[FUMETTI] guida alla migliore edizione italiana di Berserk

 

Qual è la migliore edizione italiana del manga Berserk, scritto e disegnato da Kentaro Miura?
Una domanda che da anni corre tra i gruppi di fan, lettori di vecchia data o nuovissimi che intendono approcciarsi all'opera.
In Italia abbiamo attualmente ben quattro edizioni distinte, di Berserk: l'edizione regolare (comunemente chiamata "sottiletta"); la Collection, la Maximum e la Collection Serie Nera.
Andremo ad analizzare ognuna di queste edizioni, per provare a capire quale sia la migliore, o almeno... quella meno peggio!


Sì, dobbiamo partire da un presupposto: in Italia non esiste un'edizione di Berserk che sia "migliore", perché tutte hanno diversi difetti che ci trasciniamo da anni.
Pensiamo ai nomi traslitterati in modo impreciso quanto non addirittura fastidioso (vedi i vari Gatsu, Grifis, Pak...); anche concetti, luoghi, formule, creature spesso sono stati adattati in maniera imperfetta (vedi il Clifoto/Qlipphot, le preghiere, il kerpee/kelpie o i pisky/pixie...).

Se è vero che molti di questi problemi derivano dall'infelice edizione spagnola anni '90, su cui la Panini si basò per la nostra edizione italiana, è altresì vero che pure in Italia sbagliamo e continuiamo a farlo.
Per approfondire, comunque, vi rimando all'articolo sull'edizione italiana di Berserk, tra adattamenti e censure (CLICK).

Se amate l'opera, non perdete



EDIZIONE REGOLARE
Lettura ribaltata rispetto all'originale.
In edicola dall'agosto 1996, spezza in due parti il volume giapponese (dividere in "sottilette", cioè pubblicare più albi ma a foliazione ridotta, è stata una pratica molto comune nell'editoria manga del nostro Paese).
I primi volumetti provengono da un'edizione spagnola e si portano dietro censure e traduzioni davvero pessime, tuttavia gli stessi hanno raggiunto valore considerevole nel mondo del collezionismo.




Ma proprio perché -per almeno le prime sette/otto uscite (corrispondenti ai primi quattro tankobon originali)- i testi sono pietosi (con errori riguardo la trama stessa e i concetti dell'opera) e sono presenti censure (per chi vuol saperne di più, rimando sempre a questo post), e pure la resa grafica è abbastanza raffazzonata, sconsiglierei di recuperare questa edizione.
Che è comunque la prima, e quindi -anche nelle uscite più recenti, nonostante ormai ci sia una cura editoriale ottima- non è mai stata esente da errori poi corretti nelle successive ristampe.





EDIZIONE COLLECTION

In edicola dal maggio del 2000, raccoglie i precedenti albi "sottiletta" riaccorpandoli a formare i volumi uguali all'edizione giapponese.
Resta tuttavia la lettura all'occidentale, che ribalta le tavole.
I primi otto volumi della Collection propongono un'edizione nuova, riadattata ex-novo, riprendendo le tavole dal Giappone e non più utilizzando quelle spagnole.
Sopravvive, per svista, qualche leggera censura nei disegni.
Le imprecisioni e gli errori nei testi, presenti nelle "sottilette" sono qui corretti tutti o quasi, ovviamente dove possibile (i nomi sbagliati non vengono corretti, quindi, anche per evitare due linee editoriali diverse per un prodotto che invece deve semplicemente "riversare" i contenuti del primo e riproporli).




EDIZIONE MAXIMUM
Dall'estate 2004.
Tra i pregi, il grande formato che permette di godersi pienamente le tavole di Miura, e la lettura alla giapponese.
L'edizione proviene da una analoga versione "maxi" tedesca, sempre della Panini.
Ciò comporta che alcune onomatopee presentano scritte in tedesco (schachmatt!) o addirittura... i nomi corretti!
Esattamente: in Germania, la stessa Panini ha traslitterato correttamente il nome dei personaggi, e così anche nella Maximum italiana succede di poter leggere il giusto Griffith invece che l'orribile Grifis:




Tuttavia, e anche parlando oltre la terribile grafica fluo di copertina, la Maximum è ben lontana dall'essere esente da errori: riversando traduzioni prese dalle due edizioni precedenti, succede che vi siano rimandi assurdi a volumi "sottiletta" o addirittura errori di traduzione, ora che l'opera non è più "specchiata".
Sì, perché se la "sottiletta" e la Collection avevano i disegni ribaltati specularmente, Guts -che non ha più il braccio sinistro- si ritrova ad avercelo, e quello col cannone da sinistro gli diventa destro.
Le traduzioni italiane anni '90 si erano adeguate di conseguenza, rendendo (nei testi) mancino il personaggio, ma le stesse sono state usate nella Maximum sebbene ora i disegni abbiano il verso corretto:



Proprio nella Maximum, non mancano purtroppo errori editoriali, come una tavola evidentemente perduta e ripresa dalle versioni precedenti (appare molto sgranata, e... ribaltata rispetto al resto):




ma per fortuna le traduzioni correggono dove possibile gli errori precedenti:


errore nell'ed. regolare e nella Collection, corretto nella Maximum


e soprattutto, la Maximum è l'unica edizione che non presenza censure visive.


Collection e Maximum a confronto



COLLECTION SERIE NERA

È semplicemente la ristampa della Collection, con copertina dai bordi neri: l'edizione è la stessa, così come i contenuti all'interno.
Recentemente sta uscendo in box: alla fine della fiera, pur presentando qualche errorino, è ciò che consiglierei a chi intende leggere e collezionare Berserk, anche perché è quella più semplice da recuperare.



