[TV] Italia 1 compie 40 anni: storia e successi pop

 

Rete giovane per antonomasia, fresca e "americana" ma anche tricolorissima sin dal nome: Italia 1 è il canale Mediaset che per anni è stato la casa dei cartoon, dei film action, degli sport, dei telefilm cult e delle notti horror.
Lanciato il 3 gennaio 1982 dall'editore Rusconi, ma acquistato nel dicembre dello stesso anno da Silvio Berlusconi che ne fa uno dei suoi canali Fininvest, Italia 1 diventa quarantenne e di cose da raccontare ne ha tante.
Ripercorriamo la storia e i successi pop della rete al tasto 6 del telecomando.


LEGGI ANCHE: 40 ANNI DI RETE 4, STORIA E SUCCESSI POP (LINK)


3 GENNAIO 1982

Edilio Rusconi accende Italia 1, un network che tramite interconnessione unisce 18 canali privati nel trasmettere gli stessi programmi, alternati a quelli regionali delle singole TV.
Lunch time, pomeriggio, sera: questi gli slot proposti da Italia 1 tra telefilm americani, film, sport e cartoni animati.
È qui che viene dirottato il Bim Bum Bam di Antenna Nord (rete ora parte del circuito), programma-contenitore destinato ai giovanissimi.
Tuttavia Rusconi non riesce a reggere la concorrenza dell'analoga Canale 5 berlusconiana e a fine 1982 cede Italia 1 proprio all'imprenditore milanese.
Da qui inizia una nuova storia per il canale.


immagine web


BIM BUM BAM

Parentesi doverosa su Bim Bum Bam, il programma-simbolo della rete.
Nato nel 1981 per Antenna Nord, venne spostato sul network Italia 1 e da semplice contenitore di cartoon divenne un programma presentato da alcuni conduttori, tra cui Paolo Bonolis (che rimase anche nelle edizioni Fininvest).
Prima di diventare il Bim Bum Bam che tutti conosciamo -ossia quello della gestione berlusconiana che introdusse il pupazzo Uan- tale programma era talvolta presentato, in un paio di regioni, da conduttori locali.
In Campania, col circuito di Italia 1 appoggiatosi a Telecapri, era condotto da Teresa Iaccarino.
Proprio tra le pieghe di queste particolarità televisive si annida parte del mistero della trasmissione e della sigla di Lamù, come vedemmo QUI.


immagine web


Dal 1983, Bim Bum Bam divenne uno show di punta della rete Finivest, fino al 1991 (quando venne spostato su Canale 5) e poi dal 1997 al 2002, terminando la sua corsa proprio su Italia 1.
All'interno del programma, su questa rete, ricordiamo serie come Mila e Shiro, Holly e Benji, Tutti in campo con Lotti, Mio Mini Pony, L'incantevole Creamy, È quasi magia Johnny, Magica, magica Emi, Sandy dai mille colori, Jem, Pollon, I Puffi, Conte Dacula, Candy Candy, Georgie, Memole, David Gnomo, Pollyanna, Alice, Marmalade Boy, Slayers, Rayearth, Card Captor Sakura, Pollon, Fancy Lala, Pokémon, Doremì, Rossana.


immagine web


GABRIELLA GOLIA
Diverse le annunciatrici della rete, ma quella storica e simbolica è stata Gabriella Golia.


immagine web


DRIVE IN
Prima al martedì (nel 1983) e poi alla domenica (fino al 1988) era l'appuntamento settimanale di prima serata: Drive In, di Antonio Ricci, divenne l'altro programma-simbolo di Italia 1.
Una sequela di comici, facce popolari e tormentoni azzeccati: il successo fu strepitoso.


immagine web


CARTOON IN ACCESS PRIME TIME
Nel 1985, Alesandra Valeri Manera -che gestiva la fascia ragazzi della rete- porta nel preserale di Italia 1 l'anime Kiss me Licia. Un successo che fa concorrenza anche al telegiornale Rai, e che apre di fatto a un nuovo slot per i cartoni animati... e non solo!
La fascia delle ore 20:00 era stata testata con I Cartonissimi, spin-off di Bim Bum Bam che in seguito passerà a Rete4.
Fanno parte del lotto anche Occhi di Gatto, gli Snorky e tanti altri, ma con il successo di Licia avviene l'impensabile.




I TELEFILM DI LICIA
Non solo cartoon: quando Kiss me Licia termina, i fan italiani vogliono nuove puntate.
La Fininvest convince i giapponesi e se le produce in proprio, sottoforma di live-action.
Che a sua volta darà origine a un'altra serie di telefilm: sempre protagonista Cristina D'Avena, accompagnarono gli spettatori fino agli anni '90 (rivedi tutto QUI).


immagine web


ALTRI TELEFILM ITALIANI
Grande successo ebbero le serie televisive italiane, anch'esse simbolo della rete e dell'azienda Fininvest: I ragazzi della 3a C (tre stagioni), Classe di ferro (2 stagioni) e College (1 stagione), a cui seguì anche Quelli della speciale.
Appuntamenti settimanali che tenevano incollati al televisore migliaia di appassionati.

DEEJAY TELEVISION
Spostatosi da Canale 5 a Italia 1 (nel 1984), da appuntamento notturno al sabato (con replica a pranzo di domenica) divenne poi quotidiano: era uno dei pochi modi per vedere i videoclip più in voga al momento, tra novità musicali, ospiti importanti e conduttori come Albertino, Gerry Scotti, Linus, Amadeus, Jovanotti.


immagine web

SMILE
Condotto da Gerry Scotti, fu l'inizio di un altro grande classico di Italia 1: le candid camera.
Negli anni cambia nome e conduttori, ma fino a tutti gli anni 2000 resta una costante della rete.

VALENTINA
Ambizioso tentativo di portare in scena i fumetti di Guido Crepax, nel 1989 arriva Valentina.
Un'opera particolare, sicuramente cult, in 13 episodi. Ne abbiamo parlato QUI.

GIALAPPA'S
Italia 1 è anche stata la casa della Gialappa's Band, spesso ospiti in trasmissioni della rete.
Il trio di commentatori comici ottenne una serie di show, iniziata con Mai dire Banzai nel 1989 e proseguita con il successo di Mai dire Gol.
Molto risalto ebbe anche Mai dire TV (che però si è scoperto essere quasi costruita a tavolino, vedi QUI).


immagine web


SPORT & CO.
Italia 1 è anche sempre stata una rete a forte carattere sportivo.
Al di là degli eventi legati al club berlusconiano, nel tempo ha proposto anche sport americani e campionati come il Motomondiale.
Immancabili le arti marziali ma soprattutto il wrestling: è su questa rete che esplode la mania, dopo la fortunata parentesi delle TV private.
Ne abbiamo parlato QUI, ripercorrendo i momenti del wrestling in Italia.
NBA Action e Grand Prix trattavano rispettivamente di basket e automobilismo, American Gladiators mostrava squadre impegnate in giochi di abilità.


immagine web


STUDIO APERTO
Primo TG delle reti Fininvest/Mediaset, fu "improntato" come approfondimento durante la prima Guerra del Golfo, ottenendo sempre più spazio.
Italia 1, alla sua nascita, aveva uno spazio per l'informazione (vi era coinvolto anche Indro Montanelli), ma dal 1987 al 1991 questo slot venne eliminato, considerato poco in linea con gli intenti della rete.
Studio Aperto ha generato Studio Sport e l'attuale Studio Aperto MAG, con argomenti più leggeri.
Ma fu Lucignolo, rotocalco di punta della rete, ad ottenere un vasto successo.


immagine web

KARAOKE
Negli anni '90 arrivano nuovi successi per Italia 1: uno di questi è il Karaoke condotto da Fiorello.
Inizialmente un flop, crebbe constantemente con gli ascolti regalando alla rete numeri strepitosi e facendo di Fiorello un'icona vera e propria.


immagine web

NON È LA RAI
Programma di Canale 5, dal 1993 Non è la Rai si trasferisce su Italia 1 trovando il definitivo successo.
In diretta ogni giorno, condotto dalla giovanissima Ambra Angiolini, fu uno show di punta ma anche fenomeno di costume.
Una marea di ragazze, molte delle quali diventate famose in seguito; giochi, interviste e momenti anche trash: Non è la Rai generò anche tante polemiche che non fecero che alimentarne i successi.


immagine web

SUPER(CLASSIFICA SHOW)
Per tutti gli anni '80 e fino a metà anni '90 il programma musicale era su Canale 5.
Dal 1997 trovò la sua casa naturale nell'Italia 1 sempre più a carattere giovanile.

