oddio Moi Lolita è del 2000, no?

      Moz-

      Elimina
    3. Da noi fu tormentone nel 2002 come asereje delle Las ketchup lo ricordo benissimo, se fosse uscita prima nel suo paese Bohr.
      Se hai guardato Wikipedia che mette il 2000 lascia stare che molto spesso ci mette informazioni sbagliate.

      Elimina
    4. boh non Bohr(ma che è?!)

      Elimina
    5. Beh però io Moi Lolita me la ricordo effettivamente prima del 2001... forse mi confondo?

      Moz-

      Elimina
  12. 2001, estate berlusconiana che finì molto male... (da Genova alle Torri Gemelle)
    si cantavano molte canzoni sceme: IO E LA MIA SIGNORINA, LA LUNGA ESTATE CALDISSIMA, VIVA EL AMOR, IO CON LA RAGAZZA MIA TU CON LA RAGAZZA TUA
    A me piaceva solo ME GUSTAS TU di Manu Chao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo, fu un'estate musicalmente disimpegnata forse perché stava succedendo di tutto, come gravità delle questioni...

      Moz-

      Elimina
  13. minchia, già vent'anni?
    E dire che all'epoca ero già "grandicello" (14 anni da compiere, la fine delle medie e l'inizio dello scientifico), come è possibile che siano passati già vent'anni?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo tempus fugit... anche se noi restiamo sempre noi stessi, per fortuna.
      I vent'anni passano per gli altri, noi abbiamo sole, cuore e amore^^

      Moz-

      Elimina
  14. Ora ti sorprenderò (o forse anche no), ma anch'io adoro questa canzone così semplice e ariosa. Forse mi piace anche perché la musica è identica a quella di Torn di Natalie Imbruglia e mi piaceva molto pure quella (e pure Natalie). I ritornelli delle due canzoni seguono una metrica diversa, ma se provi a cantare quello di Tre Parole sulla base karaoke di Torn, ci sta perfettamente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, avevo notato anche io questa somiglianza con Torn... dopotutto non sarebbe il primo caso del genere.
      Comunque, canzone che rischia di essere odiosa/fastidiosa specie se sei in quella fase che devi sentirti i capelloni rumorosi (e io amo il rock, sia chiaro)^^

      Moz-

      Elimina
  15. Un bel tormentone sì, di quelli genuini ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Col richio collaterale di essere odiosi, ma sì^^

      Moz-

      Elimina
  16. canzone allegra e piacevole, anche lei mi sta simpatica...
    in seguito ho ascoltato altre sue canzoni che mi sono piaciute, tipo "Luna di lana" e "Pensavo a te"... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Luna di lana ha provato a replicare un po' il nonsense sognante di questa, ma secondo me era inferiore...

      Moz-

      Elimina
  17. PS... invece su fb ho letto un sacco di commenti brutti pure su "luna di luna"... ecco perchè preferisco commentare qui...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Giurassico Ale, i social sono il regno dei disagiati :(
      Persino per una canzoncina riversano il loro malessere...

      Elimina
    2. Ahaha, devo dire che chi ha commentato su FB è gente davvero tranquilla, giuro.
      Semplicemente i social si prestano di più (essendo personali) anche a fare i finti spocchiosi... fa pure ridere^^

      Moz-

      Elimina
  18. Tormentone come tanti.
    Di getto ricordo solo un aneddoto: l'ape in costume era interpretata dall'attore protagonista di Ovo Sodo di Virzì. Tempo fa l'ho letto su Wikipedia e ho voluto farvene partecipi.
    Giù

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esattamente!
      Il video francamente, comunque, è niente di che: lei che sbraccia fingendo divertimento^^

      Moz-

      Elimina
  19. Me la ricordo a Bologna, apertura del concerto di Vasco Rossi, con un uomo travestito da mucca pezzata al guinzaglio, pronunciare le parole più belle che la musica italiana abbia mai conosciuto
    "nella notte mi consola
    il budino alla nocciola!"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente frase molto più sensata di tante canzoni che quella sera sarebbero venute sul palco XD

      Moz-

      Elimina
  20. Come me la ricordo quell'estate da sedicenne di sole cuore (spezzato) amore ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caspita... mi dispiace, ma capisco... perché sicuramente anche per me fu così... si spezzava e si veniva spezzati!