Ma in finale: la migliore edizione italiana di Berserk non esiste; ognuna di queste ha qualche imperfezione, ed è migliore rispetto alle altre per qualche dettaglio, peccando magari in altri frangenti.
Non c'è alcuna edizione davvero definitiva; la aspettiamo ancora, magari col look visto nel romanzo su Gurnbeld (recensione QUI) o quello analogo dell'Official Guidebook (recensione QUI).
Un'edizione che presenti nomi originali e traduzioni più corrette.
Chissà se arriverà mai.


LEGGI ANCHE

23 commenti:

  1. Io aspetterò l'edizione definitiva quando il manga sarà concluso (verrà concluso?). Solo allora mi butterò nell'acquisto! Per ora ho la mia cara orrida versione sottiletta! xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente qualche altra edizione la faranno, però temo che i nomi non li correggeranno mai... E ci terremo Gatsu e Pak a vita! 😅😭😅😭

      Moz-

      Elimina
    2. Idem, d'altronde anche per altri manga si sono viste edizioni da "collezione" (e non di nome) solo molto tempo dopo.

      Per i nomi amen, ormai tra l'altro sarebbe difficile "convincermi" a chiamarli diversamente, troppo raditcati.
      Sono uno che ancora dice gundam e non gandam...

      Elimina
    3. Eh però con Berserk è più facile, grazie alla serie TV e i film, che dal 2001 ci hanno dato i nomi giusti... Peraltro la stessa Panini ha usato i nomi corretti (Guts, Puck) quando ha pubblicato Verserò Prototype...
      Io non mi rassegnerò mai per il fatto di Gazzu... 😅😭

      Moz-

      Elimina
  2. Avremo un'edizione definitiva, senza errori e con senso di lettura originale, quando il manga sarà finito, più o meno fra cento anni...
    Ci abbiamo messo una vita per avere Akira impaginato come si deve, con Berserk ci vorrà più o meno lo stesso tempo. 😅

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, purtroppo temo anche io, quindi... diciamo tra dieci anni^^

      Moz-

      Elimina
  3. Io continuerò con l'edizione sottiletta, la prima, perché è quella con la quale ho cominciato.
    Non sapevo che i primi numeri avessero raggiunto anche un buon valore di mercato; in effetti al tempo feci parecchia fatica a recuperare un numero, mi pare il 2. Anzi, fatica non è che ne ne feci, ma aspettai un bel po'. (questo perché iniziai a recuperarlo circa un anno, un anno e mezzo dopo che era cominciato)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, i primissimi numeri valgono abbastanza... diciamo che Berserk in sé ha diversi volumi introvabili (anche come Collection o Maximum)...
      Comunque, la sottiletta oggi va più che bene, il problema sono le prime dieci/dodici uscite...

      Moz-

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    3. gatz7613 apr 2021, 23:17:00
      Anche alcuni maximum sono difficili da reperire? Io ho tutti i numeri usciti 😉 comunque le copertine fluo sono davvero orribili!

      Elimina

      Elimina
    4. Sì, sono difficilissimi e li vendono a prezzi alti: hai un piccolo tesoro^^

      Moz-

      Elimina
  4. Hai detto tutto. Cos'altro aggiungere? Tra l'altro oltre agli errori nelle traduzioni e nelle tavole, direi che ultimamente fanno abbastanza schifo anche le rilegature di Planet Manga: anche i volumi della Collection Nera non stanno uscendo proprio perfetti tra scollamenti e schifezze varie. Ma ovviamente, come hai anticipato, è solo la versione nera della Collection normale. Se vogliamo impostare il discorso come l'hai fatto tu allora non esiste un'edizione migliore ma esiste sicuramente qualcosa di consigliabile. Io ad esempio consiglierei ugualmente la Collection perché è quella più fattibile per recuperare velocemente tutta la storia. Spero anche io che alla fine venga fatta una versione tutta orientale nella lettura e con copertine di una certa qualità (non che altri manga abbiano ricevuto trattamenti diversi ma fino ad ora io ho avuto problemi solo con Berserk)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, tra tutto e considerando tutto, direi che la Serie Nera è ciò che consiglierei, conscio che non è minimamente un'edizione perfetta...
      Effettivamente, appunto, l'edizione perfetta non esiste.

      Moz-

      Elimina
  5. di tanto in tanto provo a leggermi qualche scan... più che altro per ammirare l'impostazione della tavola, mi piace il modo in cui viene gestita in questo genere di manga...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, ti consiglio proprio di leggerlo tutto, per bene: Berserk è una tra le migliori opere di sempre^^

      Moz-

      Elimina
    2. troppi combattimenti, per i miei gusti ┐(´д`)┌

      Elimina
    3. Però sono combattimenti non da shonen... son fighi e pesanti :D

      Moz-

      Elimina
    4. appunto, ancora peggio.... quelli da shonen un po' lì tollero (• ▽ •;)

      Elimina
  6. Io seguo la serie regolare da tempo immemore e confermo che alcuni testi sono illeggibili, specie quelli dei primi due, tre volumi, che presentano anche problemi di rilegatura visto che le pagine di alcuni di essi si sono persino scollate.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, per non parlare proprio della resa... ci sono disegni che nemmeno si comprendono, guarda la sequenza del Conte che mangia le persone... :o

      Moz-

      Elimina
  7. Infatti è uno dei motivi che mi hanno frenato dall'iniziare a leggere Berserk (oltre al fatto che non si sa se finirà mai). Però prima o poi mi piacerebbe iniziare... magari quando esce la perfect edition tra dieci anni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, tra dieci anni sarà finito davvero^^

      Moz-

      Elimina