FESTIVALBAR
Dal 1989 fino alla chiusura, Italia 1 è stata anche la sede del Festivalbar.
Manifestazione musicale, ha conosciuto su questa rete un exploit particolare, dovuto anche al mood giovanile ed estivo dello show.


immagine web

ALTRI PROGRAMMI CULT
Italia 1 non ha mai avuto il freno a mano tirato, per quanto riguarda la proposta di nuovi programmi televisivi.
Rotocalchi e giochi come Il gioco dei 9, Fuego! o Colpo di fulmine; programmi comici come Ciro, Visitors e Colorado; show sperimentali come Lupo solitario, L'araba fenice, Cronache Marziane; non mancava la TV shockante di 8mm o l'analogo Real TV; cult furono anche Il brutto anatroccolo, Matricole (con i provini o le prime esperienze dei volti noti televisivi) e Meteore (unitosi poi in Matricole & Meteore).
Cose come Monster Jam e Robot Wars condivano il palinsesto, non mancarono trashate del calibro di Tamarreide.


ACTION & HORROR
La rete ha anche sempre ospitato i film action, anni '80 e '90.
Da Swartzenegger a VanDamme, l'azione passava di qui (specie al venerdì).
Idem per i film horror: classici o contemporanei, l'appuntamento con Notte Horror (già Zio Tibia Picture Show) continua ancora oggi.


immagine web

PAPERISSIMA E ZELIG NASCONO QUI
Italia 1 ha dato i natali anche a programmi che in seguito sarebbero stati promossi su Canale 5.
È il caso di Paperissima ma soprattutto di Zelig, che esordì in seconda serata col sottotitolo Facciamo cabaret.

CIAO CIAO MATTINA
Contenitore di Rete4, ebbe la sua edizione mattutina su Italia 1.
La fascia ora nota come Latte e cartoni ha ospitato negli anni tantissime serie animate, alcune delle quali oggi introvabili.

SERIE TV E SIT-COM
Italia 1 è nota anche per la grande attenzione che da sempre ha dedicato alla serialità statunitense, specialmente quella più d'azione.
Celebri sono ormai le mattinate dove si alternavano A-Team, CHiPs, Magnum P.I. e tutti gli altri (vedi QUI); non mancavano le sit-com come Il mio amico Ultraman o Supervicki; grandi ascolti facevano gli appuntamenti settimanali con Baywatch, Beverly Hills 90210, Walker Texas Ranger e Renegade.


immagine web


Hercules, Xena, Smallville e tanti altri titoli hanno garantino la dose quotidiana di divertimento, mentre col nuovo millennio sono arrivate serie spesso per adulti: Nip/Tuck e The Shield su tutti.
I teen drama hanno trovato qui la loro collocazione ideale: ricordiamo su tutti Dawson's Creek e The OC.
Su Italia 1 esordirono persino i Power Rangers, che però conobbero il loro massimo splendore su Canale 5.
X-Files invece debuttò su Canale 5, ma divenne subito un titolo di punta di Italia 1, trasmesso qui a partire dalla seconda stagione fino alla fine della serie classica.


immagine web


SARANNO FAMOSI
- AMICI DI MARIA DE FILIPPI
Debuttò su Italia 1 anche la scuola di Maria De Filippi: precedentemente chiamata Saranno Famosi, divenne Amici, che è il nome con cui prosegue ancora adesso la sua corsa.
Il periodo dei reality e talent show portò anche a cose come Popstars e Campioni - Il sogno.

immagine web


NIGHT EXPRESS
E PIM
La musica è sempre stata presente nel palinsesto di Italia 1, da sempre.
Programmi come Unomania, Italia Unz, o manifestazioni tipo Azzurro hanno colorato le giornate della rete.
Che, a metà anni '90, alza l'asticella: grazie alla partnership con Radio 105, prende il via Night Express, programma di esibizioni live in seconda serata, tra star italiane e internazionali.
Il PIM - Premio Italiano della Musica viene invece trasmesso in prima serata dal 1996 al 2002, premiando gli artisti tricolore. Era svolto in collaborazione con La Repubblica e Radio DeeJay.


immagine web



6 COME 6
Incredibile (e tuttora in corso) il successo ottenuto dai bumpers della rete: brevissime clip casalinghe in cui gente comune dice "Italia Uno!", nelle più svariate situazioni.
Un'idea geniale che ha unito ancora di più i telespettatori alla rete, anche in un nuovo millennio dove la gente si è allontanata constantemente dalla televisione.

LE IENE
Programma simbolo dell'Italia 1 attuale è Le Iene; nato a fine anni '90, diventa ben presto un cult da prima e seconda serata.
Servizi aggressivi e particolari, spesso a caccia di truffe e malcostume all'italiana.


immagine web


I SIMPSON
Sebbene il loro esordio sia avvenuto su Canale 5, I Simpson hanno trovato la loro giusta collocazione nel palinsesto di Italia 1, che grazie al loro successo ha dedicato sempre più spazio all'animazione per adulti (South Park, Futurama, I Griffin, American Dad...).
I Simpson, costantemente in onda tra nuovi episodi e irremovibili repliche, godono di uno slot tutto per loro, dopo pranzo.


immagine web


LA CASA DEGLI ANIME
L'animazione non è mai mancata, su questa rete.
E proprio Italia 1 ha contribuito in maniera significativa alle varie "ondate" di anime-mania esplose nella nostra nazione. Specie l'ultima, quella più "consapevole" e di successo.
Italia 1 ha ospitato infatti special e film di celebri titoli legati sempre più alla rete stessa: Lupin III e Dragon Ball su tutti.
Il primo ha avuto anche l'onore di una prima visione mondiale; le avventure di Goku sono probabilmente l'anime più replicato e sfruttato nella storia della rete (vedi QUI una retrospettiva sulla serie Z in Italia).




Teen Toon Town
fu uno slot che sostituì Ciao Ciao, e nel tempo ha proposto vari titoli giapponesi cult: Detective Conan, Naruto, One Piece, Hunter x Hunter, Yu-Gi-Oh!.
Su Italia 1 è avvenuto anche il rilancio di Sailor Moon, ma soprattutto per anni (e adesso alla mattina) c'è sempre stato spazio per le repliche di serie storiche come Lady Oscar, Occhi di Gatto, Holly e Benji...
Nel tempo, sono arrivati anche gli anime in fasce orarie particolari: quella di mezzanotte, con Berserk (vedi QUI) e poi lo slot notturno dove vengono riproposte maratone di serie cult.


immagine web



AVERE VENT'ANNI
Durante la giornata del 3 gennaio 2002, Italia 1 trasformò il suo palinsesto per festeggiare i suoi primi vent'anni.
Riproponendo persino il logo storico in sovrimpressione, trasmise tra gli altri il primo episodio di Lady Oscar (per la prima volta dopo anni con la sigla storica) e Occhi di Gatto, ma anche di telefilm cult della rete.
Uno special di Lupin III venne mandato in onda durante quella giornata: un compleanno mai più ripetuto.


immagine web


UNA POLTRONA PER DUE
Immancabile alla Vigilia di Natale, da ormai tantissimi anni (ininterrottamente dal 2008, ma è dal 1996 che è su Italia 1 nel periodo natalizio), la commedia di Landis è un simbolo della rete.


SPECIALE STRANGER THINGS
Nell'estate del 2019 avviene qualcosa di stupendo: per promuovere la terza stagione di Stranger Things su Netflix, il colosso dello streaming si affida a Italia 1 che ricorda dopo anni di essere un canale cult anni '80 e '90.
Rispolverato Uan, protagonista di filmati inediti (vedi QUI), la rete Mediaset dedica parte della giornata a film e miniserie del passato.




CAPODANNO 2019/2020 E CAPODANNO 2021/2022
Per salutare il 2019, la rete propone Buon 1980, una serie di film anni '80 (tra cui Ghostbusters); mentre per salutare il 2021 osa con 4 serate interamente dedicate agli anni '90 (un ciclo chiamato Buon 1990).