      Moz-

      Elimina
  21. Io non l'ho odiata questa canzone, anche se ce l'hanno propinata a sfinimento. Per me c'era un fondo di ironia ed autoironia (della stessa cantante)che non era male. E pure un giro di chitarra semplice, ma. Certo non un capolavoro, ma di roba ben peggiore ne è passata. Ai voja!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, esatto: era autoironica, si faceva carico delle rime baciate pù fesse della musica italiana, ma si intrappolò in quel suo stesso ruolo^^

      Moz-

      Elimina
  22. Ovviamente la ricordo (impossibile non averla mai sentita), ma rilancio, sempre dello stesso anno ma sul lato dell'impegno, le canzoni di Manu Chao dal disco Próxima estación: Esperanza, colonna sonora di una generazione, quella di Genova 2001, per l'appunto ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ricordo anche quella, purtroppo legata a tutta una situazione particolare... Anche la manifestazione sempre considerata troppo retorica, al di là delle tragedie che sono avvenute...

      Moz-

      Elimina
    2. Vabbè, manu chao era ed è su un altro livello, un altro pianeta. E la manifestazione di genova, se pur poteva avere della retorica al suo interno, ha mosso forze ed energie che da tempo non si vedevano. Solo le torri gemelle e la seguente e (ma solo apparentemente) conseguente guerra globale sono riuscite a soffocare il tutto

      Elimina
    3. Sì, ovviamente non è un tipo di musica comparabile.
      Vero per le energie smosse a Genova, purtroppo infangate da altrettante energie, ma era tutto parte di un gioco più grande.
      Le mie energie sono alternative ;)

      Moz-

      Elimina
    4. C'è retorico positiva e retorica negativa: quella ci cercare un altro mondo possibile non ha paragoni con nessuna altra, come la musica di Manu Chao. Ciao.

      Elimina
    5. Ma forse non è facendo una manifestazione, che si crea o cerca un altro mondo possibile... boh, io sono per il farlo dal piccolo.

      Moz-

      Elimina
  23. Era l'anno del mio militare, quindi la ricordo fin troppo bene. E poi, devo ammetterlo, avevo una cotta per lei! 😅❤

    RispondiElimina
  24. ☀️❤️��

    RispondiElimina
  25. Probabilmente è una delle canzoni che sono state più storpiate in assoluto per farci parodie (che già il testo originale non scherzava...)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha assolutamente, io stesso ne conosco 3-4 da quella sciocca a quella porno^^

      Moz-

      Elimina
  26. Sono quelle canzoncine simpatiche che alla fine ti seducono almeno per un'estate. Ammetto che io canticchiavo pure Domenica d'estate di Seba...

    RispondiElimina
  27. Fu un vero e proprio tormentone che mi venne a noia prestissimo, come spesso succede con quelle canzoni che passano in radio 100 mila volte in un giorno :D
    Comunque ha fatto il suo corso: sono passati 20 anni eppure tutti ancora ce la ricordiamo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esattamente: penso sia così dentro l'immaginario, e per vari motivi, che sarà una delle canzoni italiane più ricordate di sempre e in assoluto.

      Moz-

      Elimina
    2. Moz tu che sei a contatto con le generazioni piccole ci sai dire se i bambini delle elementari, i ragazzini delle medie e i ragazzi delle superiori ma anche le matricole dell'università la conoscono?

      Elimina
    3. La conoscono, per quel che ho potuto capire, solo nel ritornello... come noi conosciamo Nel blu dipinto di blu (Volare, oh-ohh)^^

      Moz-

      Elimina
  28. Che brutto ricordo!!Detestavo questa canzone!!!!Fastidiosissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Effettivamente a furia di passarla, poteva scendere sugli zebedei^^

      Moz-

      Elimina