[SIGLE TV] È un po' magia per Terry e Maggie (C. D'Avena, 1996)

          

 
Andato in onda su Canale 5 nella primavera del 1996, È un po' magia per Terry e Maggie venne subito apprezzato dal pubblico specialmente femminile: una storia classica, semplice, di ragazzi e con un pizzico di fantasia magica tipico delle produzioni giapponesi (di allora, perlomeno).
Miracle Girls, questo il titolo originale, è tratto dall'omonimo manga (arrivato anche da noi, a puntate e poi in monografico, dal 2000).



La serie racconta le vicende di due gemelle, Terry e Maggie, dotate di poteri ESP che ancora non conoscono e controllano bene: per loro, comunque, l'interesse è nella vita di tutti i giorni, nonostante appunto ci sia un po' di magia nelle loro giornate.
La storia si intreccia con quella di un piccolo regno europeo, mentre batticuori e nuovi amici movimentano storie scolastiche, sportive e quotidiane.
Terry è un maschiaccio pieno di vitalità, Maggie è più calma e studiosa.
La sigla, interpretata da Cristina D'Avena e il coro dei Piccoli Cantori di Milano, è stata scritta da Alessandra Valeri Manera e musicata da Valeriano Chiaravalle.




Dal testo sbrigativo e di facili rime (amore, cuore e tutto il campionario) racconta vagamente il fulcro della trama, coi poteri e coi due fidanzati: alcune parti del testo sono effettivamente cringe.
Ripetizioni al risparmio (brillio / brillano) ma un pre-ritornello che funziona almeno musicalmente.
Nonostante quelli che sembrano evidenti difetti, la sigla in sé paradossalmente non è malaccio ed è simpaticamente ricordata tra i brani daveniani dei tardi anni '90.


IL TESTO
Due gemelle, semplici sorelle
con qualcosa in più: Terry e Maggie magic girls...
Due magiche gemelle, entrambe molto belle
san teletrasportarsi sempre qua e là;
han due fidanzati, davvero innamorati

C'è un brillio negli occhi, e batte il cuore
se si accende il fuoco dell'amore,
emozioni forse uniche, sensazioni quasi magiche...

È un po' magia per Terry e Maggie,
che vanno qua e là senza viaggiare...
è un po' magia per Terry e Maggie,
che hanno due ragazzi splendidi.

E batte batte forte il cuore, 
e gli occhi brillano se c'è l'amore...
È un po' magia per Terry e Maggie,
al confine tra sogno e realtà.

Due splendide gemelle,
a volte un po' monelle
che sanno indovinare la verità...

È un po' magia per Terry e Maggie,
batte batte forte il cuore, quando palpita l'amore


Ami le sigle italiane? Leggi anche

35 commenti:

  1. MOz, un salto negli anni addietro...il mio figliolo era piccolo, piaceva anche a me eheh

    RispondiElimina
  2. Amavo anime e manga (del resto le maghette mi sono sempre piaciute, anche se qui si va più verso lo stile di Mami/Martina, visti i poteri ESP) ma la sigla era una di quelle che non sopportavo. E non era tanto la Cristinona nostra, bella e brava o l'ottimo arrangiamento quanto i parolieri dell'epoca, santoddio... ok, non dovevi essere Mogol per scrivere una sigla dei "cartoni" in quel periodo (anche se i giappi già se ne uscivano da anni con capolavori come Night of summer side e noi avevamo avuto un Nico Fidenco che con Jane e Micci aveva raggiunto il top) ma un minimo di decenza non avrebbe guastato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, diciamo che c'è una concezione diversa tra sigle jap (nel 99% dei casi canzoni pop vere e proprie) e sigle italiane.
      Questa sigla qui non è male e si fa ricordare, mi piace molto l'attacco iniziale con quell'effetto, ma il testo è davvero poca roba.

      Moz-

      Elimina
    2. Gravo - L'alternativa c'è27 lug 2021, 12:41:00

      La sigla di Orange Road per quanto musicalmente bella aveva un testo molto meno dignitoso di Terry e Maggie.
      Almeno qui non ci sono falsità come nel caso di Johnny dove viene detto che il protagonista sa leggere nel pensiero... Cosa più sbagliata che poteva scrivere AVM :(

      Elimina
    3. Eh, qui dicono che le due sorelle indovinano la verità...

      Moz-

      Elimina
    4. Quasi tutte le sigle scritte dalla signora Alessandra Valeri Manera presentano evidenti difetti.

      Elimina
    5. Molte sì, ma puntavano sulla semplicità e hanno vinto...

      Moz-

      Elimina
  3. canzone che ancora canticchio ogni tanto, per cui credo che adempisse al suo ruolo alla grande (come dice Algoz, "in verità noi seguivamo le sigle, quasi mai i cartoni" xD).

    l'anime non m'è mai piaciuto particolarmente, un po' come tutti i cartoni indirizzati alle ragazze, dove il tocco magico era semplicemente l'aggiunta ad una banale soap opera, se ricordo bene.

    Che poi perché sempre con sta magia (qui, come la "quasi magia" di Johnny Kyosuke) quando erano "banali" poteri ESP? sempre a tagliare con l'accetta per semplificare tutto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma infatti le sigle si conoscono tutte, vuoi anche per i vari Fivelandia e via dicendo... era molto molto presenti, come prodotti (le sigle, non le compilation) era impossibile non sentirle.
      Esatto, ma sai che io amerei Johnny e queste senza poteri e magia?