Una rete che forse ha perso parte della sua identità (come abbiamo discusso QUI) ma che ogni tanto ricorda cos'è stata e cosa dovrebbe continuare a essere: un canale giovane, improntato alla freschezza e al divertimento, magari nel mood '80 e '90 che ha contribuito a creare e cavalcare.


LEGGI ANCHE

126 commenti:

  1. Tanta roba... Da noi arrivò sulle frequenze di Antenna Sud, che poi ospitò Odeon TV.
    Tanti film e telefilm d'azione e d'avventura visti su questa emittente, oltre a "Drive in" (che nacque in seconda serata oltre che su Canale 5 come dici), al wrestling, alle candid camera...
    Gabriella Golia fece anche una sitcom con Gene Gnocchi, ma non ricordo se trasmessa da Italia 1.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bello, tu ricordi proprio l'arrivo, pre-Fininvest! 🤩💪
      La sit-com a cui ti riferisci è Vicini di casa, del 1991. Sì, andò in onda su Italia1! 🤓

      Moz-

      Elimina
    2. Ora non ricordo se prima o dopo, ma Antenna Sud ospitò anche Rete 4, con lo storico logo giallo e la scritta in stampatello corsivo...

      Elimina
    3. Umh, visto che Retequattro è nata... domani (e infatti domani arriva il post analogo a questo) è particolare questa cosa che dici.
      Ho fatto una ricerca e mi risulta che Italia 1 era su Teledue, in Puglia... potrebbe essere?

      Moz-

      Elimina
    4. Io ricordo che lo switch tra le due emittenti du Antenna Sud fu qualcosa di inatteso, e che poi ritrovammo l'altro canale dopo un po'. Per certo ti posso dire che sullo storico primo televisore a colori (un ITT che ho ancora) Antenna Sud stava sul programma 4 per via di Rete 4 e lì rimase quando prese Odeon TV. Ma ho altresì la certezza che anche Italia 1 sia transitato su Antenna Sud per un periodo, su Teledue non mi pronuncio poiché prima di Toti & Tata non credo di averla mai seguita.

      Elimina
    5. Mh, capito.
      Ti dico questo perché il network di Rusconi da cui poi nasce Italia 1 prevedeva praticamente le stesse reti che ospitarono questo nuovo canale, e appunto per la Puglia mi risulta Italia 1.
      Mentre Antenna Sud risulta nel network Mondadori che ospitava Retequattro.
      Però erano anni veramente anarchici e selvaggi, quindi non mi stupisco che ci siano stati vari periodi.
      Pensa a Bim Bum Bam, che su Telecapri aveva tutt'altra vita... Ognuno faceva un po' come voleva 😅💪🤓

      Moz-

      Elimina
    6. Uffa, Blogger mi ha dato errore inviando il commento con la mia ricostruzione! 😣

      Elimina
    7. Cazz... sempre fare copia/incolla in casi di commenti lunghi e articolati XD

      Moz-

      Elimina
  2. Praticamente ho rivisto la mia vita in questo post! xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io, scrivendolo 😍
      In sostanza, Italia 1 è la rete che meglio mi rappresenta... e immagino sia lo stesso per tanti di voi!

      Moz-

      Elimina
    2. È stata l'emittente giusta all'età giusta.
      Per me ha iniziato a perdere identità con "Studio aperto" e i talent show della De Filippi.

      Elimina
    3. Sì, con l'entrata estrema dei talent e dei reality ha perso la sua freschezza iniziale.
      Ma quello andava, e così si facevano gli ascolti, grazie a un pubblico inebetito.
      Comunque fino al 2010 ha avuto una buona offerta per quanto riguarda l'animazione, poi via via scomparsa...
      Oggi non resta quasi traccia di quella Italia 1. Peccato.
      Un po' supplisce Italia 2, ma anche lì sembra un canale che ancora non sa bene da che parte stare... la sua identità non è definitissima.

      Moz-

      Elimina
  3. genio autentico chi ha creato il tormentone "Italia 1", usato ancora oggi dai bambini!
    Ricordo che all'epoca del liceo rimanevamo alzati fino a mezzanotte per vedere se la scenetta creata a scuola fosse stata scelta per andare in tv (a quell'ora facevano una sorta di raccolta, mentre durante il giorno li trasmettevano separati)... ovviamente, mai apparsi, non eravamo abbastanza minchioni!

    Tra i programmi rimpiango soprattutto il Festivalbar, vero simbolo dell'estate...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo pure che Battiti o Wind Music Awards ci provano, ma è il cast attuale a non avere alcun appeal rispetto a quello del passato.
      Anche nei primi anni 2000 c'erano le meteore musicali o i nuovi protagonisti (es. Dj Francesco) ma c'erano anche tutti quelli eterni: Vasco, Liga, Litfiba, Pelù, Zucchero, Irene Grandi, Gianna Nannini, Jovanotti, Biagio Antonacci, Pino Daniele e una infinità di nomi anche stranieri...
      🧡

      Sul 6 come 6: alcuni miei amici registrarono un numero che andò in onda una sola volta di notte, quindi mai disperare 🤓💪

      Moz-

      Elimina
  4. Risposte
    1. Debuttò su Canale 5, anche se effettivamente poi è diventata una serie simbolo di Italia 1: la aggiungo.
      Grazie mille :D

      Moz-

      Elimina
  5. Canale inutile nato tarocco e rimasto tale collassato spedito diretto nel tubo fognario.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sempre commenti da persona frustrata, senza argomentare, ma solo per sparare inutilmente a zero. Provo io a dare un senso alla tua miserabile esistenza: tarocco di cosa?
      Quale sarebbe la verità, secondo te?

      Moz-

      Elimina
    2. Italia 1 era per lo meno utile agli studenti costretti a casa perché ammalati, con la maratona mattutina di telefilm polizieschi 💪, che di recente mi pare transiti su Iris.

      Elimina
    3. Sì, ma non c'è più quel "blocco" preciso che tu dici: ok, c'è questo slot preciso
      È diventato tutto assolutamente indefinito, in TV... paradossalmente c'è più concretezza nelle piattaforme streaming.
      Sembrano più organizzate 😎💪

      Moz-

      Elimina
    4. Se il pubblico statunitense avesse visto e vedrebbe come era e com'è questa scoreggia avrebbero detto/direbbero "what the fuck it is", "holy shit" impossibile fare un confronto non umiliante con i canali statunitensi vecchi e attuali.

      Elimina
    5. Conosci l'inglese ma non l'italiano, abbiamo capito.
      Ma poi che cazzo c'entrano i canali americani? Mi si chiama America 1, ma ITALIA 1... 😅🤦🏻‍♂️
      P.s. ma hai mai visto davvero un canale americano?

      Moz-

      Elimina
    6. Sì tramite internet anche il più palloso e demente è decisamente più interessante di quelli del resto del mondo hanno quel tocco magico che manca agli altri gli statunitensi sono i re indiscussi dell'intrattenimento.

      Elimina
    7. Secondo me in America se la sognano, una rete come l'Italia 1 vista dal 1982 al 2010.
      Tanto che hanno scoperto a scoppio ritardato tutti gli anime che noi avevamo già visto, Dragon Ball in testa.
      Ma comunque ripeto, cosa c'entrerebbe Italia 1 con un qualsiasi altro canale americano? Non vedo il nesso e non capisco perché ti stai incaponendo su questa cosa.

      Moz-

      Elimina
    8. Se vogliamo fare un parallelo con la televisione giapponese Italia 1 assomiglia a TV Tokyo il canale anime giapponese per eccellenza.

      "Anime famosi trasmessi: questo canale è specializzato nella trasmissione di anime, se ne contano migliaia, una lista parziale la trovate su wikipedia"

      "Fin dalla sua nascita, TV Tokyo ha sempre trasmesso anime , generalmente più di altri canali giapponesi (come TBS, TV Asahi...). Questi anime hanno in parte fatto la reputazione della catena."

      Qui: https://it.youinjapan.net/giappone-moderno/tv-giapponese.php viene spiegato il sistema televisivo giapponese.

      Solo che TV Tokyo nonostante gli ascolti non più eccellenti come in passato (☹️) non ha perso la sua identità mentre la nostra Italia 1 purtroppo si ☹️

      Elimina
    9. Il fatto è che Italia 1 era una televisione perfetta, perché aveva cartoon ma anche film e telefilm, e pure programmi di musica e giovanilistici.
      Un qualcosa non solo cartoon, insomma; aveva creato proprio una linea verticale, un mood preciso, un modello.
      Io ricordo le serate coi film action, pizza e Coca-Cola; ricordo anche i telefilm con mio zio, le colazioni davanti ai cartoons...

