[MUSICA] Litfiba Road to 40: ritorno agli anni Ottanta (2013)

 

Prima che farlo diventasse una moda, i Litfiba battono tutti sul tempo e rispolverano i loro classici degli anni '80.
Un revival del loro periodo più magico, il migliore secondo molti; quello che suonava oniricamente/oscuramente new wave prima che il rock la facesse da padrone.
Quel che voleva essere un tributo alla storia e gloria della band, ai membri originali e a un momento di forte ispirazione (gli album della Trilogia del Potere) diventa un inaspettato successo.


E non era così scontato, perché tale operazione è quanto di meno commerciale si possa immaginare, visto che i Litfiba sono noti alle grandi platee praticamente per la loro produzione che va dal 1990 in poi: e invece qui non viene riproposto nessun brano di ampio successo radiofonico, escludendo Tex.
È semplicemente un viaggio negli anni '80, prima di El Diablo, prima di Terremoto, Spirito, Mondi Sommersi e Infinito; un viaggio in quelle atmosfere di una Firenze viva e notturna, dark e sognante che i Litfiba raccontano coi loro pezzi migliori.
Escludendo, vero, la produzione dei primi tre anni, inglobando sound e mood dal disco Pirata, ma soprattutto ritrovando i due musicisti storici: Antonio Aiazzi e Gianni Maroccolo.

PRIMA DI INIZIARE

Come sempre vi lascio i link dei precedenti sedici articoli sulla storia completa dei Litfiba:

L'ANNUNCIO

Un reunion vera e propria; una reunion della reunion, verrebbe da dire.
I Litfiba originali si ritrovano per una serie di date che vanno presto -e inaspettatamente- sold out.
Piero, Ghigo, Antonio e Gianni, con l'ovvio spirito del batterista Ringo che ci ha lasciati nel '90, costruiscono una scaletta che accompagna i fan storici e gli amanti della buona musica attraverso il periodo 1983-1989.
Si aggiunge alla batteria il giovane ed energico Luca Martelli.
Il Trilogia Tour può iniziare.


LE PRIME DATE

Con questa storica line-up, il tour parte da Milano: 4 date all'Alcatraz e i biglietti si esauriscono nel giro di poco.
Sarà così anche dopo, tanto che i Litfiba estenderanno il progetto del live Trilogia 1983-1989 anche all'estate, solcando i palchi di alcuni festival.
Il debutto è nella doppia data del 30-31 gennaio 2013.
In questa occasione, la band fa registrare anche il live, che a fine marzo esce nei negozi.



IL DOPPIO ALBUM

In occasione dei concerti del 24 e 25 marzo a Milano, i Litfiba lanciano sul mercato il doppio album dal titolo Trilogia 1983-1989 live 2013.
Ventitrè pezzi che pescano principalmente da Desaparecido, 17Re e Litfiba 3, dischi omaggiati anche nel nuovo logo che diventa un mix dei font usati all'epoca.
Eroi nel vento: https://www.youtube.com/watch?v=pQVZAkl807s&list=PLhwJLcc_mHyQUWwWnaKIWN9jIbrl2X7wg



Tra i brani anche opere di nicchia, mai apparse nei CD, come Transea e Versante Est; il sound è a metà tra quello new wave e quello sanguigno di Pirata.
Un'intesa ritrovata, dopo così tanti anni dalla prima separazione del gruppo.
Versante Est: https://www.youtube.com/watch?v=Ra6i-LEZg8w&list=PLhwJLcc_mHyQUWwWnaKIWN9jIbrl2X7wg&index=4


Dall'album viene esclusa la registrazione di Paname, brano giudicato non all'altezza.
Ve lo propongo io (link qui se non vedete video: https://www.youtube.com/watch?v=IuWfDabZwJI.

 

ANCHE IN TV

In quel periodo, Pelù era impegnato come vocal coach e giudice nella trasmissione The Voice of Italy di Raidue.
In una delle serate del programma furono ospiti i Litfiba al gran completo, con Pelù che passò dalla poltrona rossa al palco: fu il delirio anche nella TV di Stato, con la band originale e Tex a dettare legge musicale.



In un certo senso, questa ospitata (dovuta al fatto che il frontman era in televisione) ha permesso ai Litfiba originali di farsi conoscere dal grandissimo pubblico generale e anche dalle nuove generazioni.
Ecco il video della serata (link: https://www.youtube.com/watch?v=g-XorFhuMQ0)


LA DATA DEL 2014

La stessa formazione, a sorpresa, riappare anche sul palco torinese del Traffic Festival il 24 settembre 2014, nonostante Piero e Ghigo avessero annunciato una pausa per comporre i pezzi del nuovo album e dedicarsi ai progetti solistici.
Con Antonio e Gianni l'avventura sembra essere stata una parentesi, con aperture nel futuro, per fare insieme qualcosa di valido e potente...
Dopotutto, i fan non hanno ancora mai ascoltato il brano 17Re, che pure si vociferava dovesse uscire in occasione di questo revival.
Chissà.
Ma intanto, dopo gli anni '80 vengono i '90...