      Moz-

      Elimina
    2. Gravo - L'alternativa c'è27 lug 2021, 12:32:00

      Anime come Terry e Maggie (Miracle Girls) rientrano nel genere maho shojo dove gli elementi magici devono esserci per forza... Altrimenti sarebbe uno slice of life che andrebbe benissimo lo stesso... Sempre bello rimarrebbe :)

      Off topic

      Orange Road senza i poteri ESP sarebbe meno divertente.

      Elimina
    3. nah, avessero fatto 900 puntate solo incentrate su Madoka seduta che contempla l'infinito, mi sarebbero venuti lo stesso gli occhi a cuoricino xD

      Elimina
    4. Ehehe, anche per me senza magia sarebbero migliori, slice of life, una sorta di soap giovanile alla Rossana...

      Moz-

      Elimina
    5. Quindi il genere maho shojo al quale appartiene Terry e Maggie non ti piace?

      Comunque Terry e Maggie senza l'elemento magico sarebbe tutta un'altra storia.

      Elimina
    6. Non che non mi piace, ma rispetto alle majokko anni '80 dove l'elemento era fondamentale, in queste storie (come anche in Orange Road) non lo è, ci si può godere la storia degli intrecci amorosi...

      Moz-

      Elimina
    7. Gravo - No alla riforma Cartabia29 lug 2021, 19:35:00

      Nel caso di Terry e Maggie la magia è il fulcro della storia.
      Leggi su Wikipedia o da un'altra parte la trama della storia.
      Perdipiù senza, magia avremmo perso le scene comiche del prof. Kaspar...
      Comunque Terry e Maggie nella mia top 30 anime.

      Diverso il discorso di Orange Road love commedy di 150 + capitoli dove la magia rende le storie un tantino più varie...
      Tu avresti voluto perdere i vari capitoli ambientati negli universi paralleli, il capitolo dell'orologio, i capitoli del viaggio nel tempo, la storia del fidanzamento dei genitori di Kyosuke nell'isola proibita?

      Elimina
    8. Non dico questo... ma penso che una storia come Orange Road poteva funzionare benissimo anche senza magia... visto che si tratta di un classico triangolo amoroso che si complica tantissimo^^

      Moz-

      Elimina
  4. Gravo - L' alternativa c'è27 lug 2021, 10:52:00

    Sigla bellissima e anime splendido! Conosco anche le opening/ending giapponesi ma in questo caso preferisco la sigla italiana.
    Grazie a questo anime scoprii la leggenda del abominevole uomo delle nevi protagonista di un
    episodio.
    Episodi quasi sempre gradevoli e trama tutto sommato interessante, bella la grafica colorata e tenue.
    Il mio personaggio preferito: senza dubbio Yari (nome originale Kohei Yamaghishi) doppiato ottimamente da Nicola Bartolini Carrassi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, erano anime che, essendo dei primi anni '90 come ad esempio Un fiocco per sognare, erano... ancora molto belli, semplici, tenui.
      C'era ancora una quotidianità che in seguito ho ritrovato in parte solo in Doremì.

      Moz-

      Elimina
  5. Nah, a parte che non ho mai visto, sigla abbastanza insipida per me, comunque sembrerebbe Johnny in versione doppio femminile :D

    RispondiElimina
  6. Questo anime mi manca Miki, deve essere andato in onda negli anni seguenti a quelli in cui io solevo stare davanti alla tv a vedere questi cartoni. Un saluto e serena settimana buona continuazione di estate

    RispondiElimina
  7. Mia nipote adorava questo cartone animato, ma devo dire che piaceva anche a me. Terry e Maghy, le gemelle con i capelli ed i caratteri diversi. Bello riascoltare la sigla. Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, una cosa semplice che funzionava...

      Moz-

      Elimina
  8. La sigla è bella, del cartone -come di tanti altri di quel periodo- non ricordo nulla...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti alcune volte (anzi la maggior parte) ricordiamo la sigla e non il contenuto dell'opera...^^

      Moz-

      Elimina
  9. Il testo lo trovo bruttino ma come sempre è una sigla orecchiabile e quindi ben impressa nella mia mente! ^^

    RispondiElimina
  10. Un cartone che ho amato molto e una sigla che canticchio ancora oggi per la sua musicalità fantastica, al di là del testo troppo... Semplice.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, resta veramente impressa... ha funzionato, nonostante il testo sciocchino.

      Moz-

      Elimina
  11. no, quell'errore di battitura nel primo paragrafo quando presenti il titolo dell'anime nn se pò leggere LOL

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio quale??
      Dimmi così correggo!!! 👍☺️

      Moz-

      Elimina
    2. "Andato in onda su Canale 5 nella primavera del 1996, È un po' mangia(MANGIA!!) per Terry e Maggie".
      Ahaha mentre scrivevi stavi pensando ai Bueno dell'argomento seguente ecco perché hai sbagliato! Mangione!

      Elimina
    3. Ahahah grazie mille, ho corretto tutto *___*

      Moz-

      Elimina