      Moz-

      Elimina
    10. Un post fortissimo questo di Italia 1, sei riuscito a riproporre la storia e cosa rappresentasse per i giovani e giovanissimi questo canale!

      Elimina
    11. Grazie mille, Saro! 👍
      Un post che mi ha impegnato abbastanza ma che grazie a voi ha ripagato del tutto i miei sforzi 🤓

      Moz-

      Elimina
  6. cavolo
    per me è storia, nel senso che sono nato nel '98 e a differenza della rai, la Mediaset non parla mai e non mostra mai com'era nei decenni scorsi! per cui scopro quasi tutto per la prima volta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo fa su canali specifici, tipo Mediaset Extra (con riproposizioni di programmi) e prima con Happy Channel.
      Ecco perché sarebbe cosa buona & giusta fare un canale specifico, a costo zero, che celebri gli anni '80-'90 della Fininvest/Mediaset...

      Moz-

      Elimina
    2. Insieme ad Iris, era prevista la nascita di Bis, un canale dedicato a programmi del passato, ma poi non se ne fece più niente...
      Poi nacque Mediaset Extra , che all'inizio propose serie cult come: i ragazzi della 3c, college ed altro...poi divenne ciò che è attualmente, un canale di repliche

      Elimina
    3. Repliche peraltro... recenti.
      Non capisco perché non proporre davvero questo Bis... zero spese, massima resa :)

      Moz-

      Elimina
    4. Veramente ormai Mediaset Extra è riservato al GF vip h24...😖

      Elimina
    5. Purtroppo sì.
      E pensare che il GF aveva un canale tutto suo, specie ai tempi di Stream.
      Oggi annullano un intero canale generalista per trasmettere quella porcheria.

      Moz-

      Elimina
    6. https://www.tvblog.it/post/7132/iris-e-bis-mediaset-lancia-due-nuovi-canali-free?amp

      Elimina
    7. Addirittura pure il logo, non me lo ricordavo.
      Avevano previsto tutto, anche il nome degli slot... Un vero peccato, davvero 😭😭😭

      Moz-

      Elimina
    8. Vado leggermente OT: sarebbe stato meglio Bis che Cine34, che risulta inutile quando c'è già Iris, ed è diventato subito monotono e ripetitivo....

      Elimina
    9. Ma io infatti ridurrei di molto i canali Mediaset, facendo dei... Bis di Canale 5, Italia 1 e Rete 4. Sei in tutto, al massimo sette.
      I primi due hanno La5 e Italia 2, il resto lo accorperei in modo ragionato... 👍🤓

      Moz-

      Elimina
    10. La5 e Italia2 sono attualmente più ridondanti di Cine34!
      L'unico canale che Mediaset sta curando un'po di più è 20, che rappresenta una sorta di quarta rete del gruppo.

      Elimina
    11. Vero, e lì danno anche partite ecc... come se volessero farlo crescere.
      Comunque c'è una dispersione assurda, i canali Mediaset sono veramente tanti.

      Moz-

      Elimina
    12. È palese che l'obiettivo principale sia quello di occupare slot, non di proporre contenuti!

      Elimina
    13. Infatti. E allora non capisco proprio cosa costi loro fare un canale di repliche cult...

      Moz-

      Elimina
  7. Uno dei migliori post mai letti sul Moz O'Clock :)

    Devo tutto a Italia 1 Pokémon, Dragon Ball, Lupin, Holly e Benji, One Piece, Detective Conan, Naruto, Hercules, Xena, Sarabanda, Studio Sport, Motomondiale, Notte Horror, un canale che nell'epoca pre-digitale terrestre e soprattutto pre-internet 2.0, è stato di fondamentale importanza per tutti noi i bambini e ragazzini... Italia 1 offriva qualcosa che era eccezionale...

    Poi purtroppo un po' il cambiamento tecnologico, un po' vari direttori INCOMPETENTI, via via ha perso i suoi punti forti... Oggi si trova in uno stato di COMA IRREVERSIBILE, zero idee, zero voglia di proporre nuovi contenuti, zero voglia di rilanciarsi :(

    La prima cosa da fare sarebbe mandare i Simpson in pensione (gli ascolti ormai fanno pena!), mettere qualche nuovo anime che hanno acquistato negli ultimi anni nel lunch-time o perché no anche nel pre-serale, ideare qualche nuovo programma e trovare qualche giovane "influencer" che faccia da traino.
    Possibile che non abbiano un minimo di inventiva?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Domani bissiamo con Rete4 (anche se non sarà così corposo, ma le sorprese non mancheranno!)
      Thanks :)

      Io I Simpson li terrei, comunque sono simbolici, ma non darei loro tutta questa importanza: ci sta quando fanno gli episodi di sera, per dire.
      Ecco, eliminerei il simpson-centrismo.
      Nuovi anime che possano attirare ci sono. Hunter x Hunter remake, quello della pallavolo, Sakura Clear Card, ma anche tipo Demon Slayer.
      Dopotutto Captain Tsubasa ha funzionato...
      Anche io non mi capacito del perché non vogliano rilanciarsi... e noncomprendo nemmeno perché a questo punto non diano una direzione più precisa a Italia 2.
      Sembrano due canali nel limbo...

      Moz-

      Elimina
    2. Perché non hanno fiducia che serva a qualcosa. Ormai la televisione è passata di moda tra i giovani, tutti quanti guardano soltanto gli streaming su computer, tablet e cellulari. E non è solo un problema di Italia 1 ma di tutti i canali. Lo sapevate che domani su Rai Gulp inizieranno a trasmettere un nuovo cartone animato italiano basato su una saga di romanzi non proprio famosa ma comunque con un suo fandom ovvero Le Ragazze dell'Olimpo? Probabilmente no perché la pubblicità mi pare sia stata abbastanza infima, a parte un quadretto concesso sulla Guida TV dove appunto l'ho scoperto io (un quadretto, non un intero articolo con intervista e tutto). E infatti sono andato a vedere che la serie sarà trasmessa in TV a partire da domani ma sul sito di RaiPlay è già disponibile per intero e pure da giorni. Capite cosa intendo? Sembra che a nessuno interessi attrarre nuovi ascolti, si sono rassegnati all'idea e pensano che la televisione la guardino solo i vecchi, che non hanno bisogno di cose nuove per essere attirati. O almeno questa è la mia impressione.

      Elimina
    3. Sapevo della serie ma non quando sarebbe andata in onda... Ecco sì, secondo me però trovare un giusto equilibrio tra piattaforme e TV è la soluzione.
      Dopotutto siamo noi 30-40 in su a detenere il potere d'acquisto, quindi dei canali ancora funzionanti potrebbero esistere.
      Altrimenti non mi spiego certe scelte, come fossero balzi di un paralitico: perché Italia 1, proprio Italia 1, trasmetterà tra qualche giorno CHUCKY, in primissima TV assoluta (serie appena andata in onda in America)?
      Insomma, sembra essere una sorta di volontà che però poi auto-castrano...

      Moz-

      Elimina
    4. "Perché non hanno fiducia che serva a qualcosa. Ormai la televisione è passata di moda tra i giovani, tutti quanti guardano soltanto gli streaming su computer, tablet e cellulari. E non è solo un problema di Italia 1 ma di tutti i canali."

      Va bene ma Italia 1 non ha chiuso baracca e burattini pur non potendo più raggiungere gli ascolti del passato deve tirare avanti in un modo o nell'altro. Vogliono solo vivacchiare? Può darsi ma fino a quanto? Allora, perché non rilanciarsi? Non potranno incrementare chissà di quanto gli ascolti ma di sicuro potrebbero farne molti di più rispetto ad oggi...

      In Giappone paese tecnologicamente più avanzato del nostro televisione e internet convivono tranquillamente... Gli anime non fanno più gli ascolti di un tempo quando il 15/20% share era la normalità oggi invece se un anime fa il 5% si festeggia... eppure le tv vanno avanti...

      Elimina
    5. Ma infatti, e poi ripeto: basterebbe puntare su palinsesti più concreti, spese zero perché si va di repliche cult, e via.