NEL PROSSIMO ARTICOLO: LA TETRALOGIA ANNI '90 (LEGGI QUI)

Fonti consultate
P. Pelù (con M. Cotto), Identikit di un ribelle, Rizzoli, 2014

14 commenti:

  1. Di Pelù so solo che ha i capelli lunghi, tanti anelli e collane da fare invidia alla Madonna di Loreto, non conosco la sua musica, ma sono un curioso e tu con il tuo post, che non è il primo che dedichi ai Litfiba, mi hai incuriosito così adesso li ascolterà su YouTube.
    Ciao fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, hai scelto il periodo migliore: la loro produzione di alta qualità unita a 33 anni di esperienza 💪🤩
      Fammi sapere!

      Moz-

      Elimina
    2. Ciao, con il mio metodo di selezione musicale, un ascolto di 25 secondi a pezzo e un riascolto completo dei pezzi migliori e l'aiuto di YouTube ho spaziato nel mondo musicale dei Litfiba.
      Una musica avvolgente e meravigliosamente ritmata, grande percussionista, ma forse non è lo stesso in tutti i brani e testi mai banali.
      Al primo ascolto "Vivere il mio tempo" e stata la preferita, anche se da una grande produzione è impossibile stilare una graduatoria di merito.
      Il mio tempo che cambia e Woda Woda un plauso.
      Tex, musica e video da lode.
      Ciao Moz.
      fulvio

      Elimina
    3. Sai, hai fatto un giro completo tra gli anni '80 e (soprattutto) '90.
      Noto che hai apprezzato dei brani che all'epoca i fan non amarono... strana, la percezione delle cose: effettivamente non sono brutti brani, anzi 🔥💪

      Moz-

      Elimina
  2. Che nostalgia vedere le foto dei concerti con la gente tutta ammassata e beatamente inconsapevole.
    I Litfiba li ho ballati in ogni locale per anni e anni ma conosco solo le canzoni più famose.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, qui hanno scelto il loro periodo più ispirato e particolare, gli anni '80.
      Quindi niente canzoni famosissime presso il grande pubblico, tranne Tex! Ma il successo di questi live (già, non vedo l'ora di tornare ai concerti!) è stato strepitoso! 🔥😁💪

      Moz-

      Elimina
  3. Grazie per essere tornato a commentare, per me sei una voce importamte , mentre non sono all'altezza di commentare la tua specialità 'NERD'.
    Cri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai, i Litfiba sono rock, mica nerd!
      Io comunque non voglio commenti di rimando, voglio commenti che arricchiscano la discussione.
      Non ero sparito da te, semplicemente ora penso più al mio blog che a quello degli altri: se ho tempo, volentieri leggerò; se il tempo è poco, lo spendo per me e per migliorare il mio progetto ;)

      Moz-

      Elimina
    2. Sono molto ignorante in alcuni argomenti ( o meglio, tanti), anche quello del Rock, sono ferma a Elvis, ma tutto ciò è dovuto all'età.
      Comunque, è giusto ciò che dici e apprezzerò quando avrai un po' di tempo per me.

      Elimina
    3. Beh, hai detto niente... Elvis è il re del rock 'n' roll!^^
      Ci mancherebbe, di certo avrò ancora tempo per te e gli altri!

      Moz-

      Elimina
  4. Mi vengono ancora i brividi quando ripenso al concerto che ho visto al Castello Scaligero di Villafranca di Verona: Piero, Ghigo, Antonio e Gianni... mamma mia che serata! Un concerto strepitoso, con pezzi memorabili, in uno scenario fantastico. Bravissimo anche Martelli alla batteria... un animale! :D
    Spoiler: stessa location, un po' di tempo dopo, trilogia degli elementi. C'ero anche lì. E penso che ne parlerai prossimamente... :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Yeah, prossimo post :)
      Ammazza, ti sei fatto due grandissimi revival... complimenti!! *___*

      Moz-

      Elimina
  5. Io credo di apprezzare di più il periodo dei primi anni novanta dei Litfiba, però questa rimpatriata mi sarebbe piaciuto vederla dal vivo! Ero già all'estero nel 2013, quindi me la sono persa... :--/

    Aiazzi e Maroccolo sono dei grandi musicisti, non mi sorprende che la cosa abbia funzionato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uh, ma dove vivi?? 🤓
      Vero, Aiazzi e Maroccolo grandi musicisti e professionisti, mi farebbe piacere vedere un disco nuovo di questi Litfiba... una cosa magari poco commerciale, ma di classe e per pochi.
      🔥💪

      Moz-

      Elimina

ricevere commenti fa sempre piacere, a patto che siano commenti pertinenti o che arricchiscono la discussione.
Ricorda: non è obbligatorio commentare se non si ha niente da aggiungere o se non si è nemmeno letto l'articolo! Grazie :)