      Moz-

      Elimina
    6. Aspetta però io farei così

      Italia 1 anime nuovi
      Italia 2 anime più violenti
      Italia Cult anime del passato

      Italia 1 potrebbe essere indirizzato per i più giovani diciamo dalle elementari alle superiori, Italia 2 indirizzato agli universitari, Italia Cult per tutti ma soprattutto i nostalgici.

      Hakyuu, My Hero Academia, One Piece andrebbero su Italia 1, mentre anime più violenti come Demon Slayer in seconda serata su Italia 2 (stessa collocazione giapponese), mentre su Italia Cult potrebbero andare gli anime vintage.

      Il problema dell'immobilismo di Italia 1 non sono gli ascolti che sono già miseri

      Giusto per fare un esempio riporto quelli pomeridiani di lunedì 20 dicembre 2021

      Young Sheldon – 448 3.96
      Big Bang Theory – 343 3.24
      Modern Family – 265 2.43
      Due Uomini e ½ – 300 2.42

      Ma la mancanza totale in chi dirige il canale di idee, voglia, inventiva nel stare ai passi coi tempi, di capire mode e tendenze attuali... Possibile che nei vari consigli d'amministrazione nessun analista propone qualche nuova idea? Non si domandano cosa piace alla gioventù attuale? Come attrarre pubblico?

      Perché gli anime e non solo magari anche qualche nuovo programma potrebbero fare ben di più degli ascolti miserabili dei vari Young Sheldon, Modern Family, Due Uomini e ½.

      Elimina
    7. Ho trovato questo articolo: https://tvcircle.altervista.org/fuorionda-il-lento-ed-irrefrenabile-declino-di-italia1/

      L'articolo linkato dice le stesse cose che dico io! Inutile piangere "i giovani non vedono più la tv" rispondo io "voi che fate per attrarre pubblico?" Niente! Questa la verità chi dirige il canale non fa niente per migliorarlo si tira a campare senza un minimo di idee...

      Cara Italia 1 abbi il coraggio di acquistare Hakyuu e trasmetterlo nel lunch-time o nel preserale... (Troppo tardi ormai Yamato è dovuta affiliarsi alla piattaforma di Bezos per il doppiaggio ennesima occasione sprecata...)

      Elimina
    8. Io farei Italia 1 (6) e Italia 2 (66), e giocherei anche sulla cosa... 6 66, un'accoppiata diabolica... Italia 1 e Italia 2.
      E ti dico: possono completarsi senza bisogno che ci sia una terza rete.
      Gli anime vintage, infatti, per me dovrebbero accompagnare sia quelli nuovi innocui, sia quelli nuovi "violenti", perché fanno da traino.

      Anche io mi domando come mai nessuno si pone il problema... :o

      Moz-

      Elimina
    9. Su Yamato non dispererei, perché c'è sempre un accordo con Mediaset... lo stesso che li ha sommersi di soldi permettendo tutti questi doppiaggi :)
      Quindi la sinergia esiste, ma è Italia 1 che deve svegliarsi.
      Qua non hanno speso nemmeno una parola per il quarantennale... io avrei fatto una festa con super programmazione... Solo Top Gun ci ha salvati, riportandoci al passato...

      Moz-

      Elimina
    10. Potrebbe essere addirittura uno slogan quello dell' "accoppiata diabolica ", magari proposto su entrambe le reti, con l'obiettivo di invitare lo spettatore a sintonizzarsi su entrambe le reti, sottolineandone la complementarietà tra le stesse!
      La prima più mainstream, la seconda più trasgressiva e di nicchia!
      Ma non ci arrivano coloro che dovrebbero gestirla...

      Elimina
    11. Esatto, ovviamente la complementarietà è d'obbligo, un po' come facevano all'epoca per Italia 1 e Italia 7 (considerato anche Bim Bum Bam su Canale 5 per un certo periodo)...
      Basterebbe davvero poco, innanzitutto una comunicazione più chiara. Per iniziare 😅👍

      Moz-

      Elimina
  8. Che storia incredibile! Fa impressione vederla nello stato comatoso nel quale è ridotta.

    Non so da voi ma nell'epoca della televisione analogica il tasto numero 6 per Italia 1 non era poi così scontato. A casa ricordo che era stata "relegata" sul canale 8 in quanto i canali 6 e 7 erano per le regionali.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti! È un enorme peccato vedere il prima e il dopo, ma anche solo un confronto tra oggi e qualche anno fa... Non so come sia stato possibile aver perso del tutto l'identità 😭
      Interessante questa cosa che dici, io che ricordi ho sempre avuto Italia1 al 6... Però devo chiedere 😎💪

      Moz-

      Elimina
  9. Quanti Happy Days ho visto su Italia Uno.
    Io quando arrivò Italia 1 c'ero...beh quasi. Infatti non mi accorsi del nuovo canale fino alla piena estate dell'82, quella dei mondiali di Spagna. Concomitante o appena dopo intercettai questo nuovo network.
    C'era Bim Bum Bam? Si. Ma cosa trasmetteva? Io ricordo Albertone (https://it.wikipedia.org/wiki/Albertone) e un sacco di Tom & Jerry. Anche Sport Billy (mentre su canale 5 al mattino c'era Nanarjito la mascotte di Spagna 82). Ma in quell'anno ricordo pochi anime. In autunno però arrivò Hello Spank. E Italia 1 andò definitivamente nel tasto 6 del mio telecomando.
    Nelle liste che sono scritte in internet sui cartoni trasmessi nel 1982 non mi ci ritrovo.

    Nell'82 il contenitore in sè aveva una sigla completamente grafica molto futuristica, ambientata nello spazio con raggi laser che intercettavano cubi e pianeti che componevano la scritta Bim Bum Bam.
    L'ho trovata.
    https://youtu.be/vGyANXj3sAo

    Altri scampoli di ricordi:
    Nel settembre 1986 per celebrare l'inizio della programmazione annuale inserirono un trailer con base Here comes the sun dei Beatles.
    Non ogni anno, ma spesso era la sola rete che a settembre inseriva uno spot per augurare a noi studenti di ogni ordine e grado un buon anno scolastico.
    Sempre attorno al 1986-7-8 ricordo una pubblicità in cui un camion bianco partiva al mattino e raggiungeva vari luoghi d'Italia. Si scopriva poi che rappresentava Italia 1. Si lo so somiglia molto allo spot del Lasonil. Ma questa pubblicità aveva una base musicale con una voce maschile un po' roca che con finto accento gorgheggiava "Italia one for me..." Qualcuno la ricorda o ha trovato il link del video????????

    Ricordo anche un esperimento (fallimentare) in cui ogni pomeriggio trasmettevano una serie americana differente.

    Dall'autunno 1982 qui nel Nordest giocoforza il telecomando era così diviso: 1 - 2 - 3 Rai, 4 Rete 4, 5 Canale 5, 6 Italia Uno, 7 la prima rete locale (qui nel Nord Est era il circuito EuroTV con Telepadova), 8 e 9 di solito Montecarlo e Capodistria. Dal 10 ognuno si piazzava le proprie reti locali preferite.

    Ciao
    Giù

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ferma ferma ferma...!
      Sì, ricordo benissimo lo spot del camion bianco! Incredibile.
      No, non ve n'è traccia in rete, peccato...!
      Bellissimo l'augurio per l'anno scolastico.
      Italia 1 vero esempio di rete avvolgente.

      Da me il tasto 7 è sempre stato Telenorba... ora ovviamente è La7 :D

      Moz-

      Elimina
  10. E dopo "30 Anni in 1 Secondo", "40 Anni in un post"! Un lungo viaggio nella memoria.
    Mi rendo conto che lo spazio era tiranno, ma non so perché a me sono riaffiorati nella mente anche certi flop d'antologia, come il secondo reality della storia italiana, Survivor, l'Isola dei non famosi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io però ricordo i nomi delle due squadre Tolote e Co-qualcosa.
      E ricordo che i partecipanti tentarono uno sciopero perché affamati svelando come questi programmi fossero non Real, ma Reality cioè scritti e prodotti come qualsiasi altro programma.

      Elimina
    2. Fabio, yes... ho voluto celebrarne i successi e le particolarità, con un occhio agli argomenti in linea col blog.
      Vero, i flop sono stati diversi, anche tra i cartoons...
      @Anonimo: forse era un tentativo di risollevare, con finte polemiche, la trasmissione... Chissà...

      Moz-

      Elimina
  11. Fantastico canale, ultimamente è in flessione, ma resta il miglior canale gratuito ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai, se lo mixiamo con la sorella Italia 2, direi di sì^^

      Moz-

      Elimina
  12. E adesso un commento sovversivo!

    Italia 1 fu anche la prima rete a trasmettere nel 1989 lo show senza censure di Play Boy.
    Il nudo era stato sdoganato negli anni 70 e 80 dalle reti private e dalle commedie sexy, ma solo a livello locale. A livello nazionale nell'88 Italia 7 sdoganò il topless con Colpo Grosso.
    Italia 1 nel tardo 89 portò le playmate americane ad un orario neanche troppo tardo che permetteva a noi adolescenti pieni di ormoni di venire ipnotizzati da quelle quelle forme, certo burrose e plastificate, ma comunque per l'epoca strepitose.

    Ricordate che ai tempi internet non esisteva e che gli adolescenti cercavano di intuire le forme femminili guardando la sezione intimo del catalogo Postalmarket. Vedere una giovane Pamela Anderson (poi in Baywatch) come mamma l'aveva fatta era per l'epoca incredibile.

    La mattina dopo in corriera c'era la telecronaca differita dei fortunati che avevano visto la puntata, con votazione e critica delle playmate che più antifemminista non si poteva. Ma erano altri tempi.

    Ciao
    Giù

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ricordo anche che, parallelamente, c'era su qualche altro canale il più spinto Penthouse.
      Un po' più volgare, diciamo...
      Immagino, comunque. Guarda, sebbene oggi il porno arrivi anche nelle banali storie Instagram, a portata di tutti, penso che programmi simili (se opportunamente scritti) possano ancora avere qualcosa da dire...^^

      Moz-

      Elimina
    2. Vabbè hai tentato di addolcire l'oggetto del commento, ma ti assicuro che pur con tutta la buona volontà negli ultimi anni delle superiori di cosa potevano dire quel tipo di programmi non ci interessava proprio nulla.

      Ma anche qui: era un canale rivolto al pubblico giovane compresa la nicchia di noi maschi "servi della gleba" e il suo sporco lavoro lo fece. Parliamo di Bim Bum Bam va che è meglio.
      Ciao
      Giù

      Elimina
    3. No, cosa c'era da addolcire? XD
      Semplicemente, erano programmi di natura erotica e i maschietti ne parlavano, il giorno dopo.
      Non vedo il problema, assolutamente... anche io vedevo quel genere di programmi^^

      Moz-

      Elimina
    4. Nip-Tuck proponeva delle storie allucinati per me ragazzino XD non avvenendo internet vedere due ragazze lesbiche che si baciavano era una cosa rarissima...! Nip-Tuck proponeva storie trasgressive che all'epoca erano fuori dal mondo :D ogni puntata tra incesti, rapporti occasionali, orge, era un delirio

      Più moderato perché più giovanile ma ugualmente "forte" The O. C. Italia 1 era perfetto in questo suo mix al pomeriggio Pokémon in seconda serata Nip-Tuck

      Elimina
    5. Esatto, avevano saputo sempre calibrare le cose... questo mi piaceva.
      Io mi gasavo tantissimo per questi telefilm più "estremi", adoravo (e adoro ancora oggi) The Shield...

      Moz-

      Elimina
    6. A me le cose troppo sessuali-perverse, violente e insensate non mi piacciono per nulla vanno bene in parte per dare movimento e caratteristica al prodotto ma quando si incentrano solo su queste sono troppo eccessive e patologiche gli americani ce le mettono sempre e ossessivamente senza il porno e la violenza leggera ed esplicita non vivono perché sappiamo sono le loro caratteristiche principali malate, che fanno schifo a tutti e li fa essere marci.

      Elimina
    7. Beh oddio, per tantissimi anni NON è stato così... solo ultimamente le serie sono più veritiere e spinte. Io The Shield lo amo per questo, perché racconta proprio la vita per come è...

      Moz-

      Elimina
    8. Nip/tack da com'è descritto è stato molto criticato per la sua crudezza e perversione onnipresente troppo pesante ultimamente è invece da 20 anni che fanno programmi spazzatura il realismo lo si riporta anche senza metterci le solite trasgressioni messe dappertutto che hanno rotto le scatole l'originalità e la realtà sono anche senza il sesso e la violenza nella vita concreta le storie interessanti ne sono senza.

      Elimina
    9. The Shield non ha suscitato scalpore perché non è un eccesso distorto.

      Elimina
    10. Era veritiero più che altro...

      Moz-

      Elimina
  13. di Bim Bum Bam ho fatto appena in tempo a vedere qualcosina con il pupazzetto rosa, ma di sicuro non c'era più Paolo Bonolis, perché in quella veste non me lo ricordo proprio 😐in seguito Bim Bum Bam è diventata solo una sigla scritta in un angolino dello schermo...

    il telefilm di Hercules mi piaceva un sacco, Xena -chissà perché- la snobbavo...

    Ricordo il cartone Lupin e le Profezie di Nostradamus, trasmesso in prima serata, aveva un suo fascino in vista del nuovo millennio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il pupazzo rosa è il simpatico Uan!

      Elimina
    2. Sì, eliminarono gradualmente gli sketch, facendo restare dapprima solo quelli promozionali (pubblicità, in sostanza...).
      Il film di Lupin, su Italia 1 chiamato Operazione Tarantola, ebbe un vistoso taglio nemmeno "camuffato" come solevano fare. Tagliarono proprio la scena con uno stacco in nero. Fu il secondo film di Lupin III in prima serata (almeno, in quegli anni). Il primo fu Viaggio nel pericolo / Il pericolo è il mio mestiere... che ho ancora registrato su VHS (per inciso, ho anche L'unione fa la forza registrato proprio durante il ventennale di Italia 1!^^)

      Moz-

      Elimina
    3. Per curiosità, sai che scena tagliarono esattamente? 😯
      @anonimo... me li dimentico sempre come si chiama, accidenti! (forse d'ora in poi non più...😁)

      Elimina
    4. Certo, quella in cui Fujiko (se ben ricordo, senza memoria) si spoglia e si concede a Lupin entrando nel suo letto.
      Su Italia 1 si vide lei che stava per spogliarsi, poi taglio con sfumato in nero e ripresa con lei che si rivestiva (e Lupin nel letto).
      Ovviamente si intuiva cosa era successo, non tagliarono l'intera scena quindi lasciarono l'intenzione... 👍🤩

      Moz-

      Elimina
    5. ieri a Verissimo c'era Paolo Bonolis, con un collegamento di Licia Colò che parlava dei bei tempi di Bim Bum Bam insieme a lui... 👍

      Elimina
    6. Cavolo, bellissimo!
      Davvero televisione old-school!! 🤩👍

      Moz-

      Elimina
  14. Tantissimi AUGURI anche a te, fenomeno, con affetto e simpatia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho compiuto ancora 40 anni come Italia 1...! Ahaha scherzo, so che è per il 2022: grazie, altrettanto :)

      Moz-

      Elimina
  15. Quando ero più giovane la guardavo parecchio, molti dei programmi che hai citato erano un appuntamento fisso. Peccato che per inseguire l'audience "giovanile" in molti casi hanno solo messo in scena finto ribellismo anti-sistema (tipo il falsissimo "le iene", che in realtà alla fine viene guardato più da pensionati con la terza media) e un tiggì da avanspettacolo che al confronto Novella 2000 è un giornale serio e rispettabile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che poi cosa c'è di tanto giovanile ne Le Iene? Forse l'irriverenza iniziale... però anche ultimamente qualche servizio fatto bene c'è.
      Ma non è quella l'Italia 1 con cui sono cresciuto...

      Moz-

      Elimina
    2. Le Iene esiste dal 1997 quindi ormai un programma veterano...

      Comunque io ai tempi delle medie vedevo Le Iene anche perché proponeva cose per me inusuali... Stessa cosa Lucignolo un modo di fare TV molto attraente per un ragazzino visto che certi contenuti "forti" erano quasi tabù in tutti gli altri programmi.

      Elimina
    3. Esatto, ed erano cose che attraevano, come giustamente dici.
      Un linguaggio nuovo, di rottura, particolarissimo.
      Italia 1 ha perso anche questo... non l'ho citato, ma penso anche a programmi musicali particolari come Night Express, a cavallo tra anni '90 e 2000... portarono davvero ottima musica.

      Moz-

      Elimina
    4. Puramente americani o ispirati dai loro il resto dei popoli non ha la capacità di inventarsi programmi, film e telefilm avvincenti da soli infatti quasi tutto su Cacca1 era americano e giapponese.

      Elimina
    5. E si intende lo è ancora.

      Elimina
    6. Magari lo fosse, non staremmo parlando di questo altrimenti... Dovresti aggiornarti.
      Comunque, siamo capacissimi di inventare programmi nostri, non credere.
      Ma in che mondo vivi? Oltre che un mondo fermo al passato e non aggiornato, ti rendi conto almeno della realtà?

      Moz-

      Elimina
  16. Parlaci di Real Time.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao!
      Solitamente tratto canali che hanno trasmesso cartoons o comunque cose della cultura nerd/pop che tratto sul blog... Domani arriva Rete 4, per dire :)

      Moz-

      Elimina
  17. Sarebbe meglio per me passare oltre perché ricordare Italia 1 com’era fa male!
    E lo specchio del tempo che passa..e non tornerà più.
    Il ricordo di una televisione che non c’è più.
    Non so nemmeno se ha senso dire “ purtroppo “


    Di quella televisione mi mancano i programmi musicali che facevano: Deejay TV e Festivalbar su tutti.
    Del resto non ho gran nostalgia.
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ci aggiungo Night Express di fine anni '90 - inizio 2000, altro grande programma musicale. 🤯
      Sì, è proprio il segno dei tempi cambiati, dei ragazzi cresciuti, di un'identità perduta... 😥

      Moz-

      Elimina
  18. Sì sì hai ragione…ma c’era pure Be Bop a Lula con Red Ronnie , ricordi?
    Poi diventato Roxy Bar …(meglio il primo) non so se però il Roxy lo trasmetteva Italia 1 (?) mah?
    Ah lo aggiungo pure qua, manco Studio Aperto m’e mai piaciuto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vabbè, ma i tg Mediaset lasciano il tempo che trovano, spesso. Di valido c'era il TG5 di Mentana.☺️
      Red Ronnie io lo ricordo sempre tra TMC e simili... 🧐🤔

      Moz-

      Elimina
  19. No no Be Bop ..era su Italia1 dal 1984 al 1991.
    Concordo con il tg 5
    👍

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perfetto.
      Beh, allora lo vedevo sicuramente anche io, lì, perché lo ricordo^^

      Moz-

      Elimina
  20. Io sarei curioso di sapere se al giorno d'oggi esistono persone che il pomeriggio vedono qualcosa su Italia 1 l'offerta è talmente scadente che vorrei sapere se esiste qualche temerario...
    Eppure basterebbe poco un paio di anime nuovi, qualche serie-tv perché no anche quelle del catalogo Infinity, qualche nuovo programma, per rialzare la china basterebbe iniziare dalle cose nuove che già acquistato e sfruttarle in maniera più adeguata... Ci vorrebbe un repulisti generale VIA gli attuali dirigenti e spazio per persone più competenti...
    Ingaggiassero qualche analista, sociologo, esperto marketing, critico televisivo, facendo un bel tavolo di confronto per organizzare il palinsesto cercando di capire cosa piace al pubblico attuale.

    Esempio:

    Lunch Time: 1 anime nuovo + Simpson

    metà pomeriggio: 1 anime nuovo, serie-tv nuova + qualche nuovo programma attraente

    14:05 One Piece/Naruto Shippuden nuovi episodi
    14:30 Simpson

    17:00 Hakyuu
    17:30 Serie-tv NUOVA

    19:30 Nuovo programma giovanile

    Con poca spesa almeno RINNOVEREBBERO il palinsesto... Certo gli ascolti non crescerebbero di chissà quanto ma almeno sarebbero meglio di quelli attuali ma soprattutto Italia 1 tornerebbe a far parlare di sé perché solo su Italia 1 potresti vedere Hakyuu doppiato, My Hero Academia doppiato, One Piece doppiato, Naruto Shippuden doppiato ecc ecc, gli studi d'animazione giapponesi in molti casi (soprattutto Toei Animation) consentono il doppiaggio solo per la trasmissione televisiva, Italia 1 avrebbe l'esclusiva di portare anime doppiati che per contratto Netflix, Amazon, Crunchyroll Sony non potrebbero.
    Il remake di DAI - La Grande Avventura la Toei Animation lo venderebbe a Mediaset per la trasmissione tv anche oggi stesso :)

    Anche i ragazzi di BOTTEGA ANIMAZIONE che hanno curato i testi recentemente del doppiaggio di vari anime tra cui i nuovi episodi di One Piece, hanno recentemente detto che gli anime potrebbero fare ascolti superiori ai programmi attualmente in onda su Italia 1.

    Sulle serie-tv dico poco perché non sono ferrato ma alcuni recenti successi di Infinity potrebbero essere dirottati almeno in parte anche come repliche su Italia 1?

    Nuovi programmi che possano attrarre i giovanili difficile da realizzare? forse... Ma la più vetusta RAI 2 ha inventato "Il collegio" perché Italia 1 non potrebbe realizzare anche loro qualcosa si altrettanto attrattivo per i giovani, no?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ci crederai, ma proprio stamattina con Denny (l'autore di qualche guest post qui) al telefono ho citato l'esempio del Collegio. Cioè, la Rai, che è praticamente algida, seria e vetusta, è riuscita ad attrarre tanti giovanissimi.
      Italia 1 arranca.
      Io penso che, opportunamente lanciate, anche serie come Young Sheldon e The Goldbergs possano fare ascoli. Ma nemmeno si sa che sono in onda!
      Batwoman idem, bella serie che potrebbe piacere molto.
      E parlo di telefilm. Spero bene per Chucky, dal 13 gennaio...

      Quanto agli anime: io subito proporrei Clear Card con il vecchio Sakura ridoppiato, Sailor Moon serie storica, Capitan Tsubasa, Dai, Hakyuu.
      Poi su Italia 2, Utena, City Hunter, Caro Fratello... e altre serie alla strega di YuYu (tipo Bakuretsu Hunter, Borgman ecc).
      Non ci vuole moltissimo a capirlo.

      Moz-

      Elimina
    2. Condivido tutto quello che dici tranne Sakura che difficilmente tornerà su Italia 1 essendo che i diritti sono tra Netflix e Anime Generation, la vedo difficile! Tutti gli altri titoli tra Italia 1 e Italia 2 sono ottimi (anche se non conosco Bakuretsu Hunter e Borgman 2030).

      Ho dato uno sguardo al pslinsesto di Italia di lunedì 10 gennaio 2022

      I Simpson [HD ch.506]
      animazione, film
      14:29
      I Simpson [HD ch.506]
      animazione, film
      14:53
      I Simpson [HD ch.506]
      animazione, film
      15:18
      Young Sheldon - PrimaTv [HD ch.506]
      commedia, serie tv
      15:44
      Big Bang Theory [HD ch.506]
      commedia, serie tv
      16:10
      Big Bang Theory [HD ch.506]
      commedia, serie tv
      16:33
      Modern Family [HD ch.506]
      commedia, film
      16:59
      Modern Family [HD ch.506]
      commedia, film
      17:30
      Due uomini e 1/2 [HD ch.506]
      commedia, serie tv
      17:55
      Due uomini e 1/2 [HD ch.506]

      Ma nel 2022 dove ti presenti con un palinsesto del genere??? Togliamo di mezzo la questione ascolti perché attualmente gli ascolti di Italia 1 sono bassissimi... Quindi perché ostinarsi con un palinsesto del genere? Eppure nuovi anime e serie-tv non mancano alcuni acquistati proprio di recente! Poi potrebbero ideare qualche nuovo programma ma niente i dirigenti Mediaset sembrano sfingi immobili :(

      Elimina
    3. Sakura è Yamato e chissà dai, fu anche della Mediaset... Non escluderei.
      Comunque notizia delle ultime ore (io godo) pare che Sailor Moon serie storica potrà essere ridoppiato in modo fedelissimo. 😍💪
      Quanto al palinsesto... No commenti, sprecano così anche Young Sheldon che è una grandissima serie!! 😱

      Moz-

      Elimina
    4. "Comunque notizia delle ultime ore (io godo) pare che Sailor Moon serie storica potrà essere ridoppiato in modo fedelissimo. 😍💪"

      L'avevi già preannunciato :) immagino le tue fonti... Però nel sito neoliberale/arcobaleno/cosmopolita per eccellenza ancora nessuna news... Quindi hai avuto uno spiffero da parte delle tue conoscenze?

      Elimina
    5. Lo hanno avuto altri... La pagina SailorMoon.it 😎
      E io... sì, ci avevo visto lungo 🤓

      Moz-

      Elimina
  21. Ho visto il remake di Walker su Italia 1, alcuni mesi fa, ogni domenica... da allora quasi più rimesso, solo per qualche film...C

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io quello volevo vederlo... Ecco, ti pare normale piazzarlo ALLA DOMENICA POMERIGGIO?
      Mah...

      Moz-

      Elimina
    2. È l'ennesima robaccia moderna senza senso e senza sostanza non guardabile.
      Jared Padalecky recita forzatamente molto impacciato e insicuro ha una faccia che dice cazzo ci sto facendo qui guarda che devo fare non è a suo agio l'opposto di Una mamma per amica e Supernatural dove era fuso splendidamente e realisticamente nella parte sembrava un personaggio esistente, qui addirittura in questa versione Walker è padre e ha una figlia ma dai.

      Elimina
    3. Perché, che problema c'è? XD
      Il Walker originale terminava con lui che diventava padre, per dire... non vedo il problema dell'avere un protagonista papà... Boh, a volte vivi di preconcetti stagni, non so manco se lo fai apposta tanto mi sembrano assurdi.

      Moz-

      Elimina
    4. Beh sì, se non fosse stato per rivedere un po' in azione il caro Sammy, probabilmente non l'avrei nemmeno visto questo remake :P
      certo non tutto mi è piaciuto, ma nemmeno mi sento di distruggerlo, la figlia di Walker è un bel tipo ad esempio ;)

      Elimina
    5. Ecco, ma io avrei trasmesso questo Walker di sera, due puntate a settimana!

      Moz-

      Elimina
  22. Ma il bambino di Kiss me Licia aveva la parrucca o i boccoli erano suoi di natura?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Parrucca 😅💪
      Forse era riccio anche di suo, ma quella è una parrucca!

      Moz-

      Elimina
  23. Italia 1, la rete della nostra infanzia e infatti... morta decrepita, sostituita praticamente da Netflix.
    A parte Le Iene e qualche altro programmino, un canale morto purtroppo.
    Io credo che l'epoca d'oro di Italia 1 è stata quella dei primi anni 90, se vai a vedere il palinsesto di quegli anni praticamente il 90% dei programmi erano autoproduzioni. E poi c'erano Mai dire Tv e Mai dire Gol, di che stiamo parlando...!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, oggi le autoproduzioni sono nulle, se non il noioso TikiTaka (fastidioso sin dal nome) e poco altro...
      Davvero ZERO, ma potrebbero anche portare programmi dall'estero e doppiarli, solo che ormai la rete ha perso la sua identità.

      Moz-

      Elimina
    2. Ma KiloKaka il TiKiTaka? 😄😄

      Elimina
    3. Penso comunque tanti... XD

      Moz-

      Elimina
  24. Io preferisco il periodo tra fine anni '90 e inizi 2000 quando hanno trasmesso gli anime più amati: Dragon Ball, Pokémon. One Piece, Detective Conan, Naruto ecc ecc qualcosa di meraviglioso :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente un bel periodo, ma anche altri non sono stati da meno^^

      Moz-

      Elimina
    2. Certo non lo metto in dubbio! Io ho seguito Italia 1 principalmente nel periodo 1997 - 2005 poi abbastanza anche nel 2006-2010 dopodiché soltanto saltuariamente perché offriva sole le repliche asfittiche di Dragon Ball Z e i Simpson, programmi trash come Tamarreide...

      Oggi avrebbero eccome materiale per rilanciarsi ma non hanno voluto e il canale rimane in vita solo perché altrimenti ci sarebbero migliaia di disoccupati...

      Elimina
    3. E pensare che con un MINIMO di piano ponderato, potrebbero tornare a fare faville.
      Invece i programmi sembrano essere buttati lì, come se manco ci fosse un palinsesto...O almeno, io non ho la percezione di palinsesto.

      Moz-

      Elimina
    4. Non solo una percezione tua ma un dato di fatto

      I Simpson [HD ch.506]
      animazione, film
      14:26
      I Simpson [HD ch.506]
      animazione, film
      14:52
      I Simpson [HD ch.506]
      animazione, film
      15:17
      Young Sheldon - PrimaTv [HD ch.506]
      commedia, serie tv
      15:43
      Big Bang Theory [HD ch.506]
      commedia, serie tv
      16:10
      Big Bang Theory [HD ch.506]
      commedia, serie tv
      16:35
      Modern Family [HD ch.506]
      commedia, film
      17:00
      Modern Family [HD ch.506]
      commedia, film
      17:31
      Due uomini e 1/2 [HD ch.506]
      commedia, serie tv
      17:56
      Due uomini e 1/2 [HD ch.506]

      Dove vai con palinsesto del genere? Se mandiamo a casa L. C. E al suo posto mettiamo gente che conosce un minimo il mondo attuale Italia 1 rinascerebbe...

      My Hero Academia sprecato, Hakyuu non ci hanno creduto, il remake di Dai neanche preso in considerazione, Naruto Shippuden nuovi episodi ogni morte di Papa, One Piece manga vendutissimo tanto da aver occupato le primissime posizioni l'anime trasmesso senza saperlo sfruttare...

      Elimina
    5. In effetti sembrano titoli buttati lì per riempire il pomeriggio, senza che si abbia effettiva percezione del palinsesto.
      Ma pure la mattina, tutti quei CHICAGO polizia pompieri e via dicendo, sembra come se abbiano i diritti di sole 4 serie e ci riempiono ore e ore di trasmissioni... a casaccio.

      Moz-

      Elimina
  25. Demon Slayer doppiato poteva essere una grandissima esclusiva in prima serata per Italia 2... Quante occasioni sprecate :(

    Ascolti di ieri lunedì 10 gennaio 2022

    Simpson – 736 4.77
    Simpson – 766 5.17
    Simpson – 663 4.68
    Young Sheldon – 462 3.62
    Big Bang Theory – 327 2.70
    Modern Family – 250 1.99
    Due Uomini e ½ – 305 2.08

    Ascolti straordinari XD l'unico che si salva un po' Young Sheldon, le altre sit-com hanno fatto ascolti bassissimi... Modern Family appena 200.000 share 1.99%, com'è possibile non rendersi conto del fallimento totale? Basterebbero 1-2 nuovi anime al giorno + 1-2 serie tv interessanti + 1 prigramma ai pomeriggio nuovo + tanta pubblicità... Con Hakyuu, Demon Slayer, i sempreverdi One Piece e Naruto Shippuden, Italia 1 e Italia 2 avrebbero ottenuto tantissima pubblicità e interesse mediatico ma manca proprio la voglia di rilanciarsi :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu pensa che io sono un fan di Young Sheldon, e non mi è MAI venuto in mente di accendere Italia1... non so se sia normale. È come se non riescono a dirmi "guarda, c'è questo bel programma a quest'ora"... è tutto campato in aria, e mi dispiace.

      Moz-

      Elimina
    2. Mediaset per il suo immobilismo non può usare la scusa degli ascolti perché Big Bang Theory
      Modern Family, Due Uomini e ½ fanno ascolti miseri... Allora, perché non rilanciarsi con 2 anime nuovi e popolari + 2 serie tv nuove e popolari + 1 programma nuovo e coinvolgente*?

      Almeno creerebbero interesse mediatico... Tutti parlerebbero di Italia 1, perché su Italia 1 trasmette Hakyuu doppiato, trasmette la nuova attessima serie di My Hero Academia, qualche nuova serie tv**, qualche nuovo programma.

      Italia 1 sarebbe un canale vivo e con novità per quale vale la pena seguirlo.

      *Il programma recensito da Denny e **Chucky in prima tv sembrano finalmente novità interessanti ma riguardano solo prima serata e seconda serata.

      Elimina
    3. Ecco, appunto. Riesce a sorprendere con la prima TV assoluta di Chucky, battendo ogni piattaforma e andando quasi in contemporanea con l'America (lì la serie è terminata da un mese e mezzo).
      E poi si perde in tutto il resto della giornata...

      Moz-

      Elimina